22 dicembre 2018
Condividi il link su:

Inaugurato a Levico il negozio della Famiglia Cooperativa Alta Valsugana

Oggi pomeriggio il taglio del nastro che ha simboleggiato il raggiungimento di un nuovo traguardo inteso come volontà di servire sempre meglio il consumatore.

Oggi pomeriggio il taglio del nastro che ha simboleggiato il raggiungimento di un nuovo traguardo inteso come volontà di servire sempre meglio il consumatore.

C’è del nuovo in via delle Casotte a Levico Terme.

La novità appartiene al negozio della Famiglia Cooperativa Alta Valsugana e arricchisce l’offerta commerciale indirizzata a residenti e ospiti della cittadina termale.

La cerimonia inaugurale si è tenuto oggi pomeriggio.

L’evento ha preso il via con la relazione di Giorgio Paternolli, presidente della Famiglia Cooperativa Alta Valsugana. “Entrare per fare la spesa in un negozio così bello è sicuramente una cosa piacevole e che aiuta – ha osservato – ma il principale obiettivo per usufruire di questo punto vendita resta sempre l’ideale cooperativo. Quanto ricavato dalla nostra attività economica viene interamente redistribuito sul territorio. La cooperazione attraverso la valorizzazione dei soci è partecipazione, autogoverno e solidarietà”.

La “genuinità e la bontà dei nostri prodotti, con la qualità della filiera e la serietà dei controlli – ha aggiunto – faranno sempre più la differenza. Anche questi aspetti ci portano a ragionare sull’importanza di mangiare sano per la nostra salute e per quella dei nostri cari”.

Il negozio “è stato completamente rinnovato tanto da garantirgli caratteri di assoluta modernità – spiega Giuseppe Mattedi, il direttore della cooperativa di consumo - Il restyling ha interessato interni ed esterni. Un progetto impegnativo che abbiamo condotto in porto nei tempi previsti. Un progetto che dimostra la nostra volontà di servire nel modo migliore i molti che, nella quotidianità, ci esprimono fiducia”.

La superficie di vendita misura 550 metri quadrati. Il punto vendita propone al consumatore un paniere di prodotti quasi prevalentemente alimentare. Il responsabile è Paolo Conci. Guida uno staff di una decina di collaboratori a servizio quotidiano di soci e clienti.

Gli organismi centrali della Cooperazione Trentina sono stati rappresentati da Marina Mattarei, presidente della Federazione. “Qui tocchiamo con mano la forza imprenditoriale e la funzione sociale di una Famiglia Cooperativa – ha detto – La capacità di riuscire a investire significa che esiste una forza”. Ha poi dedicato una sottolineatura al socio. “E’ fondamentale valorizzare il socio – ha aggiunto – per una prospettiva rigenerativa della cooperazione. Perché il socio è il protagonista principale della cooperativa e della cooperazione”.

Walter Facchinelli, vicepresidente della Federazione per il settore del consumo, ha evidenziato che “la convenienza, la salubrità dei prodotti e, naturalmente, la figura del socio sono valori distintivi di una cooperativa di consumo”.

Un complimento per questa realizzazione è stato espresso da Renato Dalpalù, presidente di Sait: “un bel punto vendita, ora spetta ai soci e ai clienti valorizzarlo nel modo migliore”.

All’evento ha partecipato anche Mario Tonina, assessore provinciale alla Cooperazione. “”Un evento inaugurale dimostra vitalità e voglia di progredire – ha sottolineato – Una realtà cooperativa è una impresa ma è anche un punto di ritrovo per creare socialità”.

Benedizione della struttura affidato a don Franco Pedrini e taglio del nastro hanno ultimato la cerimonia di inaugurazione.

La Famiglia Cooperativa Alta Valsugana ha sede a Caldonazzo. Conta sette punti vendita (oltre a Caldonazzo e ai due di Levico) è presente a Calceranica, Centa San Nicolò, Barco e Selva di Levico. I soci sono 3150, i collaboratori una cinquantina. Il fatturato è superiore ai 10 milioni di euro.