Preoccupa il presente, fiducia nella ripresa Giovedì, 18 Marzo 2021

L’inchiesta sul sentiment di cooperatori e cooperatrici conferma che (anche) le cooperative stanno soffrendo per la crisi economica da pandemia: la metà ha fatturati 2020 in calo, più che raddoppiano i pessimisti per l’andamento del 2021, nel quale si temono ulteriori cali nei margini, nell’occupazione e nella produzione.

Tra le ombre, spiccano dei segnali positivi: la solidità resta forte, la liquidità buona e per il medio periodo la metà delle imprese del sistema si dice ottimista (mai così tante).

Che il 2020 sia stato un anno difficile non ci sono dubbi: solo il 5% delle 148 cooperative che hanno risposto al tradizionale questionario sul sentiment inviato dall’ufficio stampa della Federazione non ha avuto particolari difficoltà ad affrontarlo (sono per lo più Famiglie Cooperative). Per le altre le complessità sono state notevoli, ed hanno avuto conseguenze pesanti a partire dal fatturato, in calo per il 47% di loro (valore triplicato rispetto all’ultima rilevazione), con forti timori per il 2021 sotto diversi aspetti: la contrazione reddituale, produttiva ed occupazionale.

I settori che hanno retto meglio la prova imposta dalla crisi economica da pandemia sono stati quelli del consumo (per 32 Famiglie Cooperative su 36 il fatturato è in crescita) e del credito, con aumenti significativi sia nella raccolta sia negli impieghi.

“Ne è uscita un’analisi interessante, – osserva Roberto Simoni, presidente della Federazione Trentina della Cooperazione – in tutti i settori si manifesta una certa incertezza nel futuro, una preoccupazione per il periodo che stiamo vivendo quotidianamente ma anche una serena aspettativa di una ripresa a cui il mondo della cooperazione guarda con una certa fiducia. Quindi preoccupazione per la situazione ma una rinnovata fiducia nel futuro e in una ripresa virtuosa”.

Solidità, liquidità e investimenti

La crisi non ha toccato in modo significativo la solidità delle imprese cooperative, che per il 73% dichiarano di non dover ricorrere al patrimonio per far fronte alla congiuntura (nella rilevazione precedente erano il 79%). Il 21% è in forse (16%) e il 6% sa che dovrà attingere ai ‘risparmi’ delle generazioni passate (5%). Positivo anche il dato sulla disponibilità di liquidità rispetto alle esigenze operative, giudicata buona o media per il 96% dei direttori che hanno risposto. Anche gli investimenti si mantengono per lo più stabili, pur registrando un aumento del 5% delle cooperative che li definiscono in calo (il dato passa dal 14 al 9%), probabilmente per la prudenza imposta dalla situazione attuale. Collegato a questo, va letto il dato sulla domanda di credito: il 35% delle cooperative ha chiesto nuovi finanziamenti (29%), il 5% li ha domandati ma ha ottenuto un ammontare inferiore (9%), il 2% li ha chiesti ma non ottenuti (4%) e il 58% non ne ha proprio chiesti (58%, stabile).

L’occupazione tiene

Commento a parte merita il dato sull’occupazione, che pare registrare una buona tenuta, ma non è possibile comprendere se questo dipenda dall’imposto blocco dei licenziamenti o piuttosto da una precisa scelta di resistenza, che peraltro le cooperative hanno sempre cercato di portare avanti nel corso delle altre crisi economiche. L’inchiesta fa emergere anche un 23% di imprese per cui l’occupazione è addirittura aumentata (di tutti i settori, con una prevalenza nel consumo), mentre per il 17% è diminuita (principalmente nelle cooperative di lavoro, servizi e sociali). Stabile per la maggioranza, ovvero il 60% di quelle che hanno risposto.

Il sentiment di breve e medio periodo

Rispetto alle aspettative per il futuro, le cooperative hanno le idee più chiare degli anni scorsi, o almeno questo è quanto si deduce osservando la polarizzazione delle risposte. Il 31% dei cooperatori si attende peggioramenti per il 2021 (dato più che raddoppiato rispetto alla precedente rilevazione), mentre solo il 19% è ottimista (era il 28%). Si assottiglia dal 60 al 50% la fascia di coloro che puntano sulla sostanziale stabilità della situazione della propria cooperativa per l’annata appena avviata.

Quanto al sentiment di medio periodo (per il dopo 2022) le cooperative sono invece ottimiste: il 50% si attende miglioramenti (dato più alto mai registrato) e solo l’11% è pessimista (dato inferiore mai visto). La fascia degli incerti si ferma al 39% (era il 41%).

Il movimento cooperativo, dunque, immagina che gli effetti della pandemia sui conti delle imprese saranno ancora significativi per il 2021 e il 2022, mentre in seguito manifesta grande fiducia nella capacità del Trentino di salire sul treno della ripresa e correre veloce.

Probabilmente troverai di tuo interesse anche

  • La Cooperazione Trentina agli Stati generali della montagna Martedì, 02 Luglio 2019

    La Cooperazione Trentina e l'associazione Giovani cooperatori trentini hanno partecipato all'evento di chiusura degli Stati generali della montagna, portando il loro contributo per l'elaborazione di un piano di proposte strategiche per la valorizzazione del territorio montano.

  • Riscoperti i giochi di una volta per gli ospiti della Casa di riposo Martedì, 25 Giugno 2019

    Le studentesse della quarta A dell' Istituto di Istruzione Marie Curie di Pergine, indirizzo in scienze umane, hanno ricreato in classe, sotto la guida degli ospiti del Centro diurno della Casa di riposo di Povo, alcuni giochi di una volta, che hanno adattato alle capacità fisiche attuali degli anziani. Il lavoro è stato presentato dalle studentesse all'interno dell'Alzheimer Fest di Povo. Una valida psicomotricità - hanno appreso le studentesse - consente agli...

  • Cooperazione Trentina, un sistema per fare la differenza Venerdì, 07 Giugno 2019

    In apertura della parte pubblica della 124^ assemblea della Federazione Trentina della Cooperazione (2019) è stato proiettato un filmato con i dati dei diversi settori del movimento cooperativo trentino e le brevi testimonianze dei cooperatori in risposta alla domanda: "E per te, qual è la prima cosa su cui lavorare?"

  • Premiate le classi del concorso scolastico “Custodi di parole” Giovedì, 30 Maggio 2019

    All'iniziativa hanno aderito 30 classi della scuola primaria e della scuola secondaria di primo e secondo grado, per un totale di oltre 520 studenti, che si sono impegnati nella realizzazione di vari materiali: video, dvd, lapbook, blog, cartelloni, dispense, powerpoint.Gli allievi della II C delle medie di Coredo hanno realizzato uno “scrigno della libertà”. Nel video il loro racconto, nelle parole di Martina e Manuel, e la testimonianza di Alessia Dobre della III LEB del Liceo "Fabio...

  • Con etika un risparmio di 1 milione 750 mila euro in bolletta Giovedì, 04 Aprile 2019

    Le 42 mila famiglie trentine che hanno scelto etika, l'offerta luce e gas della Cooperazione Trentina e Dolomiti Energia, hanno risparmiato complessivamente 1 milione e 750 mila euro in bolletta. Di più: hanno aiutato circa 40 persone con disabilità a sperimentare soluzioni abitative autonome e hanno inoltre salvaguardato l'ambiente trentino, con 14.700 tonnellate di anidride carbonica risparmiate, grazie all'utilizzo di energia green certificata.Questi alcuni dei dati dal...

  • L'ufficio a Bruxelles della Federazione Trentina della Cooperazione Martedì, 02 Aprile 2019

    La Federazione Trentina della Cooperazione è presente a Bruxelles con un ufficio per sostenere e promuovere il punto di vista delle cooperative trentine a livello europeo

  • Il video dell'udienza Lunedì, 25 Marzo 2019

    Hanno partecipato all'incontro con Francesco, sabato 16 marzo, in Aula Paolo VI, 252 cooperatori in rappresentanza di oltre 50 cooperative trentine.

  • L'esterometro Venerdì, 22 Febbraio 2019

  • Uscito il bando della prima edizione della borsa di studio Katia Tenni Mercoledì, 30 Gennaio 2019

    La Federazione Trentina della Cooperazione ha istituito una borsa di studio, del valore complessivo di 15 mila euro, da destinare a “Un progetto di intercooperazione territoriale che stimoli l'innovazione e veda protagonisti giovani cooperatori e cooperatrici”. L'iniziativa è intitolata alla memoria della dott.ssa Katia Tenni, stimata professionista impegnata negli organi di controllo di numerose cooperative trentine e nel collegio sindacale della...