01 luglio 2020
Condividi il link su:

Cassa Rurale Val di Sole: Claudio Valorz confermato presidente

L'assemblea dei soci ha approvato il bilancio ed eletti gli amministratori.

L'assemblea dei soci ha approvato il bilancio ed eletti gli amministratori.

L’Assemblea dei Soci della Cassa Rurale Val di Sole, guidata dal presidente Claudio Valorz (a sinistra nella foto) e dal direttore Marco Costanzi (a destra nella foto), si è riunita in assemblea ordinaria lo scorso 26 giugno ed è stata caratterizzata dalle modalità messe in campo per rispondere alle limitazioni imposte dalle disposizioni Covid 19.

Al fine di ridurre al minimo i rischi connessi all'emergenza sanitaria in corso, la Cassa Rurale si è infatti avvalsa della facoltà - stabilita dal Decreto 'Cura Italia' - di prevedere che l'intervento dei soci in assemblea potesse avvenire esclusivamente tramite il Rappresentante Designato – individuato per la Cassa Rurale nel notaio Alfredo Dondi e, pertanto, senza la partecipazione fisica dei soci.

Nonostante le particolari modalità, l’Assemblea ha visto una significativa partecipazione dei soci. Erano presenti per delega complessivamente 1.591 soci pari al 31% dei soci aventi diritto 5.124. Il bilancio è stato approvato a larghissima maggioranza.

I dati del bilancio

Nel 2019 le masse complessive della raccolta (diretta, amministrata e risparmio gestito) hanno raggiunto 674 milioni 442 mila euro. Aumento di 43 milioni 869 mila euro su base annua (incremento del 6,96%) a conferma della fiducia dei soci e dei clienti alla Cassa Rurale. La raccolta diretta è stata di 435 milioni 981 mila euro (+2,21% rispetto al 2018). Rappresenta il 65% della raccolta complessiva. La raccolta indiretta, invece, ha registrato un aumento di 34 milioni 426 mila euro (+17%) a conferma e consolidamento del trend degli ultimi anni.

Al 31 dicembre 2019 gli impieghi (i prestiti) hanno toccato la cifra di 348 milioni 533 mila euro, in diminuzione di 16 milioni 550 mila euro (-4,53%) rispetto all’esercizio 2018. “La riduzione ha un perché – viene spiegato – Si collega alla forte diminuzione dei crediti deteriorati che passano da 59 milioni 418 mila del 2018 a 40 milioni 240 mila euro di fine 2019 (-19 milioni 178 mila euro che corrisponde a -32,28%). I crediti in bonis passano da 305 milioni 665 mila euro del 2018 a 308 milioni 293 mila euro del 2019 (+0,86%)”.

Il rapporto impieghi/depositi è dell’80%: significa che, ogni cento euro raccolti, ottanta vengono reinvestiti sul territorio.

La Cassa Rurale è solida. Il patrimonio è pari a 71 milioni 66 mila euro, in aumento di 13 milioni 214 mila euro (+22,84%) rispetto allo stesso dato di fine 2018.

Anche il CET1 conferma la solidità dell’istituto di credito cooperativo: a fine 2019 aveva raggiunto il 20,71% rispetto al 14,85% di fine 2018.

L’utile lordo è di 3 milioni e mezzo di euro (per l’esattezza: 3 milioni 522 mila euro) in aumento di 394 mila euro rispetto all’esercizio precedente (+13%).

Lo staff è formato da 67 collaboratrici e collaboratori impegnati ogni giorno nella sede e nella rete di filiali. Quarantuno uomini, 26 donne. La quasi totalità ha contratto a tempo indeterminato. I soci sono 5112: nel 2019 i nuovi ingressi sono stati 96.

Il bilancio sociale

Cassa Rurale Val di Sole ha mantenuto funzione sociale e impegno verso il mondo dell’associazionismo, del volontariato, della cultura, dello sport e del turismo sostenendo, nel corso del 2019, le realtà attive sul territorio servito nella quotidianità. Gli interventi sono stati 194 per un valore di 286 mila 318euro.

L’attenzione è stata indirizzata anche ai giovani impegnati nel proprio percorso formativo: nel 2019 sono stati premiati 97 studenti per un investimento in cultura e sapere di quasi 40 mila euro.

Elezioni

E’ stato confermato il presidente Claudio Valorz che guiderà il consiglio di amministrazione per il prossimo triennio. Eletti consiglieri: Vito Pedergnana e Marco Pedergnana,

Presidente del collegio sindacale Renato Stefanolli. Effettivi: Elisa Panizza e Nicola Meneghini. Supplenti: Anna Gabrielli e Gino Berti.

Collegio dei probiviri: effettivi Stefano Carolli e Pamela Federici. Supplenti: Gianpaolo Maini e Mara Paternoster.