06 maggio 2019
Condividi il link su:

Cassa Rurale Valsugana e Tesino: bilancio 2018 molto positivo

Il 2018 è stato un anno molto positivo per la Cassa Rurale Valsugana e Tesino (nella foto da sinistra il presidente Arnaldo Dandrea e il direttore Paolo Gonzo). L'anno è stato caratterizzato dal consolidamento di tutti gli indicatori economici e finanziari e da un utile importante.

Il 2018 è stato un anno molto positivo per la Cassa Rurale Valsugana e Tesino (nella foto da sinistra il presidente Arnaldo Dandrea e il direttore Paolo Gonzo). L'anno è stato caratterizzato dal consolidamento di tutti gli indicatori economici e finanziari e da un utile importante.

“Viene confermato il trend positivo dei risultati commerciali” precisa il direttore Paolo Gonzo “con la raccolta complessiva in crescita dell’ 1,2%, per un totale di 975 milioni di euro; un aumento importante della quota del risparmio gestito pari al 3,7% ed un incremento degli impieghi del 3,4% per un totale di 580 milioni di euro”.

Nel corso del mese di aprile la Cassa Rurale ha salutato il taglio di un importante traguardo: la raccolta complessiva ha superato quota 1 miliardo di euro

“Segno” dichiara il direttore Gonzo “che la direzione intrapresa è quella giusta: questo traguardo conferma la fiducia di famiglie e aziende nella nostra Cassa Rurale”.

La Cassa opera complessivamente con 23 sportelli distribuiti su di un territorio che si espande a cavallo di 3 province, da Roncegno Terme fino alle porte di Bassano del Grappa con il neonato Comune di Valbrenta, allargandosi ai primi comuni del bellunese (Arsiè, Fonzaso e Lamon).

Il numero dei clienti presenta una crescita costante in tutti i comparti, e si posiziona stabilmente sopra le 30.000 unità, come del resto anche quello dei soci della Cassa Rurale, attualmente oltre 8.600.

La forte fidelizzazione è testimoniata dalla copertura territoriale che nelle zone dove sono presenti le filiali “storiche” supera il 70% .

Il direttore Paolo Gonzo evidenzia inoltre come il credito deteriorato sia in costante calo e si stia avvicinando ai livelli pre-crisi: una gestione continua ed efficace del rischio creditizio ha permesso non solo il miglioramento deciso dei parametri di bilancio, ma di gestire e soddisfare nel migliore dei modi le richieste di finanziamento di famiglie e imprese provenienti dal territorio.

Ottima la situazione degli indicatori patrimoniali: il CET1 ratio è infatti passato al 15,95%, dato che conferma la solidità patrimoniale della Cassa.

“Il bilancio 2018 si chiude con un utile molto importante pari a 5.970.173 euro”, commenta il Presidente Arnaldo Dandrea “utile che risulta essere il più elevato degli ultimi anni, risultato di un impegnativo lavoro di evoluzione e consolidamento della nostra Cassa Rurale, affrontato in sintonia con le esigenze dei nostri territori, che possiamo dire, sta evolvendo positivamente”

La Cassa Rurale dal 1^ gennaio fa parte del nuovo Gruppo Bancario di Cassa Centrale Banca: riconoscimento positivo anche da parte della Capogruppo che nel suo modello di valutazione la posiziona in Classe 1, ovvero la classe migliore.

Il Bilancio sarà portato all’ approvazione dell’Assemblea dei soci che si terrà il prossimo 10 maggio maggio alle ore 18.30 al Palazzetto dello Sport di Borgo Valsugana.

Fonte: Cassa Rurale Valsugana e Tesino