10 novembre 2021
vino
/
vendemmia
Condividi il link su:

Vendemmia UE 2021/22: storicamente bassa ma di ottima qualità

Dopo le previsioni iniziali del Copa e della Cogeca sulla vendemmia pubblicate a settembre, i dati aggiornati alla fine del periodo della vendemmia dimostrano che le previsioni erano corrette: le rese sono diminuite notevolmente. Il lato positivo di questa vendemmia è l'eccellente qualità dei vini prodotti. Le stime della vendemmia 2021/22 sono state presentate durante l'evento annuale della vendemmia del Copa-Cogeca intitolato "Fare il punto sulle tendenze del mercato e dei consumatori - La strada da seguire".

La maggior parte dei paesi, e soprattutto i tre maggiori paesi produttori (Italia, Spagna e Francia), hanno registrato un calo significativo della produzione che è paragonabile alla campagna 2017/18; che è stata registrata come un'annata molto negativa per il settore. Le gelate primaverili, la siccità estiva, alcune grandinate e le alte temperature occasionali nel mese di settembre, insieme alle malattie delle piante in alcuni paesi, sono da biasimare per le basse rese.

Il cambiamento climatico è naturalmente uno dei temi più urgenti che il settore affronta quotidianamente e nel quale sta facendo investimenti importanti. L'argomento è stato anche il tema dominante di un evento sul futuro del settore organizzato oggi dal gruppo di lavoro sul vino del Copa e della Cogeca. Nell'introduzione dell'evento, il presidente Luca Rigotti (nella foto) ha sottolineato: "Gli eventi climatici di quest'anno dimostrano in che misura il cambiamento climatico si ripercuote sull'agricoltura e indicano le sfide che il settore del vino dovrà affrontare in futuro. I viticoltori sono ben consapevoli di queste sfide e il settore ha già messo in atto diversi progetti di sostenibilità che sono sostenuti da certificati di qualità. Tuttavia, per continuare questo percorso virtuoso e andare oltre, i viticoltori hanno bisogno di risorse e tempo adeguati, accompagnati da ricerca e tecnologie innovative. Questi strumenti sono essenziali per mantenere la competitività dei vini europei sui mercati internazionali".

Affrontando l'attuale situazione del mercato del settore, il presidente l'ha definita agrodolce: "Da un lato, ci sono sviluppi positivi nel mercato con la ripresa dei consumi dopo l'apertura del settore HoReCa e con la ripresa delle esportazioni in seguito alla sospensione delle tariffe statunitensi legate alla disputa Airbus/Boeing. D'altra parte, constatiamo con grande preoccupazione che i costi di produzione e di trasporto sono aumentati in modo esponenziale. Più precisamente, i costi delle materie prime, dell'energia e dei trasporti sono aumentati in alcuni casi a livelli non sostenibili e ingiustificati, rischiando così di erodere le marginalità e di compromettere la nostra competitività."

L'evento ha riunito esperti del mondo accademico, delle istituzioni dell'UE e del settore stesso per discutere la via da seguire per il settore, affrontando sia le sfide che le opportunità, comprese quelle dei cambiamenti dei modelli di consumo, la nuova Pac e l'apertura di nuovi mercati.

Fonte: Copa Cogeca

Risorse correlate
Amministratori
RIGOTTI LUCA