23 luglio 2021
Condividi il link su:

Grandine in Anaunia e in Rotaliana, il sopralluogo dei vertici di Codipra e dell’assessore Zanotelli

Si stimano 600 ettari danneggiati di vigneti e oltre 500 di meleti. Sono iniziati oggi i sopralluoghi tecnici nei campi della Val di Non e della Piana Rotaliana, dove giovedì pomeriggio si è abbattuta una tempesta di chicchi di ghiaccio che in alcuni casi ha compromesso il raccolto d’annata, oltre ad alberi da frutto e impianti.
L'assessora Giulia Zanotelli: “Siamo qui per testimoniare la vicinanza della Provincia autonoma di Trento agli agricoltori che hanno perso un anno di lavoro”.
Nella mattinata il presidente di Codipra Giorgio Gaiardelli e il direttore Marica Sartori, assieme all’assessore all’agricoltura Giulia Zanotelli, hanno visitato i meleti di Predaia e Ville d’Anaunia e i vigneti della zona di Mezzocorona e Roverè della Luna per portare la loro vicinanza e solidarietà direttamente sul campo agli agricoltori colpiti e constatare la situazione.
“Dalla prima visita – ha spiegato Sartori – possiamo evidenziare come i vigneti più colpiti siano nella zona che va da Cadino a Maso Nuovo. Colpiti circa 600 ettari dei quali quasi 200 in maniera importante. Nell’area viticola i valori assicurati sono notevoli, si parla di oltre 13 milioni di euro. Quasi la totalità dei viticoltori, fortunatamente, ricorre all’assicurazione” – sottolinea Sartori.
“Proprio in questi momenti – commenta Giorgio Gaiardelli – ci rendiamo conto dell’importanza che rivestono gli strumenti di Gestione del Rischio per le nostre attività. Lo dico come agricoltore che dovrà fare i conti con importanti danni anche nella mia azienda”.
La violenta grandinata ha colpito pesantemente i meleti dei comuni di Predaia e Ville d’Anaunia, dove sono stati interessati significativamente oltre 500 ettari, con valori assicurati per quasi 25 milioni di euro.
Circa il 95% dei melicoltori e il 75% dei viticoltori trentini sono assicurati contro i danni da maltempo e dunque potranno contare su un intervento economico rispetto ai danni subiti. Inoltre, anche grazie a un contributo provinciale – a partire dal 2020 - è stato possibile estendere a tutti gli assicurati la polizza anche ai danni provocati agli impianti produttivi.

Fonte: Ufficio Stampa Provincia Autonoma di Trento e Codipra