Roberto Simoni è presidente al primo turno Venerdì, 31 Luglio 2020

È stato eletto dall’assemblea a maggioranza assoluta con 423 voti (il quorum richiesto era di 407 voti su un totale di 813). Andrea Girardi ha ottenuto 216 voti, Geremia Gios 174.

“Sarò il presidente di tutti – ha detto Simoni –. Insieme riusciremo ad individuare la strada giusta, anche in questo momento difficile. Lavoriamo ogni giorno per gli altri, ora dobbiamo scaricare a terra questa capacità e riprendere quel ruolo sociale che è fondamentale per il Trentino”.

Nel tardo pomeriggio verrà comunicato l’esito della votazione relativa alla composizione del Consiglio di amministrazione, di cui sono in corso gli scrutini.

Roberto Simoni è il nuovo presidente della Federazione Trentina della Cooperazione. Lo ha eletto la maggioranza dei soci + 1 al primo turno di votazione, senza dover ricorrere al ballottaggio. In tutto 423 voti, quindi oltre i 407 necessari. Non ce l’hanno fatta gli altri due candidati, Andrea Girardi (216 voti) e Geremia Gios (174).

“Sarò il presidente di tutti – ha esordito Simoni –. Insieme riusciremo ad individuare la strada giusta, anche in questo momento difficile. Lavoriamo ogni giorno per gli altri, ora dobbiamo scaricare a terra questa capacità e riprendere quel ruolo sociale che è fondamentale per il Trentino. Non bisogna confondere la crisi della Federazione con la crisi della Cooperazione”.

Il nuovo presidente ha ringraziato i soci e le socie e ha garantito che avrà spirito collaborativo ed inclusivo verso tutti.

 

Gli interventi dei tre candidati

“Mai come in questo momento disgraziato, il nostro movimento ha dato un esempio luminoso di quello che può fare nella nostra comunità – aveva detto nel suo discorso di presentazione –. Abbiamo eccellenze dei nostri settori che ci invidiano nel mondo. Oggi viviamo un orizzonte incerto, difficile, e abbiamo davanti prospettive nuove. Anche la cooperazione non potrà fuggire da questa contrazione forte dell’economia. Ma ce la faremo, supereremo questa fase con l’unione e la forza”. Sulla necessità di mettere i soci al centro, Simoni ha detto che il punto di partenza è il rapporto di fiducia. “Non confondiamo la crisi del cda con la crisi della cooperazione – ha specificato – che invece è solida”. Sul ricambio generazionale Simoni ha detto “Abbiamo pochi giovani che si interessano di cooperazione. Dobbiamo partire dal basso con progetti a loro dedicati, suscitando interesse. Creare percorsi anche nei comitati di settore. Non si può mandarli allo sbaraglio, senza esperienza necessaria”.

“Quello che vedo qui riunito oggi – aveva dichiarato nella sua relazione di presentazione il candidato alla presidenza Andrea Girardi rivolgendosi ai rappresentanti delle cooperative presenti– è espressione di un valore sociale stupendo e fondamentale per il territorio. Voglio ringraziare attraverso di voi i 200 mila soci e le strutture che continuano a perseguire un obiettivo comune, importante: il servizio alla persona umana sia dal puto di vista economico, sia finanziario che di sostegno al territorio, all’ambiente. La cooperazione è dappertutto. La cultura cooperativa deve riuscire a trovare una collocazione, farsi conoscere anche in altri ambiti. Continuare a creare valore per le persone in modo trasversale, in ogni centimetro del territorio trentino. Se la stella polare è il valore ce la faremo. Oggi è una festa per la cooperazione, momento di grande condivisione, per proseguire centimetro per centimetro nell’obiettivo di costruire il grande obiettivo”.

“La cooperazione rappresenta un modello specifico per unire l’idea di impresa con quello di mutualità, cioè del fare insieme – aveva aggiunto il candidato presidente Geremia Gios nel suo discorso introduttivo –. Mettere insieme capitale e uomo, che pur possono entrare in conflitto”. Per Gios la Federazione ha principalmente tre compiti: è sindacato, offre servizi, svolge revisioni. “Servizi e revisioni – ha detto il candidato – sono utili e possono essere punti di forza, ma possono anche essere svolti da altre entità. Ma la funzione di sindacato è unica e insostituibile e consente di far sviluppare tutte le potenzialità delle cooperative grandi e piccole”.

Per svolgere seriamente la funzione sindacato, la Federazione deve godere della fiducia interna dei soci e di credibilità esterna. La perdita di credibilità, secondo Gios, deve essere fatta risalire non alle vicende dello scorso cda, ma ad una perdita di coerenza tra principi e comportamenti.

Secondo il professore non sopravvive chi è più specializzato, ma le società in cui c’è partecipazione più corale, che hanno capacità di rispondere tutti insieme al cambiamento. E la cooperazione è modello adeguato per il futuro perché contiene questa componente.

Probabilmente troverai di tuo interesse anche

  • La Cooperazione Trentina agli Stati generali della montagna Martedì, 02 Luglio 2019

    La Cooperazione Trentina e l'associazione Giovani cooperatori trentini hanno partecipato all'evento di chiusura degli Stati generali della montagna, portando il loro contributo per l'elaborazione di un piano di proposte strategiche per la valorizzazione del territorio montano.

  • Riscoperti i giochi di una volta per gli ospiti della Casa di riposo Martedì, 25 Giugno 2019

    Le studentesse della quarta A dell' Istituto di Istruzione Marie Curie di Pergine, indirizzo in scienze umane, hanno ricreato in classe, sotto la guida degli ospiti del Centro diurno della Casa di riposo di Povo, alcuni giochi di una volta, che hanno adattato alle capacità fisiche attuali degli anziani. Il lavoro è stato presentato dalle studentesse all'interno dell'Alzheimer Fest di Povo. Una valida psicomotricità - hanno appreso le studentesse - consente agli...

  • Cooperazione Trentina, un sistema per fare la differenza Venerdì, 07 Giugno 2019

    In apertura della parte pubblica della 124^ assemblea della Federazione Trentina della Cooperazione (2019) è stato proiettato un filmato con i dati dei diversi settori del movimento cooperativo trentino e le brevi testimonianze dei cooperatori in risposta alla domanda: "E per te, qual è la prima cosa su cui lavorare?"

  • Premiate le classi del concorso scolastico “Custodi di parole” Giovedì, 30 Maggio 2019

    All'iniziativa hanno aderito 30 classi della scuola primaria e della scuola secondaria di primo e secondo grado, per un totale di oltre 520 studenti, che si sono impegnati nella realizzazione di vari materiali: video, dvd, lapbook, blog, cartelloni, dispense, powerpoint.Gli allievi della II C delle medie di Coredo hanno realizzato uno “scrigno della libertà”. Nel video il loro racconto, nelle parole di Martina e Manuel, e la testimonianza di Alessia Dobre della III LEB del Liceo "Fabio...

  • Con etika un risparmio di 1 milione 750 mila euro in bolletta Giovedì, 04 Aprile 2019

    Le 42 mila famiglie trentine che hanno scelto etika, l'offerta luce e gas della Cooperazione Trentina e Dolomiti Energia, hanno risparmiato complessivamente 1 milione e 750 mila euro in bolletta. Di più: hanno aiutato circa 40 persone con disabilità a sperimentare soluzioni abitative autonome e hanno inoltre salvaguardato l'ambiente trentino, con 14.700 tonnellate di anidride carbonica risparmiate, grazie all'utilizzo di energia green certificata.Questi alcuni dei dati dal...

  • L'ufficio a Bruxelles della Federazione Trentina della Cooperazione Martedì, 02 Aprile 2019

    La Federazione Trentina della Cooperazione è presente a Bruxelles con un ufficio per sostenere e promuovere il punto di vista delle cooperative trentine a livello europeo

  • Il video dell'udienza Lunedì, 25 Marzo 2019

    Hanno partecipato all'incontro con Francesco, sabato 16 marzo, in Aula Paolo VI, 252 cooperatori in rappresentanza di oltre 50 cooperative trentine.

  • L'esterometro Venerdì, 22 Febbraio 2019

  • Uscito il bando della prima edizione della borsa di studio Katia Tenni Mercoledì, 30 Gennaio 2019

    La Federazione Trentina della Cooperazione ha istituito una borsa di studio, del valore complessivo di 15 mila euro, da destinare a “Un progetto di intercooperazione territoriale che stimoli l'innovazione e veda protagonisti giovani cooperatori e cooperatrici”. L'iniziativa è intitolata alla memoria della dott.ssa Katia Tenni, stimata professionista impegnata negli organi di controllo di numerose cooperative trentine e nel collegio sindacale della...