Sait, cambio di passo. Nuove politiche commerciali Domenica, 29 Maggio 2016

I soci hanno confermato alla presidenza Renato Dalpalù, e rinnovato un terzo del consiglio di amministrazione: confermati Mazzucchi, Dal Sasso, Grandi, Rizzi; nuovi ingressi di Alessandra Cascioli e Marina Mattarei.

In leggera crescita le vendite (303 milioni), bilancio approvato con quasi 11 milioni di perdita, dovuta a consistenti svalutazioni di immobili.

Dalpalù: “una operazione resa possibile dopo aver ristrutturato finanziariamente il consorzio. Ora può partire il rilancio commerciale, affidato al nuovo direttore, ma richiede un cambiamento profondo e il massimo coordinamento. Sull’area della ex sede di via Maccani vogliamo giocare un ruolo da protagonisti”.

Il direttore Luca Picciarelli: abbiamo già cominciato ad innovare i punti vendita, e rinnovato il sistema delle promozioni: più chiarezza e semplicità, si deve percepire la convenienza.

Il consorzio Sait archivia positivamente un bilancio di svolta (un solo voto contrario), e pensa al futuro. Finanziariamente risanato con un forte ridimensionamento dei debiti (passati in cinque anni da 104 a 58 milioni, quasi tutti a medio-lungo termine) riallineati al mercato gli immobili non strategici con una forte svalutazione che ha portato ad un risultato negativo per quasi 11 milioni, il consorzio della cooperazione di consumo preme l’acceleratore sulle politiche commerciali e su un rinnovato “patto” con i soci.

Il presidente Renato Dalpalù, confermato per il terzo mandato, non ha nascosto le difficoltà del mercato ma anche qualche criticità di organizzazione interna. “Serve un cambio di passo. I ricavi dalle vendite sono cresciuti da 299 a 303 milioni, ma non possiamo considerarli soddisfacenti. Occorre una profonda riorganizzazione, che abbiamo affidato al nuovo direttore, e anche un maggiore coordinamento e coesione dell’intero sistema, dalla Federazione che deve recuperare autorevolezza alle Famiglie Cooperative – grandi e piccole - che non possono pensare di andare da sole.

E all’interno della struttura di Sait occorre accettare la sfida del cambiamento e confrontarsi sulla produttività. Possiamo diventare laboratorio, magari ragionando con le organizzazioni sindacali su forme di compartecipazione dei lavoratori. Come azienda e come cooperazione trentina abbiamo l’opportunità di contribuire a qualcosa che valorizzi la nostra comunità”.

Dalpalù, presente l’assessore comunale Italo Gilmozzi, ha parlato anche dell’area di sei ettari della ex sede in via Maccani. La decisione recente del comune di Trento di inserire il sito tra quelli su cui è possibile attivare grandi superfici di vendita al dettaglio, apre “l’opportunità di giocare un ruolo da protagonisti”.

La vicepresidente vicaria della Federazione Marina Castaldo ha incoraggiato il Sait e la cooperazione di consumo ad intraprendere un cambiamento avendo sempre attenzione al socio e ai lavoratori.  Interventi anche di Michele Odorizzi, presidente di Cooperazione Salute, e del consigliere provinciale Mario Tonina.

Cambia la politica commerciale

Luca Picciarelli, direttore da un mese, ha presentato le linee guida di una nuova politica commerciale che già si può percepire nei punti vendita. “Dobbiamo uscire dalla zona di confort che il Sait ci ha sempre garantito – ha affermato – i risultati arriveranno ma non saranno gratis”. Le priorità evidenziate da Picciarelli sono convenienza e semplificazione. “Cambierà il volantino e la politica degli sconti, grande enfasi sui prodotti freschi, che dovranno essere i migliori del mercato. Lavoreremo sugli assortimenti e manterremo la possibilità per i soci di avere un vantaggio concreto.  Sarà solo l’inizio, l’importante è garantire risultati”.

Il rinnovo delle cariche in consiglio

L’assemblea dei soci, oltre a confermare il presidente Renato Dalpalù,  ha rinnovato un terzo del consiglio. Confermati i consiglieri e consigliere uscenti Clara Mazzucchi, Heinrich Grandi, Paola Dal Sasso, Mauro Rizzi. Nuovi ingressi Marina Mattarei al posto di Gioacchino Casanova per il comprensorio della Val di Sole, e Alessandra Cascioli al posto di Giorgio De Ros per la zona di Trento. I nominativi dei candidati erano stati proposti dalle assemblee sul territorio.

Probabilmente troverai di tuo interesse anche

  • I progetti finanziati con il fondo sociale di etika Martedì, 04 Settembre 2018

    Sono 36.300 i trentini che hanno aderito a etika, l'offerta della Cooperazione Trentina (Federazione, Cassa Centrale Banca, Sait – Famiglie Cooperative, Consolida e la cooperativa sociale La Rete) e di Dolomiti Energia per l'acquisto di luce e gas.Oltre a beneficiare di uno sconto in bolletta e di numerose altre agevolazioni, i sottoscrittori hanno anche generato un vantaggio sociale, poiché per ogni contratto firmato Dolomiti Energia si è impegnata a versare ogni anno 10 euro al...

  • Nuovo Coop Superstore a Rovereto Martedì, 12 Dicembre 2017

    Ultimato un intervento di restyling durato alcune settimane, ha riaperto a Rovereto il Coop Superstore. La struttura è stata completamente ripensata e potenziata con nuovi reparti e servizi per soddisfare le esigenze del consumatore. La ristrutturazione ha comportato un investimento di 2 milioni di euro.Nel video, con le immagini del nuovo Superstore, l'intervista a Luca Picciarelli, direttore generale del Sait.

  • Etika, l'energia che cresce - il video Giovedì, 30 Novembre 2017

    La video animazione di presentazione del progetto Etika, l'energia che cresce: economica, ecologica, solidale."Possibile e insieme, il futuro che stiamo immaginando".

  • etikaplus: con etika il risparmio è (anche) a led Mercoledì, 18 Ottobre 2017

    Lampadine led a prezzi scontati per gli aderenti a etika, l'offerta luce e gas economica, ecologica e solidale. Un'iniziativa creata da Federazione Trentina della Cooperazione, Cassa Centrale Banca, Consolida, Sait, cooperativa sociale La Rete insieme a Dolomiti Energia. 

  • Con etika l'energia diventa economica ecologica solidale Venerdì, 25 Novembre 2016

    Risparmiare aiutando l'ambiente e le persone fragili. In modo facile e a condizioni trasparenti. Etika è la sintesi di un grande progetto di collaborazione tra Dolomiti Energia e il mondo della cooperazione trentina: credito, consumo e sociale. Con la bolletta della luce e quella del gas si risparmia e si contribuisce ad alimentare un Fondo solidale per progetti sociali, centrati sul “dopo di noi”. Nasce così il più grande gruppo di acquisto eco-solidale del Trentino.

  • Cooperazione e sviluppo globale Venerdì, 07 Ottobre 2016

    Parlare di cooperazione e sviluppo globale significa analizzare quali preoccupazioni e quali punti di forza queste dimensioni stanno vivendo, cercando di guardare al mondo cooperativo in una prospettiva che rivolga lo sguardo alla sua storia e ai nuovi progetti per il futuro.Intervista a Renato Dalpalù, presidente Sait.

  • Corretta alimentazione Mercoledì, 05 Ottobre 2016

  • Sait presenta il bilancio. Assemblea dei soci il 29 maggio Giovedì, 12 Maggio 2016

    Conferenza stampa per la presentazione del bilancio 2015 del Sait. Il neo direttore Luca Picciarelli anticipa nel video le iniziative che metterà in campo il consorzio per rafforzare la sua presenza sul mercato e migliorare il servizio alle cooperative associate e ai consumatori.

  • A mangiar bene si impara da piccoli Giovedì, 24 Settembre 2015

    Un sito internet con giochi e attività educative e una collezione di figurine per aiutare i bambini a conoscere l'importanza di un'alimentazione sana. Un'iniziativa della Cooperazione di consumo con Casse Rurali Trentine e Latte Trento, sull'onda di Expo