120° bilancio Sait: cresce il fatturato, alle Famiglie cooperative oltre 5 milioni di ristorni Giovedì, 25 Giugno 2020

Il Consorzio della cooperazione di consumo trentina consolida i principali indicatori economici e si concentra sullo sviluppo.

Vendite a 316 milioni (+2,10%), utile a 1,8 milioni e patrimonio a 99,5 milioni. Alle Famiglie cooperative saranno distribuiti 5 milioni 250mila euro di ristorni.

Il totale delle risorse garantite ai soci - che si compone di margine, ristorni e sconti - ha raggiunto nell’esercizio 2019 i 97 milioni di euro, 4 milioni di euro in più rispetto all’esercizio precedente.

L’effetto Covid fa volare le vendite di oltre il 20%, ma c’è incertezza sul futuro soprattutto per l’andamento dei flussi turistici.

Il presidente Roberto Simoni: “la terribile epidemia ha messo in grande evidenza il ruolo delle nostre piccole Cooperative. La valorizzazione dei piccoli negozi di vicinato e di prossimità fa parte della nostra storia e caratterizzerà sicuramente anche il nostro futuro”. I piccoli negozi delle Famiglie Cooperative (< 400m2) detengono una quota di mercato del 75%.

Preoccupano le annunciate chiusure domenicali nelle zone turistiche. "Tra giugno e agosto 2019 le Famiglie cooperative in zone turistiche hanno fatturato tra i 7 e 8 milioni di euro, più della metà attribuibili agli ospiti non residenti"

Il direttore Luca Picciarelli: “l’efficientamento di Sait prosegue sui tre filoni dello sviluppo, stabilizzazione dei costi e rafforzamento di sistema.

Trento Sviluppo - la società proprietaria del Superstore di Trento - è passata in un esercizio da un passivo di 2 milioni ad un utile di 443mila euro”.

Le conseguenze economiche del Covid-19 si vedranno sui prossimi bilanci di Sait e Famiglie cooperative. Per ora, nei primi cinque mesi dell’anno, si può dire che gli effetti sulle vendite si sentono nell’ordine del 20,2% di incremento del fatturato, con punte fino al 31% per i negozi più piccoli.

Per il presidente di Sait Roberto Simoni questa crescita delle vendite nell’emergenza significa principalmente una cosa: “il ruolo insostituibile svolto dalle nostre piccole Cooperative, sia da un punto di vista meramente commerciale, garantendo, fra mille difficoltà, il costante approvvigionamento di tutte le referenze primarie nei nostri punti vendita e dall’altra più sociale, al fianco delle persone in difficoltà causa l’epidemia e degli anziani, consegnando le spese a domicilio, in modo gratuito e con tempi di consegna contenuti nell’arco della giornata”.

Di questo vanno ringraziati gli amministratori e il personale impegnato che ha dimostrato coraggio ed abnegazione. “La valorizzazione dei piccoli negozi di vicinato e di prossimità fa parte della nostra storia e caratterizzerà sicuramente anche il nostro futuro”, chiosa.

Preoccupano alcune discutibili scelte normative che rischiano di penalizzare i risultati delle Famiglie cooperative con la prevista chiusura domenicale in zone turistiche.

“Lo scorso anno nei tre mesi estivi – informa Simoni - le nostre Famiglie cooperative nelle zone turistiche hanno fatturato tra i 7 e 8 milioni di euro. Almeno la metà (con una stima prudentissima) sono attribuibili ai turisti. Con la chiusura si perderebbe un servizio apprezzato e anche una quota consistente di fatturato. Inoltre, non meno importante è la questione dell’occupazione. Ci sono centinaia di addetti stagionali attualmente in stand-by che rischiano di non venire occupati se i negozi chiuderanno la domenica”.

I numeri del 120esimo bilancio

L’emergenza del virus è piombata sulle Famiglie Cooperative dopo un anno, il 2019, che ha visto proseguire il percorso di miglioramento di efficienza dell’intero sistema della cooperazione di consumo trentina che fa perno sul Consorzio Sait.

L’esercizio sociale 2019 di Sait, il 120esimo della sua storia, si è chiuso con risultati soddisfacenti: le vendite complessive si sono attestate a 316.105.690 euro (+2,10%) e l’utile di 1,8 milioni dopo aver distribuito 5 milioni 250mila euro di ristorni alle Famiglie cooperative testimonia una gestione efficiente a vantaggio dei soci.

Il totale delle risorse garantite ai soci - che si compone di margine, ristorni e sconti - ha raggiunto nell’esercizio 2019 i 97 milioni di euro, 4 milioni di euro in più rispetto all’esercizio precedente.

Stabile anche l’indebitamento (posizione finanziaria netta) a 36,7 milioni, malgrado un piano di sviluppo che ha impegnato molte risorse, a partire dall’acquisizione e ristrutturazione del Superstore di Trento.

“Possiamo già apprezzare i risultati di questa operazione che si è conclusa nel 2019 con il passaggio delle quote al 100% a Trento Sviluppo – commenta il direttore generale Luca Picciarelli – dal momento che il risultato della società è passato da meno due milioni di euro a più 443mila dopo la totale ristrutturazione e riorganizzazione della struttura.

In generale – prosegue ancora Picciarelli – Sait è impegnato sui tre fronti dello sviluppo, della stabilizzazione dei costi e il rafforzamento di sistema. Ognuno di questi filoni va presidiato con il medesimo impegno e attenzione.

Abbiamo varato nuove condizioni di fornitura che consentono maggiore chiarezza e trasparenza, premiando la fedeltà. Un dato su tutti: negli ultimi quattro anni abbiamo diminuito i costi del 15%, pari a 6,4 milioni. Questo ci ha consentito di affrontare un piano di sviluppo ambizioso che prima non sarebbe stato possibile”.  

Le quote di mercato di Sait e Superstore raggiungono su tutta la rete il 33,75% (metodo Nielsen), che però salgono fino al 74,84% per i negozi più piccoli, fino a 400 metri quadrati di superficie.

Il futuro dipende (anche) da noi

“Il futuro – afferma ancora il presidente Simoni - dipenderà anche da noi, al Consorzio il compito di realizzare bilanci virtuosi e politiche orientate all’efficienza, garantire adeguate politiche commerciali e fornire supporto e consulenza; alle singole Cooperative curare i negozi, adeguandoli alle mutate esigenze sanitarie e commerciali e curare i rapporti con la base sociale”.

Difficile però fare previsioni, almeno per l’immediato. La stagione turistica – prosegue Simoni - è più che mai incerta, e quindi le Famiglie cooperative potrebbero perdere in fretta quell’incremento di fatturato dovuto alla chiusura forzata in casa. A questo si aggiungono le perplessità relative ad alcune discutibili scelte normative che rischiano di penalizzare i risultati delle Famiglie cooperative in zone turistiche.

Lo scorso anno nei tre mesi estivi le nostre Famiglie cooperative nelle zone turistiche hanno fatturato tra i 7 e 8 milioni di euro. Almeno la metà (con una stima prudentissima) sono attribuibili ai turisti. Con la chiusura si perderebbe un servizio apprezzato e anche una quota consistente di fatturato.

Sicuramente questo periodo ci lascia in eredità una nuova coscienza rispetto ai temi della sostenibilità ambientale e le strategie di sviluppo del nostro Consorzio e delle nostre Famiglie Cooperative che dovranno promuovere l’innovazione e lo sviluppo, prestando grande attenzione alla sostenibilità, oltre che economica, anche ambientale per contribuire al rilancio ed al consolidamento di un’economia che faccia del benessere e della solidarietà economica e sociale due pilastri su cui costruire il nostro futuro”.

Probabilmente troverai di tuo interesse anche

  • Famiglia Cooperativa di Malè e Sait a sostegno della ricostruzione post Vaia a Dimaro Giovedì, 05 Settembre 2019

    Quindicimila euro per aiutare la comunitÃ&nbsp; di Dimaro a riparare i danni causati dalla frana che lo scorso ottobre, in seguito alla tempesta Vaia, si è abbattuta sul paese causando una vittima e spazzando via tutto. È il contributo stanziato dal consiglio di amministrazione di Sait, su proposta della Famiglia Cooperativa di Malè, e consegnato al sindaco di Dimaro Folgarida Andrea Lazzaroni.

  • Con etika un risparmio di 1 milione 750 mila euro in bolletta Giovedì, 04 Aprile 2019

    Le 42 mila famiglie trentine che hanno scelto etika, l'offerta luce e gas della Cooperazione Trentina e Dolomiti Energia, hanno risparmiato complessivamente 1 milione e 750 mila euro in bolletta. Di più: hanno aiutato circa 40 persone con disabilitÃ&nbsp; a sperimentare soluzioni abitative autonome e hanno inoltre salvaguardato l'ambiente trentino, con 14.700 tonnellate di anidride carbonica risparmiate, grazie all'utilizzo di energia green certificata.Questi alcuni dei dati dal...

  • SocioSì, la spesa che fa bene Lunedì, 11 Marzo 2019

    Generosità  e sensibilità  sono due valori distintivi di “SocioSì" che, dal 2014, vede protagonisti i soci di Famiglia Cooperativa e Coop Trentino. Lo scorso 31 gennaio si è conclusa l'edizione 2018 di questa iniziativa che, attraverso la raccolta punti, garantisce vantaggi ai soci e una possibilità  in più. Infatti, ogni cinquecento punti raccolti sulla “Carta In Cooperazione”, si possono devolvere cinque euro a una realtà  impegnata nel sociale: la cooperativa La Rete, Admo...

  • I progetti finanziati con il fondo sociale di etika Martedì, 04 Settembre 2018

    Sono 36.300 i trentini che hanno aderito a etika, l'offerta della Cooperazione Trentina (Federazione, Cassa Centrale Banca, Sait – Famiglie Cooperative, Consolida e la cooperativa sociale La Rete) e di Dolomiti Energia per l'acquisto di luce e gas.Oltre a beneficiare di uno sconto in bolletta e di numerose altre agevolazioni, i sottoscrittori hanno anche generato un vantaggio sociale, poiché per ogni contratto firmato Dolomiti Energia si è impegnata a versare ogni anno 10 euro al...

  • Nuovo Coop Superstore a Rovereto Martedì, 12 Dicembre 2017

    Ultimato un intervento di restyling durato alcune settimane, ha riaperto a Rovereto il CoopÂ&nbsp;Superstore.Â&nbsp;La struttura è stata completamente ripensata e potenziata con nuovi reparti e servizi per soddisfare le esigenze del consumatore. La ristrutturazione ha comportato un investimento di 2 milioni di euro.Nel video, con le immagini del nuovo Superstore, l'intervista a Luca Picciarelli, direttore generale del Sait.

  • Etika, l'energia che cresce - il video Giovedì, 30 Novembre 2017

    La video animazione di presentazione del progetto Etika, l'energia che cresce: economica, ecologica, solidale."Possibile e insieme, il futuro che stiamo immaginando".

  • etikaplus: con etika il risparmio è (anche) a led Mercoledì, 18 Ottobre 2017

    Lampadine led a prezzi scontati per gli aderenti a etika, l'offerta luce e gas economica, ecologica e solidale. Un'iniziativa creataÂ&nbsp;daÂ&nbsp;Federazione Trentina della Cooperazione, Cassa Centrale Banca, Consolida, Sait, cooperativa sociale La Rete insieme a Dolomiti Energia.Â&nbsp;

  • Con etika l'energia diventa economica ecologica solidale Venerdì, 25 Novembre 2016

    Risparmiare aiutando l'ambiente e le persone fragili. In modo facile e a condizioni trasparenti. Etika è la sintesi di un grande progetto di collaborazione tra Dolomiti Energia e il mondo della cooperazione trentina: credito, consumo e sociale. Con la bolletta della luce e quella del gas si risparmia e si contribuisce ad alimentare un Fondo solidale per progetti sociali, centrati sul “dopo di noi”. Nasce così il più grande gruppo di acquisto eco-solidale del Trentino.

  • Cooperazione e sviluppo globale Venerdì, 07 Ottobre 2016

    Parlare di cooperazione e sviluppo globale significa analizzare quali preoccupazioni e quali punti di forza queste dimensioni stanno vivendo, cercando di guardare al mondo cooperativo in una prospettiva che rivolga lo sguardo alla sua storia e ai nuovi progetti per il futuro.Intervista a Renato Dalpalù, presidente Sait.

  • Corretta alimentazione Mercoledì, 05 Ottobre 2016