Cassa Rurale di Trento: i soci approvano la fusione con Lavis-Mezzocorona-Cembra Mercoledì, 27 Novembre 2019

L’assemblea dei soci riunita oggi al Bnl Group Arena di Trento approvano a larghissima maggioranza il progetto di fusione per incorporazione con la Cassa Lavis-Mezzocorona-Valle di Cembra. Il nuovo istituto di chiamerà “Cassa di Trento”.

2.720 i soci fisicamente presenti, che con  715 deleghe sommano a 3.435 voti totali. Solo 61 contrari, 7 astenuti

La fusione tra la Cassa di Trento e quella di Lavis Mezzocorona e Valle di Cembra si farà. L’assemblea straordinaria dei soci riuniti al Bnl Group Arena di Trento sud ha approvato a larghissima maggioranza il progetto senza alcuna tensione che invece aveva caratterizzato l’assemblea dei soci di Lavis di venerdì scorso.

2.720 i soci fisicamente presenti, che con 715 deleghe sommano a 3.435 voti totali. Solo 61 i contrari, 7 gli astenuti. Dieci gli interventi in assemblea, solo uno contrario alla fusione.

Il nuovo istituto si chiamerà Cassa di Trento, Lavis, Mezzocorona e Valle di Cembra, in forma abbreviata “Cassa di Trento”.

Bassa redditività delle banche, nuove regole della Bce e nuovi competitor all’orizzonte hanno motivato l’aggregazione. “Lo facciamo adesso perché dobbiamo anticipare i tempi, ma – ha assicurato il presidente Giorgio Fracalossi -  i modelli organizzativi evolvono, i valori rimangono”.

In realtà il processo di aggregazione delle Casse Rurali Trentine va avanti da più di trent’anni (è del 1993 la fusione tra le Casse di Povo e Vigo Cortesano, e del 1988 l’unione tra Segonzano e Sover), anche se in epoca recente ha subito una forte accelerazione.

“La fusione di due banche sane – ha proseguito Fracalossi - può portare ulteriori risorse per affrontare nuovi investimenti, che andranno tutti a servizio delle esigenze di soci e clientela.

L’obiettivo della fusione è quello di costruire una nuova Cassa Rurale ancora più solida, efficiente e competitiva, oltre che di valorizzare la relazione commerciale, la trasparenza e la fiducia. Saranno possibili economie di scala per garantire adeguato sostegno finanziario alle economie locali.

Una banca più grande potrà continuare a sostenere lo sviluppo del tessuto economico locale, promuovere la crescita, consolidare il legame con il territorio ed intensificare i vantaggi per la base sociale. Con Cassa Centrale Banca siamo un grande gruppo con una presenza capillare in tutta Italia, con banche locali ben radicate nei diversi territori”.

I numeri della nuova Cassa Rurale

Il territorio beneficerà dalle due Casse unite di oltre 3 milioni di euro l'anno tra solidarietà, cultura, sport e iniziative a favore dei soci.

I dati principali delle due realtà bancarie unite sono stati illustrati dal direttore generale Giorgio Bagozzi.

“La nuova Cassa – ha affermato Bagozzi - si posizionerà in ‘Classe 1’, la migliore, nella classifica di valutazione dei rischi.

“La nuova banca avrà 3 miliardi di attivo, 1,7 di impieghi, 384 dipendenti, 45 filiali e oltre 25mila soci. Sarà la seconda per dimensione nel gruppo Ccb”.

Unendo le due Casse, risulta (dati 2018) una raccolta complessiva di oltre 3,5 miliardi (con previsione di crescita a 3,7 nel 2022), 1,7 miliardi di prestiti (con proiezione di prudente crescita a 1,76 miliardi nel 2022), quasi 7 milioni di utile. Nel 2022 il piano industriale prevede un utile di 11,5 milioni di euro.

I crediti deteriorati alla fine di quest’anno scenderanno sotto i 100 milioni, in drastico calo dell’80% sul 2015. Nel 2022 saranno 86.

Una Cassa solida. La banca unita avrà un patrimonio di 233 milioni, che salirà a 244 nel 2022. Total capital ratio a 16,12%, con previsione nel 2022 di crescita al 18,86% (la soglia minima prevista dalla Bce è dell’11%).

Il cda sarà composto a regime da 9 amministratori tra cui il presidente eletto dall’assemblea dei soci

La nuova Cassa di Trento inizierà l’operatività il primo gennaio del prossimo anno.

In via transitoria fino all’assemblea del 2023, il consiglio sarà composto da 13 membri, di cui 4 saranno riservati al territorio della attuale Cassa di Lavis-Mezzocorona-Valle di Cembra. Anche il collegio sindacale sarà temporaneamente (per il primo anno) allargato a 5 membri, di cui 2 espressione della Cassa di Lavis-Mezzocorona-Valle di Cembra.

Probabilmente troverai di tuo interesse anche

  • Cassa Rurale di Trento: nuova area self Banch’io in via Belenzani Lunedì, 17 Settembre 2018

    “Più spazio alla tecnologia, più tempo alla consulenza”. Nasce da questo concetto il progetto “Banch'io” della Cassa Rurale di Trento, avviato cinque anni fa e, oggi, attivo in nove filiali dell'istituto di credito cooperativo.L' ultima attivazione a inizio settembre negli spazi rinnovati della filiale di via Belenzani a Trento.

  • ScuoLAvoro Coop - puntata 9 Mercoledì, 20 Settembre 2017

    La Cfs "CIFS - Cooperativa Informatici Senza Frontiere" costituita dalle ragazze e dai ragazzi della 3 C Informatica dell'Istituto tecnico Buonarroti-Pozzo, che hanno approfondito la conoscenza della cooperazione con Cassa Rurale di Trento e avviato un progetto in collaborazione con Ibt

  • Vincere la sfida della sostenibilità Martedì, 10 Gennaio 2017

    I giovani con le loro scelte possono vincere le sfide del futuro e realizzare un mondo dove temi quali sostenibilità ambientale e dignità sociale del lavoro siano delle priorità. E' quanto emerge dalle interviste all'economista Leonardo Becchetti e a Rainer Atzwanger di Cassa Centrale Banca, ospiti del primo appuntamento di EticaMente, il percorso formativo organizzato dall'associazione Giovani Cooperatori per avvicinare le giovani generazioni al mondo dell'economia e della finanza con...

  • Una giornata con Silvio Stefani (CR Bassa Valsugana) Lunedì, 03 Ottobre 2016

    Il racconto di Silvio Stefani, ex presidente della Cassa Rurale Bassa Valsugana. In chiusura Francesco Crepaz, della Cassa Rurale di Trento, risponde alla domanda: "Quali strumenti di accesso al credito sono previsti per una nuova cooperativa?"

  • Mondo cooperativo 2015 - puntata 8 Lunedì, 16 Maggio 2016

    In questa puntata:  - la "Filiera del riuso" delle cooperative Ge@, CS4 e Aurora - le borse di studio della Fondazione Cassa Rurale di Trento - i prossimi appuntamenti in agenda

  • Mondo cooperativo 2015 - puntata 11 Lunedì, 16 Maggio 2016

    In questa puntata: 

  • Fondazione Cassa Rurale di Trento: le borse di studio “volano” in Europa Lunedì, 28 Dicembre 2015

    La Fondazione Cassa Rurale di Trento ha premiato tre progetti di ricerca transnazionali di altrettanti giovani “cervelli” trentini. Le borse di studio assegnate spalancano le porte a progetti di studio europei e di ricerca nei campi umanistico, giuridico e scientifico.  Nel servizio l'intervista alla presidente della Fondazione Rossana Gramegna e ai tre premiati: Davide Maggipinto, Eleonora Garzia e Davide Giampiccolo.

  • Fondazione Cassa Rurale di Trento: le borse di studio “volano” in Europa Lunedì, 28 Dicembre 2015

    La Fondazione Cassa Rurale di Trento ha premiato tre progetti di ricerca transnazionali di altrettanti giovani “cervelli” trentini. Le borse di studio assegnate spalancano le porte a progetti di studio europei e di ricerca nei campi umanistico, giuridico e scientifico.  Nel servizio l'intervista alla presidente della Fondazione Rossana Gramegna e ai tre premiati: Davide Maggipinto, Eleonora Garzia e Davide Giampiccolo.

  • Caffè cooperativo 2014 - I finanziamenti alle cooperative Martedì, 08 Settembre 2015

    Gli aiuti ai giovani, i fondi mutualistici, le garanzie e fideiussioni offerte alle cooperative agricole e non solo. Il tema di questa puntata sono i finanziamenti possibili per le cooperative. Ospiti della conduttrice Elisa Dossi sono Roberto Simoni (Promocoop), Claudio Grassi (Cooperfidi) e Francesco Crepaz (Cassa Rurale di Trento).

  • Caffè cooperativo 2014 - I finanziamenti alle cooperative Martedì, 08 Settembre 2015

    Gli aiuti ai giovani, i fondi mutualistici, le garanzie e fideiussioni offerte alle cooperative agricole e non solo. Il tema di questa puntata sono i finanziamenti possibili per le cooperative. Ospiti della conduttrice Elisa Dossi sono Roberto Simoni (Promocoop), Claudio Grassi (Cooperfidi) e Francesco Crepaz (Cassa Rurale di Trento).