Condividi il link su:

Scopri le proposte formative 2022-2023 di inFederazione

La proposta della Federazione non comprende soltanto contenuti di aggiornamento legale, contabile, fiscale, giuslavoristico. Offre anche spazi di confronto tra cooperative, che sappiano generare possibilità di contaminazione reciproca tra chi li frequenta e conseguente passaggio di idee e buone pratiche

Sulla centralità della formazione si spendono sempre parole favorevoli, parole che solitamente mettono tutti d’accordo. Tanto più in una stagione incerta, burrascosa come quella che in cui siamo immersi sul piano economico, sociale e ambientale.

Ma in che termini la formazione proposta dalla Federazione può rappresentare una “bussola” per le cooperative trentine? La risposta a questa domanda la ricaviamo ogni volta che, in conclusione di un percorso formativo, raccogliamo le valutazioni dei e delle partecipanti.

Certamente i temi, gli approfondimenti, le conoscenze costituiscono la condizione “sine qua non” affinché un’azione formativa sia percepita come qualitativamente alta e quindi utile sul piano pratico. Temi che devono riguardare l’attualità, la contingenza, le trasformazioni che tutte le organizzazioni vivono in un’epoca di accelerata transizione digitale, economica, ecologica. A tutto ciò, un’associazione di categoria non può che aggiungere una funzione di servizio, nel rendere fruibili e tempestivamente accessibili i contenuti di aggiornamento legale, contabile, fiscale, giuslavoristico.

Per questi motivi è stato progettato un calendario della formazione per offrire a cooperatori e cooperatrici opportunità diverse per sviluppare nuove competenze e accrescere la propria professionalità cooperativa.

Sono tredici le proposte formative progettate dall’Area Formazione e Cultura Cooperativa per offrire a cooperatori e cooperatrici l’occasione di lavorare, nei prossimi mesi, sulle proprie competenze e divenire agenti di cambiamento all’interno delle proprie imprese.

I primi due percorsi, realizzati in collaborazione con le associazioni Donne in cooperazione e Giovani cooperatori trentini, sono rivolti a chi vuole conoscere meglio il sistema cooperativo: “GenerAzioni cooperative: un altro modo di fare impresa” ha coinvolto, in particolare, soci, socie e personale neoassunto interessati a comprendere meglio il funzionamento di un’impresa cooperativa; “Prepararsi ad amministrare un’impresa cooperativa”, invece, si è rivolto alle persone che desiderano candidarsi al cda della propria cooperativa, ma anche ad amministratori e amministratrici neoelette.

Prosegue il cammino iniziato negli anni scorsi con la costituzione di alcune comunità di pratica. È il caso della terza annualità di “Di venerdì”, appuntamenti periodici per chi è responsabile della gestione di contabilità, amministrazione, finanza e controllo nell’impresa cooperativa, da cui è nata una community attiva di persone iscritte all’intero percorso, che hanno la possibilità di confrontarsi, anche con docenti ed esperti, sulle tematiche di maggiore interesse e attualità del loro lavoro. Quest’anno il percorso è arricchito da un pacchetto “Novità e aggiornamenti fiscali”, acquistabile anche singolarmente.

Tornano a incontrarsi anche il gruppo di middle manager che aveva partecipato a “Futuri cooperativi”, grazie al nuovo “Futuri cooperativi_lab”, e i partecipanti a “Work Tank: l’incubatore di pensiero delle cooperative di produzione lavoro”, che in questa seconda annualità avranno a disposizione anche i Work Tank Cafè per confrontarsi e dialogare sulle tematiche di attualità e le prospettive per il settore.

Nuova edizione per le proposte settoriali di “Il consumo che verrà. Motivare i team alla centralità di soci e clienti”, per direttori, direttrici e responsabili di Famiglia Cooperativa, “Darsi credito. Formazione generativa per il credito cooperativo contemporaneo”, per dipendenti, dirigenti e membri del cda delle Casse Rurali, e “I care”, percorso progettato in collaborazione con il settore della cooperazione sociale, per persone interessate a lavorare nell’ambito dell’assistenza a domicilio e cura alla persona.

Per lavorare sulle proprie abilità comunicative sono in programma “Negoziare, decidere, comunicare. Alleniamoci a gestire situazioni complesse”, per sperimentare modalità comunicative e tecniche di negoziazione coerenti con la situazione e i propri obiettivi, e “Prima il contenuto. Per una comunicazione efficace”, per scegliere il contenuto migliore per raccontare la propria attività e imparare a costruirlo in modo efficace.

Al personale neoassunto è stato dedicato “Lavorare in cooperazione”, un percorso volto a generare, tra l’altro, consapevolezza e motivazione connesse al lavorare nel sistema cooperativo. “Professione HR”, invece, è rivolto a quanti si occupano di gestione delle risorse umane nelle cooperative, per rafforzare le competenze principalmente nella selezione del personale, nello sviluppo e valorizzazione delle risorse, nel benessere organizzativo e nella comunicazione.

Alla gestione efficace e coerente di progetti e gruppi di lavoro è dedicato, infine, “Lavore per obiettivi. Il project management e il lavoro in team per la gestione del cambiamento al tempo della ripresa e della resilienza”, un percorso che integra le tecniche del project management e le metodologie di team management.

Il programma dettagliato di ogni percorso, con obiettivi formativi, contenuti, docenti e date, è disponibile online su inFederazione.it/formazione