Welfare, dalla cooperazione risposte personalizzate ai bisogni Lunedì, 31 Marzo 2014

I lavori del pomeriggio del convegno sul nuovo welfare. Il presidente della Provincia autonoma Ugo Rossi assicura il sostegno dell’ente pubblico, pur ridotto dalla spending review.

Ziglio (OMS): negli ultimi decenni la salute della popolazione è migliorata, ma sono aumentate anche le diseguaglianze. In Trentino tanti microprogetti costruiscono una solida protezione sociale

I tagli della spesa non risparmiano alcun settore, ma per i servizi sociali e per la salute la riduzione della spesa sarà contenuta all’1 per cento. Lo ha detto il presidente della Provincia di Trento Ugo Rossi in chiusura del convegno dal titolo Investire nella comunità organizzato a Trento dalle cooperative sociali Sad, Antropos, Arcobaleno, Assistenza, Fai e il Sole.

La cooperazione, secondo Rossi, è un attore importante del welfare locale, assicura risposte personalizzate ai bisogni. In Trentino esiste una consapevolezza diffusa e una radicata abitudine delle persone a mettersi insieme per dare una mano a chi è in difficoltà. La Provincia, che pure è alle prese con i tagli di bilancio, vuole garantire una rete di protezione anche avvalendosi di misure come il reddito di garanzia praticate in altri sistemi europei ma non esistenti in altre realtà del nostro Paese.

In Europa la salute non è equamente distribuita

Dopo gli interventi della mattinata, i lavori del pomeriggio sono stati aperti dalla relazione di Erio Ziglio, responsabile dell’ufficio europeo dell’Organizzazione Mondiale della sanità  per gli Investimenti per la Salute e lo Sviluppo. Negli ultimi 30-40 anni, come provano le evidenze scientifiche,  la salute della popolazione europea è migliorata nel complesso, ma sono aumentate le diseguaglianze. Se prendiamo in esame l’aspettativa di vita in Europa rileviamo dati molto disomogenei: paragonando le situazioni migliori con quelle più problematiche, le differenze tra i 53 Paesi dell’area Europa dell’Oms raggiungono 20 anni per gli uomini e 12 per le donne. La crisi economica-sociale che ci attanaglia rafforza queste iniquità. Ridurre le diseguaglianze sociali e di salute diventa allora un dovere etico, ma risulta un obiettivo vantaggioso anche dal punto di vista economico. Studi recenti hanno infatti evidenziato che il persistere del divario tra persone in condizioni normali e persone in difficoltà grava per un 20% dei costi sanitari dei Paesi dell’area euro. Dal punto di vista puramente monetario stiamo parlando  di un costo aggiuntivo annuo di circa 150 miliardi di euro.

L’Oms ha posto al centro delle sue politiche il tema dell’equità in salute con il piano “Salute 2020”. Attraverso l’aumento della spesa sociale e il rafforzamento dei sistemi socio-sanitari si mirerà a ridurre la mortalità e si potranno affrontare le crescenti vulnerabilità.

Qualsiasi azione, ha concluso Ziglio, non potrà però prescindere dal miglioramento della intersettorialità: “Le condizioni per migliorare la salute e il benessere non sono create solo dal sistema sanitario e serve integrazione con l’istruzione, le politiche giovanili, la casa,…”.

Contributi per un nuovo welfare

Il convegno ha successivamente proposto e messo a confronto i contributi sul nuovo welfare di tre soggetti della società trentina. Per Giorgio Casagranda, presidente del Centro servizi volontariato, è necessario evitare la tendenza di qualche associazione ad isolarsi e ad agire con spirito competitivo e bisogna superare la logica dell’assistenzialismo. Il Csv è impegnato a sviluppare sinergie tra le associazioni affiliate e a creare reti. Un altro filone di impegno riguarda la promozione della cultura del volontariato tra i giovani.

La cooperazione - ha detto Paolo Tonelli in rappresentanza della Federazione Trentina della Cooperazione - è pronta a ragionare con tutti gli attori sociali e politici sul futuro del sistema del welfare. E’ una buona pratica delle cooperative fare sistema. Nel lavoro quotidiano le cooperative si impegnano a coniugare l’idealità con la concretezza. Al radicamento territoriale aggiungono la capacità di inventare nuovi servizi, garantendo ai collaboratori “buon lavoro”.

Anche le istituzioni ecclesiali - ha detto don Lauro Tisi, vicario del vescovo di Trento - intendono dare il loro contributo per il nuovo welfare. La chiesa trentina è aperta a dialogare con tutti coloro che sul nostro territorio si occupano di disagio sociale, di aiuto a chi fa fatica. Con la cooperazione sociale trentina sono già in atto forme di collaborazione, che si concretizzano in microprogetti.

Probabilmente troverai di tuo interesse anche

  • Di Comune in Comune - puntata 3 Lunedì, 05 Marzo 2018

    Territorio: Comune di ClesCooperative: Gsh, Sad

  • Casa Cles: la coabitazione che fa bene alla salute Giovedì, 19 Ottobre 2017

    La cooperativa sociale Sad inaugura una struttura che ospiterà otto anziani con spazi privati (stanza e bagno) e servizi di assistenza condivisi. Una formula di welfare innovativa che sta avendo molto successo a Vela di Trento e a Tassullo

  • Assistenza agli anziani in Trentino: la proposta delle cooperative sociali Giovedì, 17 Novembre 2016

    Le cooperative sociali trentine che operano nel campo dell'assistenza agli anziani intervengono nel dibattito sulla riforma delle case di riposo con una proposta frutto di uno studio commissionato all'Università di Trento. La ricerca è stata presentata in un convegno alla facoltà di Sociologia. 

  • Assistenza anziani Martedì, 04 Ottobre 2016

  • Una giornata con la cooperativa Sad Martedì, 04 Ottobre 2016

    La cooperativa Sad raccontata da Diego Agostini, socio fondatore e amministratore delegato, e Daniela Bottura, presidente.In chiusura Paolo Campagnano, presidente di Impact Hub Trentino, risponde alla domanda: "Cosa si inserisce nell'atto costitutivo?"

  • Una giornata con la cooperativa Arcobaleno Lunedì, 03 Ottobre 2016

    L'attività della cooperativa Arcobaleno di Riva del Garda raccontata da Romano Turrini, consigliere, Paolo Tonelli, vicepresidente volontario, Lorenza Bommassar, responsabile risorse umane, Elena Giovanazzi, responsabile e referente tecnico dell'ufficio di assistenza domiciliare, e Chiara Maino, responsabile del sistema di gestione qualità. In chiusura Paolo Campagnano, presidente di Impact Hub Trentino, risponde alla domanda: "Cos'è l'oggetto sociale?"

  • Mondo cooperativo 2015 - puntata 13 Lunedì, 16 Maggio 2016

  • “Trentino Cura”, la risposta coop ai bisogni degli anziani Mercoledì, 09 Marzo 2016

    Oggi gli ultrasessantacinquenni in Trentino sono centomila, ma saranno 150 mila nel 2030. Mentre cresce il numero degli anziani non più autosufficienti o in condizioni di fragilità, i tagli alla spesa pubblica interessano anche le risorse per la loro cura e assistenza. Per offrire risposte ai bisogni di questa fascia debole di cittadini e alle loro famiglie, nasce in provincia di Trento, “Trentino Cura”, la risposta cooperativa ai bisogni degli anziani. Le cooperative sociali coinvolte...

  • “Trentino Cura”, la risposta coop ai bisogni degli anziani Mercoledì, 09 Marzo 2016

    Oggi gli ultrasessantacinquenni in Trentino sono centomila, ma saranno 150 mila nel 2030. Mentre cresce il numero degli anziani non più autosufficienti o in condizioni di fragilità, i tagli alla spesa pubblica interessano anche le risorse per la loro cura e assistenza. Per offrire risposte ai bisogni di questa fascia debole di cittadini e alle loro famiglie, nasce in provincia di Trento, “Trentino Cura”, la risposta cooperativa ai bisogni degli anziani. Le cooperative sociali coinvolte...

  • Mondo cooperativo 2015 - puntata 5 Mercoledì, 20 Gennaio 2016

    In questa puntata: - la cooperativa Sad ha acquistato la Villa per realizzare un nuovo polo di servizi sociali, culturali e assistenziali (intervista a Daniela Bottura e Diego Agostini, rispettivamente presidente e direttore della cooperativa Sad) - le Casse Rurali premiano gli studenti e le studentesse più meritevoli della loro comunità - l'agenda prossimi appuntamenti