14 agosto 2020
Condividi il link su:

Torna al Festival dell’Economia “Re-play2… una piazza che cresce in rete per un ambiente sostenibile”

Anche quest'anno la Fondazione Franco Demarchi dal 25 al 27 settembre parteciperà al Festival dell'Economia con un programma che aderisce al filo conduttore “Ambiente e crescita”. L’obiettivo generale, considerando anche le difficoltà di quest’anno, è di potersi rincontrare ancora una volta nella suggestiva piazza Santa Maria Maggiore a Trento e tessere relazioni di valore attraverso un programma di iniziative e attività titolato "RE-PLAY2… una piazza che cresce in rete per un ambiente sostenibile". Come lo scorso anno l’ideazione del percorso tematico vede la proposta di tre filoni distinti: Ri-genera, esperienze di welfare generativo e con forte impatto sociale, Ri-elabora, spazi di riflessione su tematiche attuali (pandemia, ambiente, ...) e Ri-crea, un mercatino di vendita di prodotti provenienti da upcycling e agricoltura sociale.

Anche quest'anno la Fondazione Franco Demarchi dal 25 al 27 settembre parteciperà al Festival dell'Economia con un programma che aderisce al filo conduttore “Ambiente e crescita”. L’obiettivo generale, considerando anche le difficoltà di quest’anno, è di potersi rincontrare ancora una volta nella suggestiva piazza Santa Maria Maggiore a Trento e tessere relazioni di valore attraverso un programma di iniziative e attività titolato "RE-PLAY2… una piazza che cresce in rete per un ambiente sostenibile". Come lo scorso anno l’ideazione del percorso tematico vede la proposta di tre filoni distinti: Ri-genera, esperienze di welfare generativo e con forte impatto sociale, Ri-elabora, spazi di riflessione su tematiche attuali (pandemia, ambiente, ...) e Ri-crea, un mercatino di vendita di prodotti provenienti da upcycling e agricoltura sociale.

Nell'ambito del Festival dell’economia la Fondazione Franco Demarchi ritornerà in piazza Santa Maria Maggiore con alcune narrazioni di un sociale attivo, territoriale, sostenibile, solidale e generativo, sempre attento alle tematiche ambientali e pronto a creare spazi di riflessione su situazioni difficili e di vulnerabilità sociale come quelle generate dalla pandemia del Covid-19.

Le molteplici proposte in piazza, attivate sempre nel rispetto della normativa anti Covid, prevedono, ad esempio, la presentazione di progettualità di chi ha saputo mettersi in gioco nella vita e fare “strike”, anche attraverso esperienze di solidarietà e di sostenibilità ambientale, momenti di sensibilizzare sull'importanza degli SDGs (Obiettivi di Sviluppo Sostenibile), l’illustrazione di progetti spaziali e ambientali, oltre alla proposta di attività interattive per coinvolgere il pubblico in una riflessione sul tema dell’emergenza climatica in Trentino. Saranno poi presentate alcune progettualità giovanili e l’esperienza del concorso “Street Earth on Tour”. Si potranno altresì conoscere progetti di agricoltura e di sostenibilità sociale, acquistandone anche i relativi prodotti, ascoltare le storie di fragilità dei “Libri parlanti” e partecipare ad un’istallazione sull’empatia, occasione di riflessione sulle tematiche dell’inclusione e dello stigma.

I visitatori potranno anche essere coinvolti nella realizzazione di una mappa emotiva e nella partecipazione a giochi da tavolo su sani stili di vita. Durante le tre giornate saranno allestite, sempre in piazza di Santa Maria Maggiore, una mostra sul tema del rispetto e la cura dell’ambiente e dei diritti di chi lo abita e una mostra sulla biodiversità e i suoi benefici sulla qualità della nostra vita.

Nella mattinata del 26 settembre sarà organizzato un incontro che mira a mettere in luce nuove prospettive su un’economia emergente solidale, sostenibile ed ecologica. Sono sempre di più i progetti sul territorio italiano ed europeo che si muovono alla ricerca di una sostenibilità sia ambientale che sociale. Qual è la chiave per coniugare questi due aspetti dando vita anche a realtà imprenditoriali che portino valore aggiunto ai territori e alle comunità? Per dibattere su tali questioni interverranno testimoni diretti, portatori di buone pratiche attraverso il racconto di esperienze dirette.

Le realtà e le progettualità presenti saranno: Agenzia per la famiglia, la natalità e le politiche giovanili (Pat), Associazione Centro Astalli Trento onlus, Associazione CoderDolomiti, C.S.4. scs, Emergency ong onlus, Politiche giovanili (Comune di Trento), "Questione di stile. Vivere lo spazio in modo creativo" (progetto della cooperativa Arianna in collaborazione con associazione A.M.A., APCAT Trentino Onlus, APS Carpe Diem, cooperativa Progetto 92, Forum delle associazioni familiari, associazione Non Profit Network - Centro servizi volontariato Trentino, Uisp Trento, Servizio Dipendenze ed alcologia dell'Apss), Radio NBC Radio Regione - La Radio delle Alpi, Servizio Sviluppo Sostenibile e Aree protette – Servizio Agricoltura (Pat), "Tutti nello Stesso Campo" - La Rete scs.