Un corso per diventare assaggiatori di vini e distillati rivolto a persone cieche e ipovedenti del Trentino Lunedì, 04 Novembre 2019

Presentato a Palazzo Roccabruna il progetto formativo che coinvolge sette persone, realizzato con fondi europei e promosso da Formazione Spa, ONAV e AbC Irifor del Trentino.

La disabilità può diventare un’opportunità, quando favorisce lo sviluppo di altre abilità “compensative”: è il caso del mestiere di assaggiatore di vino, dove olfatto e gusto contano più della vista, e possono essere la base per creare nuove professionalità. Con queste premesse, unite ad una coscienza sociale e un po’ di sano spirito pioneristico, è nato il primo corso in Trentino rivolto a ciechi e ipovedenti per diventare assaggiatori specializzati di vini e distillati, presentato a Palazzo Roccabruna a Trento.

Il corso è iniziato lo scorso aprile e proseguirà fino ad aprile 2020. I sette partecipanti sono giovani trentini di età media attorno ai 25 anni, diplomati o laureati, tra cui tre donne. Seguiranno un percorso formativo di 216 ore, suddivise in lezioni in aula (materie: analisi sensoriale, cultura enologica e produzione di vino, enologia) e un tirocinio presso le cantine vinicole del Trentino (hanno aderito Fondazione Mach, Cantina Sociale di Trento, Cantina di Lavis, Pojer & Sandri, Revì, Cantina Foradori, Cantina Endrizzi, Cantina di Isera, Pilzer Distillati, Poli Distillerie, Cantina Toblino). La figura dell’assaggiatore di vini è diversa da quella del sommelier, è stato spiegato: l’assaggiatore certifica la qualità dei vini che beviamo quotidianamente. Il sommelier, invece, si concentra principalmente sulle caratteristiche organolettiche e sensoriali del vino.

“Già nelle prime lezioni abbiamo riscontrato un forte interesse da parte dei partecipanti - ha commentato Luca Miorandi, delegato di ONAV (Organizzazione Nazionale Assaggiatori di Vino) per Trento - e il corso è iniziato quindi con i migliori presagi per il futuro. Puntiamo molto sulla motivazione dei ragazzi e sulla loro capacità di compensare l’assenza della vista con gli altri sensi, come gusto e olfatto, fondamentali nell’arte dell’assaggio”. Ferdinando Ceccato, direttore di AbC Irifor del Trentino, ha sottolineato: “per i non vedenti si tratta di un’opportunità professionalizzante in ambiti diversi da quelli solitamente a loro offerti, come il centralino o la fisioterapia, permettendo invece di operare
nell’ambito di una delle eccellenze del Trentino, in cui credo che potranno sicuramente dire la loro. Il lavoro per queste persone è particolarmente importante: significa crescita, autonomia, indipendenza economica”.

“Un corso nato grazie ad enti diversi che hanno lavorato in sinergia, senza individualismi, per aprire strade nuove e utilizzare in modo virtuoso i fondi messi a disposizione dall’Europa” ha detto Stefano Schena, presidente di Formazione spa, sottolineando la valenza sociale del progetto, che è stato finanziato dal Fondo Sociale Europeo per 38.231 euro e realizzato con il coinvolgimento della Provincia autonoma di Trento e del Dipartimento di Sociologia dell’Università di Trento. Dello stesso avviso la vicepresidente nazionale ONAV, Pia Donata Berlucchi: “è un progetto che ha un ideale forte: crediamo che se queste persone potranno svolgere un percorso formativo di qualità, otterranno risultati anche migliori delle persone cosiddette normali”.

Fonte: Kinè scs