SAIT presenta il bilancio. Assemblea dei soci il 29 maggio Martedì, 10 Maggio 2016

Bene la gestione caratteristica, risultato migliorato rispetto al 2014, con un utile della gestione ordinaria che sfiora i 2 milioni. Dimezzato l’indebitamento. L’impegno del nuovo direttore Luca Picciarelli per il rilancio commerciale. Tre capisaldi: qualità, convenienza, accoglienza nei punti vendita. “Riallineati” i beni immobiliari alle valutazioni di mercato.

Renato Dalpalù: consegno ai soci un consorzio ristrutturato finanziariamente, commercialmente e anche da punto di vista immobiliare

Il Sait, consorzio della cooperazione di consumo trentina, si presenterà ai soci in assemblea il prossimo 29 maggio al centro congressi Interbrennero con un bilancio senza scossoni per quanto riguarda la parte caratteristica.

“Le vendite sono rimaste stabili – afferma il presidente Renato Dalpalù - mentre siamo riusciti a conseguire dei miglioramenti sotto il profilo dei costi.  A sostanziale parità di risorse trasferite alle Famiglie Cooperative il risultato è migliorato”. Il fatturato è di 303 milioni 195 mila euro, quasi 4 in più dell’anno precedente. Anche l’utile della gestione caratteristica è aumentato rispetto al 2014: 1,957 milioni a fronte di 1,607 dell’anno precedente.

Per Dalpalù si conclude il secondo mandato di presidenza. “Dal completamento della piattaforma logistica abbiamo quasi dimezzato l’indebitamento trasformandolo dal breve al medio e lungo termine e selezionato il nuovo direttore che avrà il compito di rilanciare il core business aziendale. In questo contesto è stata assunta anche la decisione di riallineare al mercato il valore  dei beni immobili di proprietà non più strategici.  In scadenza di mandato consegno un Consorzio che ha affrontato le diverse criticità che erano sul tavolo”, prosegue Dalpalù.

La posizione finanziaria

Completata la ristrutturazione finanziaria con lo spostamento del debito da breve a medio-lungo termine. Nel 2010 i debiti verso le banche ed i soci erano pari a circa 104 milioni di euro e quasi  tutti nel breve termine, mentre al 31 dicembre 2015 questi si erano ridotti a circa 58 milioni di euro con la maggioranza degli stessi nel medio lungo termine.

Il rapporto tra indebitamento e risultato operativo di conseguenza evidenzia un costante miglioramento, passando dal 10,6 del 2010 al 4,8 del 2015. “Risultati conseguiti sotto la direzione di Luigi Pavana a cui va il nostro ringraziamento”.  

Una svolta sulle vendite

Le vendite, seppur stabili, offrono margini di miglioramento. La crescente spinta concorrenziale e politiche aziendali non sempre adeguate hanno portato a risultati non del tutto soddisfacenti. “Abbiamo lavorato – spiega Dalpalù - per individuare prima un profilo e successivamente la persona a cui affidare la guida operativa del Consorzio con l’obiettivo di recuperare dinamismo commerciale ed immagine. 

Il nuovo direttore Luca Picciarelli sta lavorando alla pianificazione del rilancio commerciale di Sait, che si muoverà su tre principali direttrici: qualità della proposta, enfasi sulla convenienza, accoglienza nei punti vendita. “Ho trovato una azienda sorprendente per la qualità della proposta e per i valori che trasmette – afferma Picciarelli – sono questi gli asset che vogliamo consolidare in futuro”.

La gestione straordinaria

La chiusura del mandato triennale, il completamento della ristrutturazione finanziaria e il cambio di direzione hanno portato il presidente Dalpalù a sottoporre la proposta di riallineamento ai valori di mercato dei beni immobili di proprietà non più strategici posseduti da Sait direttamente o attraverso Coopersviluppo. Le relative svalutazioni prudenziali hanno inciso sul bilancio per 10 milioni di euro circa.

Si è poi ritenuto opportuno adeguare al valore di patrimonio netto quello iscritto a bilancio della partecipazione in Trento Sviluppo Srl (Superstore), analogamente a quanto fatto dal socio Coop Alleanza 3.0. 

Complessivamente queste operazioni portano il risultato finale negativo prossimo a 11 milioni.

“In questo momento la situazione patrimoniale e finanziaria del Consorzio – ha commentato il presidente Dalpalù - non desta preoccupazioni ed ha la capacità di assorbire questa scelta.

A riprova, in queste settimane  stiamo definendo due operazioni finanziarie nel medio termine per complessivi 10 milioni di euro, che ci permetteranno di ridurre il costo del nostro indebitamento e rappresentano altresì la conferma della fiducia del sistema bancario nei nostri confronti”.

Le cariche in scadenza

L’assemblea del 29 maggio è chiamata a rinnovare un terzo del consiglio ed eleggere il presidente. In scadenza, oltre a Renato Dalpalù, sono la vicepresidente Clara Mazzucchi e i consiglieri Giorgio De Ros, Heinrich Grandi, Paola Dal Sasso, Mauro Rizzi e Gioacchino Casanova. I nominativi dei candidati o eventuali riconferme saranno proposti dai convegni comprensoriali sul territorio attualmente in corso.

Probabilmente troverai di tuo interesse anche

  • I progetti finanziati con il fondo sociale di etika Martedì, 04 Settembre 2018

    Sono 36.300 i trentini che hanno aderito a etika, l'offerta della Cooperazione Trentina (Federazione, Cassa Centrale Banca, Sait – Famiglie Cooperative, Consolida e la cooperativa sociale La Rete) e di Dolomiti Energia per l'acquisto di luce e gas.Oltre a beneficiare di uno sconto in bolletta e di numerose altre agevolazioni, i sottoscrittori hanno anche generato un vantaggio sociale, poiché per ogni contratto firmato Dolomiti Energia si è impegnata a versare ogni anno 10 euro al...

  • Nuovo Coop Superstore a Rovereto Martedì, 12 Dicembre 2017

    Ultimato un intervento di restyling durato alcune settimane, ha riaperto a Rovereto il Coop Superstore. La struttura è stata completamente ripensata e potenziata con nuovi reparti e servizi per soddisfare le esigenze del consumatore. La ristrutturazione ha comportato un investimento di 2 milioni di euro.Nel video, con le immagini del nuovo Superstore, l'intervista a Luca Picciarelli, direttore generale del Sait.

  • Etika, l'energia che cresce - il video Giovedì, 30 Novembre 2017

    La video animazione di presentazione del progetto Etika, l'energia che cresce: economica, ecologica, solidale."Possibile e insieme, il futuro che stiamo immaginando".

  • etikaplus: con etika il risparmio è (anche) a led Mercoledì, 18 Ottobre 2017

    Lampadine led a prezzi scontati per gli aderenti a etika, l'offerta luce e gas economica, ecologica e solidale. Un'iniziativa creata da Federazione Trentina della Cooperazione, Cassa Centrale Banca, Consolida, Sait, cooperativa sociale La Rete insieme a Dolomiti Energia. 

  • Con etika l'energia diventa economica ecologica solidale Venerdì, 25 Novembre 2016

    Risparmiare aiutando l'ambiente e le persone fragili. In modo facile e a condizioni trasparenti. Etika è la sintesi di un grande progetto di collaborazione tra Dolomiti Energia e il mondo della cooperazione trentina: credito, consumo e sociale. Con la bolletta della luce e quella del gas si risparmia e si contribuisce ad alimentare un Fondo solidale per progetti sociali, centrati sul “dopo di noi”. Nasce così il più grande gruppo di acquisto eco-solidale del Trentino.

  • Cooperazione e sviluppo globale Venerdì, 07 Ottobre 2016

    Parlare di cooperazione e sviluppo globale significa analizzare quali preoccupazioni e quali punti di forza queste dimensioni stanno vivendo, cercando di guardare al mondo cooperativo in una prospettiva che rivolga lo sguardo alla sua storia e ai nuovi progetti per il futuro.Intervista a Renato Dalpalù, presidente Sait.

  • Corretta alimentazione Mercoledì, 05 Ottobre 2016

  • Sait presenta il bilancio. Assemblea dei soci il 29 maggio Giovedì, 12 Maggio 2016

    Conferenza stampa per la presentazione del bilancio 2015 del Sait. Il neo direttore Luca Picciarelli anticipa nel video le iniziative che metterà in campo il consorzio per rafforzare la sua presenza sul mercato e migliorare il servizio alle cooperative associate e ai consumatori.

  • A mangiar bene si impara da piccoli Giovedì, 24 Settembre 2015

    Un sito internet con giochi e attività educative e una collezione di figurine per aiutare i bambini a conoscere l'importanza di un'alimentazione sana. Un'iniziativa della Cooperazione di consumo con Casse Rurali Trentine e Latte Trento, sull'onda di Expo