"Riforma anziani": le proposte delle cooperative sociali di Consolida Lunedì, 06 Novembre 2017

Alla vigilia del dibattito in consiglio provinciale, la cooperazione sociale formula le proprie proposte di emendamento. Lo ha fatto in un convegno a Trento alla presenza dell’assessore Luca Zeni e molti consiglieri provinciali.

Le richieste: possibilità per le famiglie di utilizzare l'assegno di cura a seconda dei loro reali bisogni; spazio alla cooperazione sociale nell’ informare e aiutare le famiglie nella ricerca dei servizi più adatti alle loro necessità (Spazio argento).

Zeni apre sull’assegno di cura, sul resto conferma le decisioni già prese.

Rimangono le perplessità della cooperazione sociale, che mantiene però aperto il dialogo.

Dare la possibilità alle famiglie di utilizzare le risorse disponibili (in particolare l'assegno di cura) a seconda dei loro reali bisogni e riconoscere che anche la cooperazione sociale può informare e aiutare le famiglie nella ricerca dei servizi più adatti alle loro necessità.

Sono queste le due principali proposte di emendamento alla riforma provinciale dei servizi agli anziani che andrà in aula tra pochi giorni, presentate dalle cooperative sociali del consorzio Consolida nel convegno che si è tenuto oggi alla fondazione Caritro, e che costituisce il secondo appuntamento della settimana "Impresa sociale al cubo".

"Consapevoli che i dati anagrafici e il contesto richiedeva di ripensare i servizi agli anziani - ha affermato Serenella Cipriani, presidente del consorzio - abbiamo fin dall'inizio del dibattito politico e mediatico cercato di dare il nostro contributo per la costruzione di un sistema non solo sostenibile ma anche realmente vicino ai bisogni mutati e mutevoli nel tempo delle persone.

E nel disegno di legge che andrà in aula da domani abbiamo visto che alcune delle nostre riflessioni sono state raccolte, come ad esempio la centratura della riforma sulla Comunità di Valle anziché sulla Apsp come previsto all’inizio.  

Riteniamo però ci siano ancora spazi di miglioramento, opportuni e necessari".

Per il presidente della Cooperazione Trentina Mauro Fezzi: “dovremmo riuscire a delineare percorsi che consentano una apertura maggiore del privato sociale rispetto al pubblico, tutelando anche la comunità da operatori privati che affrontano il “mercato” con molta aggressività. Questa può essere una buona opportunità non solo per le cooperative sociali ma per la cooperazione in generale”.

 

"Assistiamo nella riforma - ha precisato Italo Monfredini, direttore generale del Gruppo Spes – ad un'eccessiva enfatizzazione del servizio erogato in sede domiciliare. Questo servizio è importante perché risponde alle esigenze diffuse degli anziani parzialmente autosufficienti, allevia in questa fase il carico delle famiglie e riduce gli accessi impropri al servizio residenziale.

Questo però non significa che il servizio possa essere sostitutivo di quello  residenziale (in Rsa), poiché sono sempre di più i cittadini affetti da un grado di non autosufficienza tale da non potere essere gestiti a domicilio.

La logica del sostegno alla vita presso il proprio domicilio inoltre, va collocata nella continuità assistenziale riconoscendo alle famiglie di poter accedere anche in strutture residenziali utilizzando l'assegno di cura temporaneamente.

Spesso il passaggio da una condizione di autonomia ad una di non completa autosufficienza è improvviso e comunque non pianificabile.

Si deve dare il tempo (3- 6 mesi) alle famiglie di potersi organizzare. Questo aprirebbe per altro alla possibilità di immaginare interventi nuovi che oggi non esistono.

L'altra proposta di emendamento riguarda l’accesso ai servizi: "condividiamo la scelta di un punto unico di accesso che dia ai cittadini le informazioni e li sostenga nella costruzione di piani individualizzati di cura e assistenza. La riforma dei servizi agli anziani affida questo compito alle Comunità di Valle che però a loro volta lo possono affidare alle Apsp.

Una soluzione intermedia che da un lato confonde enti pubblici politici con aziende pubbliche gestori di servizi, dall'altro esclude la cooperazione sociale.

Riteniamo che il buon senso, ancor prima delle ragioni tecniche, imponga che un attore senza fini di lucro, socialmente radicato e riconosciuto, debba essere parte integrante della azione di governo del nuovo strumento “Spazio Argento”.

Monfredini ha inoltre aggiunto che la cooperazione sociale è in grado di investire per ampliare l’offerta di residenzialità, e quindi di rispondere ai bisogni delle famiglie che non possono essere soddisfatti con risorse pubbliche. È importante che a farlo sia un soggetto del privato sociale perché è in gioco anche l’equità del sistema.

L’assessore provinciale alla salute Luca Zeni ha ascoltato le proposte ringraziando la cooperazione sociale per il contributo che ha dato alla riforma, e poi ha risposto alle osservazioni.

Sull’assegno di cura sarà portato in aula l’emendamento che amplia i tempi di utilizzo.

Sugli altri punti, invece, in particolare per lo “Spazio argento”, ha ribadito le scelte fatte, che non vogliono escludere la cooperazione sociale, ma mantenere una regia pubblica.

Dopo l’intervento dell’assessore permangono le perplessità della cooperazione sociale, che  manifesta la volontà di continuare il dialogo anche nella fase attuativa dei regolamenti alla legge.

*****

"Impresa sociale al cubo", la settimana di appuntamenti organizzati dal consorzio con le proprie associate sul temi del welfare continua domani 7 novembre alle 20.30 alla Fondazione bruno Kessler (Via Santa Croce 77, Trento) con "Case aperte" un talk con Johnny Dotti Università Cattolica di Milano e fondatore di Welfare Italia.

Per maggiori informazioni e per il programma completo www.consolida.it

Probabilmente troverai di tuo interesse anche

  • Riforma anziani: le proposte delle cooperative sociali di Consolida Martedì, 07 Novembre 2017

    E' iniziata in Consiglio provinciale la discussione sul disegno di legge di riforma del welfare anziani. Consolida ha organizzato un convegno per presentare le proposte di emendamento della cooperazione sociale.Nel video, le interviste a Italo Monfredini, direttore generale del gruppo Spes e consigliere di Consolida, e a Luca Zeni, assessore provinciale alla Salute.

  • etikaplus: con etika il risparmio è (anche) a led Mercoledì, 18 Ottobre 2017

    Lampadine led a prezzi scontati per gli aderenti a etika, l'offerta luce e gas economica, ecologica e solidale. Un'iniziativa creata da Federazione Trentina della Cooperazione, Cassa Centrale Banca, Consolida, Sait, cooperativa sociale La Rete insieme a Dolomiti Energia. 

  • etika Martedì, 06 Dicembre 2016

    Si chiama etika l'offerta dedicata ai soci e ai clienti delle Casse Rurali trentine e ai soci delle Famiglie Cooperative aderenti al consorzio Sait che potranno risparmiare sulle bollette di casa, tutelare l'ambiente e aiutare le persone con disabilità  e le loro famiglie.

  • Con etika l'energia diventa economica ecologica solidale Venerdì, 25 Novembre 2016

    Risparmiare aiutando l'ambiente e le persone fragili. In modo facile e a condizioni trasparenti. Etika è la sintesi di un grande progetto di collaborazione tra Dolomiti Energia e il mondo della cooperazione trentina: credito, consumo e sociale. Con la bolletta della luce e quella del gas si risparmia e si contribuisce ad alimentare un Fondo solidale per progetti sociali, centrati sul “dopo di noi”. Nasce così il più grande gruppo di acquisto eco-solidale del Trentino.

  • Assistenza agli anziani in Trentino: la proposta delle cooperative sociali Giovedì, 17 Novembre 2016

    Le cooperative sociali trentine che operano nel campo dell'assistenza agli anziani intervengono nel dibattito sulla riforma delle case di riposo con una proposta frutto di uno studio commissionato all'Università di Trento. La ricerca è stata presentata in un convegno alla facoltà di Sociologia. 

  • Le cooperative trentine al Festival dell'economia 2016 Giovedì, 02 Giugno 2016

    I laboratori e le iniziative proposte dalle cooperative trentine al Festival dell'economia 2016

  • Valore lavoro 2014 - Dignità e lavoro anche in carcere Giovedì, 16 Luglio 2015

    Le oppportunità di crescita e formazione offerte dalle cooperative sociali trentine all'interno della casa circondariale di Trento

  • Valore lavoro 2014 - Dignità e lavoro anche in carcere Giovedì, 16 Luglio 2015

    Le oppportunità di crescita e formazione offerte dalle cooperative sociali trentine all'interno della casa circondariale di Trento

  • Valore lavoro 2014 – Trentino Social Tank Venerdì, 09 Gennaio 2015

    Un luogo dove le idee nascono, si contaminano e si realizzano: è Trentino Social Tank, incubatore di nuove imprese nel settore sociale nato dalla collaborazione di Consolida, il consorzio delle cooperative sociali trentine, e Csv

  • Mondo cooperativo 2014 - puntata 5 Mercoledì, 03 Settembre 2014

    In questa puntata: - "E' tipico andare in cooperativa" è un progetto della Famiglia Cooperativa Terme di Comano, che coinvolge più realtà locali, tra cui altre due cooperative: Famiglia Cooperativa Terme di Comano, Copag e Apt Terme di Coman, con l'obiettivo di offrire al turista, ma non solo, una chiave di lettura del territorio, attraverso la presentazione delle produzioni tipiche trentine, che è allo stesso tempo descrizione dell'intera vallata e delle sue risorse e...