Una città pulita, una città solidale Giovedì, 18 Settembre 2008

Cooperative sociali
Mezzo milione di sacchetti-paletta per i cani fanno la città di Trento più pulita ma anche più solidale. Perché nella produzione sono coinvolte 128 persone svantaggiate e 11 organizzazioni sociali. Stamani in piazza Centa un primo bilancio dell’iniziativa da parte dei promotori

Mezzo milione di “sacchetti-paletta” in carta ecologica distribuiti gratuitamente ai possessori di cani sono prodotti - da marzo 2008 e fino a marzo 2009 - da persone a rischio di grave emarginazione sociale: detenuti, persone sieropositive, o con disagio psichiatrico, disabili sia fisico che mentale.

 

Il Comune di Trento ha affidato, infatti, la realizzazione dei “sacchetti-paletta”, con una gara riservata alle organizzazioni sociali. Una scelta che nei soli primi 4 mesi ha consentito di coinvolgere 128 persone svantaggiate, per oltre 5.800 ore (ben 1.500 in carcere) che entro dicembre raddoppieranno. Di queste, ben 1.500 ore di lavoro si sono svolte in carcere: secondo il direttore dell’istituto di pena Gaetano Carrubo, i progetti lavorativi svolti all’interno del carcere sono investimenti positivi che hanno efficacia sull’intera città.

 

Il costo complessivo per il comune sarà di 42.500 euro, ovvero 8,5 centesimi per sacchetto-paletta.

 

“La commessa del Comune, ha spiegato stamani in una conferenza stampa Silvano Deavi, direttore della cooperativa sociale ALPI - capofila delle 11 organizzazioni sociali (cooperative e associazioni) finora interessate dalla collaborazione - ha dato l’opportunità di creare percorsi di educazione e socializzazione, aiutando persone della città emarginate o con problemi di salute a stare un po’ meglio, a diventare più consapevoli delle loro abilità, ad acquisire competenze di tipo lavorativo”.

 

“Una iniziativa che conferisce dignità alla persona e restituisce al lavoro soggetti che ne erano esclusi”, ha affermato l’assessore comunale alle attività sociali Violetta Plotegher.

 

In questa attività possono essere infatti coinvolte persone con bisogni differenti: sia quelle più gravi che necessitano di un contesto ad altra protezione, per avviare relazioni stabili e sentirsi utili, sia quelle in grado di acquisire abilità personali e professionali spendibili poi in progetti veri e propri di inserimento lavorativo.

 

Partecipando alla produzione gli utenti ricevono un compenso (7000 euro nei primi quattro mesi) che, non essendo di tipo puramente assistenziale, ne aiuta la motivazione e il senso di responsabilità. Per le persone sole o prive di un’assistenza economica stabile è una forma di integrazione del reddito. Per molti detenuti rappresenta addirittura l’unica fonte di sussistenza.

 

Le organizzazioni coinvolte

 

Il progetto del Comune di Trento è stato realizzato dalla Cooperativa sociale Alpi in collaborazione con le cooperative sociali Aquilone, CS4, Grazie alla vita, Gruppo 78 -Talea, Kaleidoscopio, Laboratorio Sociale; e le associazioni Apas, CTS- Casa Lamar, Cirs

 

la Comunità Murialdo - Villa Rizzi. L’iniziativa è stata incoraggiata, per la sua ricaduta sociale, dagli Assessorati alle politiche sociali della Provincia e del Comune di Trento.

Probabilmente troverai di tuo interesse anche

  • Il progetto INNO-WISEs Mercoledì, 26 Giugno 2019

    L'attività di alcune cooperative sociali trentine, che nei prossimi mesi parteciperanno alla fase di test della piattaforma ICT per le WISEs (Work Integration Social Enterprises – Cooperative di inserimento lavorativo) progettata dai partner del progetto INNO-WISEs, nel video realizzato dalla cooperativa sociale Relè.Il progetto è finanziato dal programma INTERREG Central Europe e la Federazione Trentina della Cooperazione ne...

  • Abitare inclusivo: l'esperienza di Pordenone Sabato, 27 Ottobre 2018

    Al convegno organizzato da Consolida su "L'abitare inclusivo delle persone con disabilità in Trentino: modelli ed esperienza", Luisa Montico, della Fondazione Down Friuli Venezia Giulia, ha portato l'esperienza avviata nel 2001 a Pordenone che ha già permesso a molte persone di costruirsi una vita autonoma.

  • Cos'è l'abitare inclusivo Sabato, 27 Ottobre 2018

    Quando si parla di abitare inclusivo cosa si intende? Perchè è un tema fondamentale nella creazione di condizioni di vita autonoma per persone con disabilità? Lo spiega Piergiorgio Reggio, presidente della Fondazione Demarchi, intervenuto al convegno organizzato da Consolida su "L'abitare inclusivo delle persone con disabilità in Trentino: modelli ed esperienze"

  • L'esperienza dell'abitare inclusivo della cooperazione sociale trentina Sabato, 27 Ottobre 2018

    In occasione del convegno organizzato da Consolida sul tema dell'abitare inclusivo delle persone con disabilità, la vicepresidente Francesca Gennai fa il punto sui risultati e sull'esperienza raggiunta in questo ambito

  • Elezioni: i candidati presidente rispondono alle proposte della cooperazione sociale Giovedì, 18 Ottobre 2018

    Condensate in cinque punti, il Consolida ha illustrato ai candidati alle elezioni del 21 ottobre le proprie proposte su welfare e lavoro per il futuro del Trentino. Nel video, le impressioni e gli impegni dei candidati presidente che hanno partecipato all'incontro: Ugo Rossi (Patt), Giorgio Tonini (Alleanza democratica e popolare), Antonella Valer (Sinistra per il Trentino), Paolo Primon (Popoli Liberi), Roberto De Laurentis (Tre).

  • Le proposte alla politica della cooperazione sociale Lunedì, 15 Ottobre 2018

    Condensate in cinque punti, il Consolida ha illustrato ai candidati alle elezioni del 21 ottobre le proprie priorità su welfare e lavoro per il futuro del Trentino. Nel video, le interviste a Serenella Cipriani, presidente di Consolida, e alla vicepresidente Francesca Gennai.

  • I progetti finanziati con il fondo sociale di etika Martedì, 04 Settembre 2018

    Sono 36.300 i trentini che hanno aderito a etika, l'offerta della Cooperazione Trentina (Federazione, Cassa Centrale Banca, Sait – Famiglie Cooperative, Consolida e la cooperativa sociale La Rete) e di Dolomiti Energia per l'acquisto di luce e gas.Oltre a beneficiare di uno sconto in bolletta e di numerose altre agevolazioni, i sottoscrittori hanno anche generato un vantaggio sociale, poiché per ogni contratto firmato Dolomiti Energia si è impegnata a versare ogni anno 10 euro al...

  • La vera storia dei bambini di strada di Nairobi Venerdì, 02 Marzo 2018

    Allo Smart Lab di Rovereto, martedì 6 marzo, alle 20.30, la presentazione in anteprima del film “Ten years later”, che racconta la vera storia di otto ragazzi della baraccopoli di Kibera che hanno scelto di lasciare la strada per entrare nella casa di accoglienza istituita da Koinonia Community. Alla serata interverrà il fondatore della Comunità, padre Kizito Sesana, da 40 anni missionario comboniano in Africa, scrittore.

  • Etika, l'energia che cresce - il video Giovedì, 30 Novembre 2017

    La video animazione di presentazione del progetto Etika, l'energia che cresce: economica, ecologica, solidale."Possibile e insieme, il futuro che stiamo immaginando".

  • Riforma anziani: le proposte delle cooperative sociali di Consolida Martedì, 07 Novembre 2017

    E' iniziata in Consiglio provinciale la discussione sul disegno di legge di riforma del welfare anziani. Consolida ha organizzato un convegno per presentare le proposte di emendamento della cooperazione sociale.Nel video, le interviste a Italo Monfredini, direttore generale del gruppo Spes e consigliere di Consolida, e a Luca Zeni, assessore provinciale alla Salute.