Si complica ancora una volta l’export europeo verso l’India Mercoledì, 18 Novembre 2020

È del 21 agosto scorso il provvedimento del Food Safety and Standards authority of India che sancisce l’obbligatorietà a partire dal 1° gennaio 2021 di una certificazione GMO-free per le spedizioni nel paese di una serie di prodotti europei, tra cui le mele.

Si parla di:

Al di là della particolarità del provvedimento applicato ai prodotti dell’UE – dove gli organismi geneticamente modificati non sono contemplati nella legislazione -, fin da questa estate il dossier è passato nelle mani della Commissione Europea, visto che la materia è di competenza dell’Unione e non dei singoli Stati Membri, incerti, ad ogni modo, fin dall’inizio circa la autorità che avrebbe potuto e dovuto rilasciare un certificato di tale natura.

Da allora, nonostante le pressioni degli operatori, che sottolineavano l’urgenza di trovare una soluzione rapida per fronteggiare il provvedimento, nulla si è mosso.

Varie sono state le proposte per rispondere alla richiesta in modo lineare ed in tempi ragionevoli – una unica dichiarazione europea che garantisse che i prodotti fossero GMO-free o una dichiarazione una tantum di ogni Stato membro (dopo definizione dell’autorità competente) che affermasse la medesima cosa o una richiesta di spostamento dell’entrata in vigore del provvedimento, almeno così da poter risolvere la questione con maggiore calma nella prossima stagione – ma nessuna di queste vie è stata percorsa.

Nelle ultime settimane è trapelata la notizia della sospensione dell’applicazione della nuova normativa per le mele americane fino al marzo prossimo, che potrebbe aprire uno spiraglio negoziale anche per gli esportatori europei ed italiani. Al momento, tuttavia, nessun provvedimento ufficiale conferma lo spostamento della deadline.

I negoziati tra le autorità europee e le autorità indiane pare siano ancora in corso e ad oggi, nel bel mezzo delle settimane più importanti per l’export delle mele italiane in India, la questione è ancora irrisolta.

Se da un lato l’atteggiamento della autorità indiane può essere ritenuto poco chiaro, dall’altro si rileva una situazione di incertezza che gli Stati Membri e l’Europa faticano ad affrontare con chiarezza di ruoli ed efficacia di azione, considerando ancor più che il provvedimento è stato pubblicato mesi fa.

In mezzo ci stanno i produttori, con il loro impegno, i loro programmi di lavoro ed esportazione ed i loro rischi, che sono piuttosto lontani dai sogni del Green Deal.

Assomela s.c. è il Consorzio delle Organizzazioni di Produttori di mele italiani che rappresenta l’80% della produzione melicola nazionale, a cui si associano le OP VOG (Marlene), VIP, VOG Products e il Consorzio FROM della Provincia di Bolzano, Melinda, “la Trentina” e Mezzacorona della Provincia di Trento, Nord Est della Regione Veneto, Melapiù della Regione Emilia Romagna, Rivoira e Lagnasco della Regione Piemonte, Friulfruct del Friuli Venezia Giulia e Melavì della Regione Lombardia.

Fonte: Assomela

Probabilmente troverai di tuo interesse anche

  • Mele sostenibili sui banchi d'università Lunedì, 24 Novembre 2014

    Sono uno dei frutti che, dalla raccolta alla vendita, producono meno anidride carbonica. Parliamo delle mele, la cui impronta carbonica, vale a dire la quantità di emissioni, è comunque ancora migliorabile. Lo dice lo studio realizzato in collaborazione con Assomela e presentato oggi alla Libera Università di Bolzano. Magnani e Dalpiaz: “Risultati che applicheremo alla pratica per migliorarci”. Il prof Tagliavini: “I produttori dovranno usare energie rinnovabili, ma servirà anche...

  • 6000 mele alla conquista di Bruxelles e di nuovi mercati Lunedì, 24 Novembre 2014

    6000 mele Dop e Igp, dal Trentino e dall'Alto Adige, alla conquista di Bruxelles, sui banchi del Consiglio Agri. E in cerca di nuovi mercati. Interviste a: Maurizio Martina, ministro Agricoltura Alessia Mosca, europarlamentare

  • Bruxelles, le mele e i nuovi mercati Giovedì, 13 Novembre 2014

    Oltre al Nord Africa dove sono già protagoniste, Oriente e Nordamerica sono tra le prossime mete per le mele regionali. Ma dai negoziati in corso nell'Unione europea si aprono buone prospettive per Canada, Giappone, Vietnam e Singapore. Da "aggredire" puntando su qualità e territorio.Tra le priorità, salvaguardare Dop e Igp negli accordi con gli Stati Uniti.L'europarlamentare Alessia Mosca (Commissione commercio internazionale) ai produttori trentini e altoatesini: "il Canada...

  • Bruxelles, Varesco: "Insieme si vince" Giovedì, 13 Novembre 2014

    "L'unione fa la forza". Parola di Franz Varesco, presidente della Cooperativa Vog, a Bruxelles con le 6mila mele trentine e altoatesine per il Consiglio dei Ministri Agri. Impressioni sull'incontro con il Ministro Martina e con Alessia Mosca della Commissione Commercio Internazionale del Parlamento Europeo

  • Bruxelles, Odorizzi: "Innovazione per il futuro" Giovedì, 13 Novembre 2014

    Per Michele Odorizzi, presidente di Melinda, a Bruxelles con le 6mila mele trentine e altoatesine per il Consiglio dei Ministri Agri, la sfida del futuro è quella dell'innovazione. Sui mercati, ma anche nel prodotto per quel che riguarda le varietà.

  • Bruxelles, Magnani: "Il governo ci supporti" Giovedì, 13 Novembre 2014

    "Un aiuto nell'internazionalizzazione sarebbe stato utile. In ogni caso, dobbiamo salvare Dop e Igp, garanzia di qualità". Ennio Magnani, presidente di Apot e Assomela, a Bruxelles con le 6mila mele trentine e altoatesine per il Consiglio dei Ministri Agri.

  • Bruxelles, Dorfmann: "Salviamo Dop e Igp sul mercato globale" Giovedì, 13 Novembre 2014

    "Difendere Dop e Igp a livello globale è fondamentale" ha detto Herbert Dorfmann, europarlamentare e membro della Commissione per l'Agricoltura e lo Sviluppo Rurale, a Bruxelles con le 6mila mele trentine e altoatesine per il Consiglio dei Ministri Agri.

  • Bruxelles, Koessler: "Le nostre mele sono andate a ruba" Giovedì, 13 Novembre 2014

    "Abbiamo fatto bene...oltre a fare bella figura. Le mele sono andate a ruba ed è stata un'ottima occasione". Lo ha detto Gorg Koessler, presidente di Marlene, a Bruxelles con le 6mila mele trentine e altoatesine per il Consiglio dei Ministri Agri.

  • Bruxelles, Dietl: "Scopriamo nuovi mercati" Giovedì, 13 Novembre 2014

    "Un'ottima occasione per comprendere quali siano i nuovi mercati. Oltre agli Stati Uniti, l'India". Così Karl Dietl di Assomela, a Bruxelles con le 6mila mele trentine e altoatesine per il Consiglio dei Ministri Agri.

  • Bruxelles, le mele e il ministro Martina Mercoledì, 12 Novembre 2014

    Seimila confezioni di mele sui banchi del consiglio europeo agricoltura, durante il vertice dei ministri comunitari che si tiene oggi e domani nella capitale europea. Una iniziativa che mette in mostra l'eccellenza della produzione frutticola regionale e il valore di un territorio e una economia cooperativa. I complimenti del presidente di turno, il ministro italiano Maurizio Martina: “una iniziativa che ha fatto fare bella figura all'Italia”.