Dipendenti delle sociali nelle Rsa, la coop Arcobaleno apripista nell’Alto Garda Martedì, 07 Aprile 2020

Dopo la firma dell’accordo quadro per integrare temporaneamente – su base volontaria – il personale nelle Rsa con dipendenti delle cooperative sociali di area socioassistenziale, continuano ad arrivare le adesioni.

La cooperativa Arcobaleno di Riva del Garda è stata la prima ad individuare l’emergenza nelle case di riposo e ad attivarsi in quattro Rsa.

La drammatica carenza di personale nelle Rsa pubbliche dovuta all’emergenza corona virus sarà mitigata nei prossimi giorni dalla disponibilità del personale sociosanitario dipendente delle cooperative sociali, che potranno supportare gli operatori delle Rsa impegnati soprattutto ad assistere gli ospiti positivi al Covid-19.

Questo è il senso del protocollo siglato venerdì scorso dalla Provincia autonoma, Upipa, sindacati e Federazione.

Nell’Alto Garda una esperienza del genere è già in essere da almeno due settimane, per iniziativa della cooperativa Arcobaleno di Riva del Garda, che ha attivato una specifica convenzione con le quattro case di riposo della zona: Riva del Garda, Arco, Dro e Bezzecca in Val di Ledro.

“Abbiamo raccolto circa venti giorni fa l’SOS drammatico dalle case di riposo e ci siamo subito attivati – afferma la presidente Chiara Dossi – chiedendo la disponibilità dei nostri operatori. La risposta è stata straordinaria e immediata. Su base volontaria abbiamo raccolto una disponibilità che ci ha commossi.

In totale otto persone idonee per professionalità (prevalentemente Oss) ed esperienza sono occupate a due a due nelle quattro case di riposo della zona. Adesso rientreranno nell’accordo generale con l’Upipa. Siamo contenti che altre cooperative sociali stiano dando il proprio contributo per tamponare questa situazione di emergenza”.

#lacooperazionecè

Probabilmente troverai di tuo interesse anche

  • Una giornata con la cooperativa Arcobaleno Lunedì, 03 Ottobre 2016

    L'attività della cooperativa Arcobaleno di Riva del Garda raccontata da Romano Turrini, consigliere, Paolo Tonelli, vicepresidente volontario, Lorenza Bommassar, responsabile risorse umane, Elena Giovanazzi, responsabile e referente tecnico dell'ufficio di assistenza domiciliare, e Chiara Maino, responsabile del sistema di gestione qualità. In chiusura Paolo Campagnano, presidente di Impact Hub Trentino, risponde alla domanda: "Cos'è l'oggetto sociale?"

  • Progetto di nuovo welfare a favore degli anziani della coop sociale Arcobaleno Mercoledì, 04 Novembre 2015

    La cooperativa Arcobaleno di Riva del Garda e le 4 case di soggiorno dell'Alto Garda e Ledro collaboreranno per garantire nuovi e più qualificati servizi alla popolazione anziana. Alla Comunità di Valle la presentazione del progetto. Nel video, le interviste a Paolo Tonelli, vicepresidente della cooperativa, e alla responsabile del servizio assistenza domiciliare Elena Giovanazzi.

  • Progetto di nuovo welfare a favore degli anziani della coop sociale Arcobaleno Mercoledì, 04 Novembre 2015

    La cooperativa Arcobaleno di Riva del Garda e le 4 case di soggiorno dell'Alto Garda e Ledro collaboreranno per garantire nuovi e più qualificati servizi alla popolazione anziana. Alla Comunità di Valle la presentazione del progetto. Nel video, le interviste a Paolo Tonelli, vicepresidente della cooperativa, e alla responsabile del servizio assistenza domiciliare Elena Giovanazzi.

  • Investire nella comunità Lunedì, 07 Aprile 2014

    Al convegno Investire nella comunità organizzato a Trento dalle cooperative sociali Sad, Antropos, Arcobaleno, Assistenza, Fai e il Sole si parla della Cooperazione come attore importante del welfare locale. Interviste a: Ugo Rossi, presidente Pat;Erio Ziglio Responsabile dell'Ufficio europeo dell'Organizzazione Mondiale della sanità per gli Investimenti per la Salute e lo Sviluppo; Paolo Tonelli, Assistente alla Presidenza Federazione Trentina della Cooperazione