Cassa Rurale Val di Sole al “Bivio”: edizione inedita per i Premi allo studio Mercoledì, 07 Aprile 2021

Per la prima volta la celebrazione dei Premi allo studio della Cassa Rurale Val di Sole è andata in scena online su Zoom con l’evento “Al Bivio: affrontare le scelte con estetica, in assenza di segnaletica”.

I tempi cambiano ma la Cassa Rurale è stata capace comunque di alimentare l’entusiasmo delle 200 persone collegate tra cui i 119 premiati. Il Premio allo Studio è un riconoscimento in denaro a favore di soci o figli di soci che si sono distinti nel loro percorso di studi 

La serata, moderata da Valentina Delpero e Angelica Pancheri, giovani collaboratrici della Cassa Rurale, si è articolata in cinque momenti e si è aperta con il saluto del presidente Claudio Valorz e col suo invito all’apprendimento continuo nel corso della vita e a mettere le competenze acquisite a disposizione del territorio e della comunità che in questo momento ne sono particolarmente bisognosi.

Il direttore Marco Costanzi ha sottolineato quanto la storia della cooperazione sia radicata sul territorio locale e ha evidenziato la relazione come punto di forza di una banca di credito cooperativo: una relazione approfondita, consolidata e basata su un rapporto di fiducia, che assume una rilevanza crescente nel contesto attuale dominato dalla digitalizzazione e dalla comunicazione a distanza 

Ospite d’eccezione è stato Sebastiano Zanolli, il manager e autore di “La Grande Differenza”, che nel suo motivational speech ha offerto alcune chiavi di lettura per prepararsi ad un futuro senza segnaletica: è importante mantenersi “rilevanti” e interessanti, curando la propria reputazione personale e professionale, essere curiosi, mettersi in gioco progettando soluzioni innovative, e concentrarsi su ciò che è controllabile esprimendo il meglio di ciò che è in nostro potere.

La premiazione dei ragazzi è stata celebrata con un Videoclip accompagnato da nomi e foto dei premiati, distribuiti su varie categorie, dai 14 ai 26 anni: scuola media inferiore, scuola media superiore, diploma professionale, laurea triennale, laurea magistrale e laurea a ciclo unico. Un sipario con dei sondaggi in diretta ha messo in luce come sono maturate le scelte di studio di questi ragazzi: l’89% degli studenti ha scelto il percorso di studi sulla base di interessi, abilità e propensioni individuali; il 57% ha preferito una formazione altamente specializzata a una formazione generale e multisettoriale.

In rappresentanza di tutti gli studenti premiati, è stata intervistata Luisa Cicolini, classe 1998, che nel proprio percorso di studi ha incontrato diversi bivi: dopo il liceo classico, ha scelto la laurea triennale in ingegneria energetica, durante la quale ha scoperto la passione per l’informatica e ha deciso di coltivarla. Il messaggio di Luisa è stato chiaro: nessuna decisione è ineluttabile e qualunque strada intraprendiamo ci apre le porte e nuove e inattese opportunità, quindi conviene lasciarsi stupire dal percorso della vita.

Infine un breve richiamo anche a quei giovani presenti che oltre ai meriti scolastici hanno ottenuto anche importanti risultati sportivi a livello nazionale e internazionale. Tra questi ha preso la parola il campione del mondo di scialpinismo Davide Magnini portacolori di una stagione entusiasmante.

Fonte: Cassa Rurale Val di Sole

Probabilmente troverai di tuo interesse anche