14 novembre 2019
Condividi il link su:

Tutto esaurito al convegno della Cassa Rurale Val di Non

Successo per l’incontro informativo dedicato ai soggetti economici della valle.

Successo per l’incontro informativo dedicato ai soggetti economici della valle.

Grande partecipazione di pubblico al convegno organizzato dalla Cassa Rurale Val di Non martedì 12 novembre alla Sala Polifunzionale di Cles. Titolo dell’incontro “La Cassa con le imprese: un rapporto in evoluzione”.

Appuntamento molto atteso dalle imprese di Valle, che hanno riempito la Sala a dimostrazione dell’interesse per queste tematiche. Apertura dedicata ai saluti istituzionali del Presidente della Cassa Rurale Silvio Mucchi e, a seguire, del Direttore Generale Massimo Pinamonti, che ha presentato al pubblico la nuova area aziendale dedicata alle imprese, “Centro Consulenza Imprese e Estero”, composto da quattro consulenti specializzati nelle tematiche del credito e dei servizi alle imprese, con gli uffici al primo piano della Sede di Cles in Via Marconi.

Spazio quindi ai brillanti e approfonditi interventi dei relatori: l’avvocato Danilo Galletti, professore ordinario di Diritto Commerciale all’Università degli Studi di Trento, ha relazionato in merito ai nuovi modelli organizzativi d’impresa, facendo riferimento alla nuova normativa europea e italiana in materia di continuità d’impresa.

A seguire il dottor Ettore Battaiola, Vicedirettore dell’Area Crediti di Cassa Centrale Banca, ha concentrato la sua relazione sul merito di credito alla piccola e media impresa, sottolineando concetti di rating (rapporto tra rating e limiti alla concessione di credito), organizzazione aziendale, novità normative per le banche, Centrale dei rischi, Codice della Crisi d’Impresa e dell’Insolvenza (D. Lgs. 14/2019) e “bancabilità” di un progetto imprenditoriale, strumenti utili alle imprese di Valle.

La Cassa Rurale proseguirà l’organizzazione di altri incontri le per imprese e la Comunità, con un ricco calendario in via di definizione, che sarà diffuso a Soci e Clienti con i consueti canali di comunicazione.

Fonte: Cassa Rurale Val di Non