Ail e Famiglie Cooperative insieme per una iniziativa di grande valore Martedì, 21 Aprile 2020

La sezione di Trento dell’Associazione Italiana contro le leucemie, linfomi e mieloma, e il Consorzio delle Cooperative di consumo trentine insieme per un progetto di particolare significato.

E’ una iniziativa all’insegna dell’intercooperazione quella nata da un colloquio tra Roberto Valcanover e Roberto Simoni, rispettivamente presidente della sezione di Trento dell’Ail – Associazione Italiana contro leucemie, linfomi e mieloma e di Sait, il consorzio delle cooperative di consumo trentine.

“In questo momento di emergenza – spiega Valcanover - Ail Trento vuole essere vicina sia agli ammalati e ai sanitari e sia alle persone che hanno contribuito a sostenere le numerose iniziative e gli importanti progetti della nostra associazione. Questo gesto di gratitudine si esprime – aggiunge - nella scelta di donare mascherine all’unità di ematologia dell’ospedale Santa Chiara di Trento, agli ammalati e ai loro familiari e, più in generale, alla comunità trentina mediante la distribuzione nei punti vendita Coop e Famiglia Cooperativa periferici e nei pacchi donati da Etika contenenti beni alimentari per famiglie in difficoltà economica”.

Per concretizzare quest’idea, si è rivelato fondamentale l’apporto di Sait e di altre realtà del movimento cooperativo trentino. “Effettivamente ci siamo mossi con tempestività – aggiunge Simoni – considerato il bisogno di mascherine che non conosce zona geografica. In questa iniziativa, accanto alla sensibilità di Ail, un ruolo altrettanto significativo è stato rivestito dall’intercooperazione che ha visto partecipi Movitrento e cooperativa sociale Alpi. Movitrento inserisce le mascherine nei pacchi di Etika. Cooperativa Alpi ha trovato la soluzione ottimale per la confezione. Sait – conclude Simoni - ha curato gli aspetti dell’organizzazione, della distribuzione e delle spese di confezione”.

Da ieri le mascherine Ail giunte in Sait sono in distribuzione a tutti i negozi Famiglia Cooperativa e nei pacchi di beni alimentari di Etika.