21 luglio 2021
Condividi il link su:

Elsa Fornero apre il Festival del pensiero critico

Il 23 luglio l’ex ministra del Lavoro, recentemente nominata consulente del consiglio d'indirizzo per la politica economica, parlerà della questione intergenerazionale, stimolata dal direttore de l’Adige Alberto Faustini. Chiuderà la kermesse, il 29 luglio, l’economista Carlo Cottarelli.

Sarà l’ex ministra del Lavoro e delle Politiche sociali del governo Monti Elsa Fornero – recentemente nominata consulente del consiglio d'indirizzo per la politica economica istituito dal sottosegretario con delega alla Programmazione, Bruno Tabacci – ad aprire il primo Festival del pensiero critico “Trentino 2060 pensare il presente, immaginare il futuro”, in programma dal 23 al 25 luglio a Borgo Valsugana.

Il festival, articolato in otto eventi, ha come tema principale una riflessione sul futuro dell’Europa attraverso la lente della giustizia intergenerazionale. Il recente sforzo messo in campo dall’Unione Europea è l’esempio paradigmatico di come le scelte che siamo chiamati a fare oggi plasmeranno in modo sostanziale l’Europa di domani. Temi come la questione intergenerazionale, la rivoluzione digitale, la sostenibilità ecologica, l’importanza della ricerca scientifica e il ruolo geopolitico europeo saranno perciò al centro della proposta. Verrà dato ampio spazio anche alla riflessione delle idee che plasmano la nostra società e la società del futuro.

In programma gli interventi di Elena Cattaneo, Roberto Mercadini, Giampaolo Galli, Giulia Pastorella, Andrea Purgatori, Giovanna Pancheri e molti altri. È previsto anche un “extra festival” il 29 luglio, con Carlo Cottarelli, commissario straordinario per la revisione della spesa pubblica sotto il Governo Letta e direttore esecutivo nel board del Fondo Monetario Internazionale con il Governo Renzi.

La realizzazione di questo ambizioso progetto è lo sforzo condiviso tra i ragazzi dell’associazione Agorà e Cassa Rurale Valsugana e Tesino. La Cassa Rurale ha creduto in un percorso che rimetta la Valsugana al centro della proposta culturale, sociale e turistica trentina, collaborando all’organizzazione dell’evento e divenendo sponsor unico dell’intera manifestazione. La direzione scientifica è curata da Davide Battisti, dottorando di ricerca presso l’Università degli Studi dell’Insubria e docente a contratto all’Università degli Studi di Milano.

Gli eventi si terranno per lo più all’aperto, nelle piazze di Borgo Valsugana, ma in caso di maltempo saranno spostati nel nuovo auditorium delle Scuole Medie, Via Spagolla 1. La partecipazione è gratuita.

 

Per informazioni sul programma e sui relatori: www.trentino2060.it