Dove sono finiti i sogni di Basaglia? Mercoledì, 21 Novembre 2018

Una mostra fotografica promossa dalla cooperativa sociale Gruppo '78 che presenta 40 scatti 40 anni dopo la chiusura dei manicomi. Obiettivo? Sensibilizzare scuole e cittadinanza sul tema della Salute Mentale.

La cooperativa sociale Gruppo 78 ha deciso di portare a Rovereto una interessante mostra fotografica dal titolo 'Dove sono finiti i sogni di Basaglia?' realizzata per la ricorrenza dei 40 anni dalla legge che ha chiuso i manicomi. La cooperativa, infatti, è nata proprio in quell'anno, muovendo i primi passi con questa legge e occupandosi di disagio sociale e di salute mentale.

La mostra è frutto di un progetto curato dal fotografo Alessio Coser e dal giornalista Jacopo Tomasi, realizzato con l’obiettivo di capire se l’eredità della rivoluzione avvenuta alla fine degli anni Settanta da Franco Basaglia sia stata raccolta e sviluppata. Gli scatti esposti in mostra raccontano sei città italiane (Trento, Trieste, Gorizia, Palermo, Roma e Cagliari), visitate tra la fine del 2017 e l’inizio del 2018, raccogliendo storie, visitando luoghi, parlando con psichiatri, utenti, infermieri, educatori, volontari, familiari.

«Abbiamo incontrato realtà molto diverse tra loro», spiegano Coser e Tomasi. «Luoghi in cui la solitudine e la sofferenza sono ancora molto presenti, altri in cui si percepiscono la voglia di cambiare, di affrontare la malattia mentale con spirito di partecipazione. Un’Italia che, nell’ambito della salute mentale, viaggia a tante velocità diverse».

Le persone che soffrono di disturbi psichiatrici, in Italia, sono quasi un milione. Numeri in aumento non solo nel nostro Paese, ma anche a livello globale. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità questi disturbi sono destinati a superare per incidenza le malattie cardiovascolari, attualmente al primo posto. Purtroppo questo argomento è poco affrontato.

Per questo l’obiettivo del progetto è anche, e soprattutto, la sensibilizzazione. Una mostra rivolta specificatamente agli studenti delle scuole superiori, ma aperta a tutta la cittadinanza, con visite guidate curate dagli autori. Un’occasione di conoscenza e quindi di comprensione ed acquisizione di consapevolezza su un argomento che rappresenta ancora troppo spesso un tabù; per contrastare stigma e pregiudizio.

Probabilmente troverai di tuo interesse anche

  • Valore lavoro 2014 - Nè più nè meno Venerdì, 09 Gennaio 2015

    Il nuovo laboratorio artigianale "Nè più nè meno" a Rovereto è frutto della collaborazione tra tre cooperative sociali della vallagarina: Il ponte, Iter e Gruppo 78. Al suo interno vengono realizzati prodotti nati da materiali altrimenti abbandonati: carta da parati, pneumatici, cartone, stoffe, cinture di sicurezza e molto altro. Lì i ragazzi con disagio si sperimenteranno nella vendita di prodotti e quindi in nuove attività di socializzazione

  • L'albero della vita: Gruppo 78 Martedì, 23 Ottobre 2012

    Come si può desumere dal nome, “Gruppo 78” nasce nel 1978 a Volano, dove tutt'ora esiste la sede amministrativa. Nasce in concomitanza alla promulgazione della Legge 180, la cosiddetta “Legge Basaglia”, che implica la chiusura immediata dei manicomi. E' così che la cooperativa si specializza in questo ambito, proprio per rispondere alle problematiche del disagio psichico. Dai laboratori per i prerequisiti lavorativi di Mas del Gnac a Isera, che producono prodotti biologici, agli...