Fondazione Cassa Rurale di Trento: premiati i progetti di tre giovani “cervelli” Giovedì, 22 Dicembre 2016

L’etica nelle istituzioni, l’azione umanitaria nei conflitti e un nuovo filone di ricerca per la cura dei tumori nei bambini: sono questi i progetti di alta formazione premiati oggi dalla Fondazione Cassa Rurale di Trento che ha assegnato le borse di studio a tre giovani ricercatori trentini, che avranno la possibilità di specializzarsi all’estero. Sono Klaudijo Klaser, Mattia Leveghi ed Enrico Pozzo.

Tre giovani “cervelli” trentini stanno per partire per l’estero: Regno Unito, Germania, Belgio. Sono i ricercatori selezionati dal comitato scientifico della Fondazione Cassa Rurale di Trento (composto da Eleonora Stenico, Diego Andreatta e Diego Schelfi) che per un anno potranno beneficiare di un assegno di 12mila euro a sostegno di progetti di altissima qualità.

Le borse di studio sono pensate e indirizzate a neolaureati intenzionati a proseguire gli studi in prestigiosi Istituti universitari o di ricerca, in Trentino, in Italia o all'estero. Fondamentale è possedere un progetto interessante e originale, già  attivo o in partenza, accettato da Istituti di alto livello.

In partenza per l’università di Oxford Klaudijo Klaser, 26 anni, laurea magistrale in finanza, studierà la progettazione di istituzioni socio-economiche giuste dal punto di vista etico.

Mattia Leveghi, laurea in scienze internazionali e diplomatiche, frequenterà un master  europeo in azione umanitaria internazionale a Bochum e Varsavia. La sua ricerca si incentrerà in particolare sul difficile rapporto tra Stati e organizzazioni umanitarie in situazioni di conflitto armato.

Ed Enrico Pozzo, laurea in medicina e chirurgia, ha scelto di non abbracciare subito la professione medica per dedicarsi alla ricerca scientifica, in particolare per cura dei tumori nei bambini. Andrà a Leuven, in Belgio, presso lo Stem Cell Institute, con l’obiettivo dichiarato di tornare a Trento forte dell’esperienza internazionale. “Centri come il Cibio dell’Università di Trento o la Protonterapia sono di assoluta eccellenza”, ha affermato il ricercatore.

Tutti hanno sottolineato l’importanza del sostegno di enti come la Fondazione, sia dal punto di vista economico, sia per la motivazione a proseguire: “un riconoscimento come questo ci fa capire che siamo sulla strada giusta”.

La presidente della Fondazione Rossana Gramegna ha ricordato che l’Italia è fanalino di coda per il numero di laureati in Europa. “La Fondazione sostiene progetti di vita e di ricerca, solo se di qualità. Finché ci sono giovani così, è lecito essere ottimisti sul futuro”.

Alla consegna delle borse di studio hanno presenziato anche Andrea Robol, assessore comunale alla cultura, la consigliera di parità Eleonora Stenico (componente del comitato di selezione) e il presidente della Cassa Rurale di Trento Giorgio Fracalossi. Con loro anche due premiati degli anni scorsi, Saverio Gabrielli (2012) e Eleonora Garzia (2015): il primo è ora un affermato violinista di rilievo internazionale, la seconda sta per terminare il progetto finanziato l’anno scorso dalla Fondazione.

Probabilmente troverai di tuo interesse anche

  • Vincere la sfida della sostenibilità Martedì, 10 Gennaio 2017

    I giovani con le loro scelte possono vincere le sfide del futuro e realizzare un mondo dove temi quali sostenibilità ambientale e dignità sociale del lavoro siano delle priorità. E' quanto emerge dalle interviste all'economista Leonardo Becchetti e a Rainer Atzwanger di Cassa Centrale Banca, ospiti del primo appuntamento di EticaMente, il percorso formativo organizzato dall'associazione Giovani Cooperatori avvicinare le...

  • Una giornata con Silvio Stefani (CR Bassa Valsugana) Lunedì, 03 Ottobre 2016

    Il racconto di Silvio Stefani, ex presidente della Cassa Rurale Bassa Valsugana. In chiusura Francesco Crepaz, della Cassa Rurale di Trento, risponde alla domanda: "Quali strumenti di accesso al credito sono previsti per una nuova cooperativa?"

  • Mondo cooperativo 2015 - puntata 11 Lunedì, 16 Maggio 2016

    In questa puntata: 

  • Mondo cooperativo 2015 - puntata 8 Lunedì, 16 Maggio 2016

    In questa puntata:  - la "Filiera del riuso" delle cooperative Ge@, CS4 e Aurora - le borse di studio della Fondazione Cassa Rurale di Trento - i prossimi appuntamenti in agenda

  • Fondazione Cassa Rurale di Trento: le borse di studio “volano” in Europa Lunedì, 28 Dicembre 2015

    La Fondazione Cassa Rurale di Trento ha premiato tre progetti di ricerca transnazionali di altrettanti giovani “cervelli” trentini. Le borse di studio assegnate spalancano le porte a progetti di studio europei e di ricerca nei campi umanistico, giuridico e scientifico.  Nel servizio l'intervista alla presidente della Fondazione Rossana Gramegna e ai tre premiati: Davide Maggipinto, Eleonora Garzia e Davide Giampiccolo.

  • Fondazione Cassa Rurale di Trento: le borse di studio “volano” in Europa Lunedì, 28 Dicembre 2015

    La Fondazione Cassa Rurale di Trento ha premiato tre progetti di ricerca transnazionali di altrettanti giovani “cervelli” trentini. Le borse di studio assegnate spalancano le porte a progetti di studio europei e di ricerca nei campi umanistico, giuridico e scientifico.  Nel servizio l'intervista alla presidente della Fondazione Rossana Gramegna e ai tre premiati: Davide Maggipinto, Eleonora Garzia e Davide Giampiccolo.

  • Caffè cooperativo 2014 - I finanziamenti alle cooperative Martedì, 08 Settembre 2015

    Gli aiuti ai giovani, i fondi mutualistici, le garanzie e fideiussioni offerte alle cooperative agricole e non solo. Il tema di questa puntata sono i finanziamenti possibili per le cooperative. Ospiti della conduttrice Elisa Dossi sono Roberto Simoni (Promocoop), Claudio Grassi (Cooperfidi) e Francesco Crepaz (Cassa Rurale di Trento).

  • Caffè cooperativo 2014 - I finanziamenti alle cooperative Martedì, 08 Settembre 2015

    Gli aiuti ai giovani, i fondi mutualistici, le garanzie e fideiussioni offerte alle cooperative agricole e non solo. Il tema di questa puntata sono i finanziamenti possibili per le cooperative. Ospiti della conduttrice Elisa Dossi sono Roberto Simoni (Promocoop), Claudio Grassi (Cooperfidi) e Francesco Crepaz (Cassa Rurale di Trento).

  • La parità di genere passa (anche) dal linguaggio Venerdì, 28 Agosto 2015

    Consapevole che rispettare le differenze di genere significa anche utilizzare un linguaggio inclusivo, che garantisc spazio al maschile così come al femminile, la Fondazione Cassa Rurale di Trento, nel riscrivere il proprio statuto, ha tenuto conto della pluralità delle persone a cui si rivolge. Un primo significativo passo nella costruzione di un sistema più democratico e inclusivo, come emerso dal percorso avviato dall'associazione Donne in...

  • La parità di genere passa (anche) dal linguaggio Venerdì, 28 Agosto 2015

    Consapevole che rispettare le differenze di genere significa anche utilizzare un linguaggio inclusivo, che garantisc spazio al maschile così come al femminile, la Fondazione Cassa Rurale di Trento, nel riscrivere il proprio statuto, ha tenuto conto della pluralità delle persone a cui si rivolge. Un primo significativo passo nella costruzione di un sistema più democratico e inclusivo, come emerso dal percorso avviato dall'associazione Donne in...