Riconoscersi risorsa nel mondo Mercoledì, 13 Marzo 2019

E' il titolo della giornata di confronto organizzata a Trento per il 26 marzo per dialogare sulla disabilità. Interverranno Giampiero Griffo, membro del Consiglio mondiale di Disabled People’s International e Coordinatore dell'Osservatorio Nazionale sulla disabilità e Maria Giulia Bernardini, autrice del libro "Disabilità, giustizia, diritto". Iscrizioni online entro il 18 marzo.

Si parla di:

Nel mese di marzo di 10 anni fa, esattamente il 3 marzo 2009, l'Italia ratificava la Convenzione Onu sui diritti delle persone con disabilità. Questo fondamentale documento era stato approvato  il 13 dicembre 2006 dall’Assemblea delle Nazioni Unite. A New York quel giorno, ad apporre la firma dell'Italia, oltre ad esponenti governativi, c'era Giampiero Griffo, componente del Consiglio Mondiale di DPI (Disabled Peoples’ International), presidente di DPI Italia. Griffo è una delle personalità più impegnate sul fronte dei diritti dei disabili: tra i suoi vari incarichi, da gennaio di quest'anno, è coordinatore del Comitato tecnico-scientifico dell’Osservatorio nazionale sulla condizione delle persone con disabilità.

Griffo sarà presente a Trento il 26 marzo nell’ambito di una giornata di lavoro e confronto sul tema della disabilità in Trentino, in Italia e nel mondo, intitolata “Diversamente altri. Riconoscersi risorsa nel mondo”. L’iniziativa, organizzata dal Centro per la Cooperazione Internazionale in collaborazione con Fondazione Fontana onlus, CUAMM Medici con l’Africa, GTV Gruppo Trentino di Volontariato e Cooperativa la RETE, segna la conclusione del progetto "Educare alla cittadinanza e alla salute globale " co-finanziato da AICS e del progetto "Disabilità e diversità per l'inclusione di tutti dalla Convenzione ONU alle pratiche locali" con il contributo della Provincia autonoma di Trento. Tali progetti, cominciati nel 2018 e continuati fino ad oggi, hanno visto soprattutto un’attività nelle scuole secondarie superiori: per avvicinare i ragazzi a questo tema si sono susseguite testimonianze, laboratori didattici, incontri di formazione, visione di film e cortometraggi.

Gli studenti sono stati molto attenti e partecipi, al di là delle aspettative, forse perché argomenti quali l’in/dipendenza, autonomia e vulnerabilità incrociano le loro problematiche con quelle più ampie delle difficoltà ma anche del desiderio di crescere da parte di chi vive nei Paesi svantaggiati.

Il seminario del 26 marzo riannoderà i fili del discorso promuovendo una riflessione sui concetti di in/dipendenza, autonomia e vulnerabilità e sulle condizioni di vita delle persone con disabilità in Trentino, in Italia e nel mondo, offrendo una ricognizione sullo stato di attuazione della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità.

Approfondirà la dimensione giuridica e concettuale del tema Maria Giulia Bernardini, dottoressa di ricerca in Diritti umani presso l'Università di Palermo, attualmente assegnista di ricerca in Filosofia del diritto presso il Dipartimento di Giurisprudenza dell'Università degli Studi di Ferrara. I suoi temi di ricerca includono: disabilità, inclusione sociale, vulnerabilità, soggettività giuridica, teorie critiche del diritto.

Durante il laboratorio è previsto uno spazio di presentazione, scambio e analisi di esperienze, a livello locale e internazionale. Questa sessione sarà volta alla condivisione di linguaggi, approcci e prospettive comuni nel lavoro sulla diversità; all’integrazione di un approccio trasversale alla disabilità nella progettazione e nell’attuazione di progetti di cooperazione internazionale.

I destinatari del seminario sono gli operatori nell’ambito del terzo settore e della cooperazione internazionale, che si occupano non solo di disabilità ma di diritto alla salute, sviluppo umano, empowerment ad ogni livello. Per questo può interessare anche alle organizzazioni sindacali, al personale sanitario, a funzionari pubblici e ovviamente a insegnanti. Si scoprirà come il Trentino possa essere un esempio positivo per l’Italia e non solo.

Il convegno, in programma martedì 26 marzo dalle ore 8.45 alle ore 14.00, si terrà presso lo Studentato Nest, Via dei Solteri 97, Trento. Per ulteriori informazioni e per iscrizioni (da effettuare entro il 18 marzo) andare sul sito del Centro per Cooperazione Internazionale.

Fonte: cooperativa La Rete

Probabilmente troverai di tuo interesse anche

  • SocioSì, la spesa che fa bene Lunedì, 11 Marzo 2019

    Generosità  e sensibilità  sono due valori distintivi di “SocioSì" che, dal 2014, vede protagonisti i soci di Famiglia Cooperativa e Coop Trentino. Lo scorso 31 gennaio si è conclusa l'edizione 2018 di questa iniziativa che, attraverso la raccolta punti, garantisce vantaggi ai soci e una possibilità  in più. Infatti, ogni cinquecento punti raccolti sulla “Carta In Cooperazione”, si possono devolvere cinque euro a una realtà  impegnata nel sociale: la cooperativa La Rete, Admo...

  • I progetti finanziati con il fondo sociale di etika Martedì, 04 Settembre 2018

    Sono 36.300 i trentini che hanno aderito a etika, l'offerta della Cooperazione Trentina (Federazione, Cassa Centrale Banca, Sait – Famiglie Cooperative, Consolida e la cooperativa sociale La Rete) e di Dolomiti Energia per l'acquisto di luce e gas.Oltre a beneficiare di uno sconto in bolletta e di numerose altre agevolazioni, i sottoscrittori hanno anche generato un vantaggio sociale, poiché per ogni contratto firmato Dolomiti Energia si è impegnata a versare ogni anno 10 euro al...

  • Il Luogo del Dono: bilancio dei primi due anni di attività Martedì, 21 Agosto 2018

    A settembre 2016 cinque organizzazioni no profit hanno lanciato in Trentino la campagna Il Luogo del Dono con l'obiettivo di promuovere la cultura del lascito testamentario a favore di realtà che operano senza fini di lucro.  I promotori dell'iniziativa sono: la cooperativa Progetto 92, Mandacarù, La Rete . l'associazione Amministratori di Sostegno di Trento e la cooperativa Monteverde di Verona. Ecco in cosa consiste il progetto e come sta andando

  • Il luogo del dono Martedì, 19 Giugno 2018

    Il Luogo del Dono nasce dall'incontro di cinque realtà del privato sociale trentino e veneto, che hanno deciso di intraprenderei un percorso comune di crescita e sensibilizzazione sul tema del dono, in particolare attraverso la forma dei lasciti testamentari.Il Luogo del Dono nasce da una condivisione, tra le realtà aderenti, di approcci valoriali, di legame ai territori di appartenenza e di trasparenza nella gestione delle risorse.Per saperne di più: www.luogodeldono.it

  • Il Luogo del Dono: bilancio dei primi due anni di attività Martedì, 19 Giugno 2018

    A settembre 2016 cinque organizzazioni no profit hanno lanciato in Trentino la campagna Il Luogo del Dono con l'obiettivo di promuovere la cultura del lascito testamentario a favore di realtà che operano senza fini di lucro.  I promotori dell'iniziativa sono: la cooperativa Progetto 92, Mandacarù, La Rete . l'associazione Amministratori di Sostegno di Trento e la cooperativa Monteverde di Verona. Ecco in cosa consiste il progetto e come sta andando

  • etikaplus: con etika il risparmio è (anche) a led Mercoledì, 18 Ottobre 2017

    Lampadine led a prezzi scontati per gli aderenti a etika, l'offerta luce e gas economica, ecologica e solidale. Un'iniziativa creata da Federazione Trentina della Cooperazione, Cassa Centrale Banca, Consolida, Sait, cooperativa sociale La Rete insieme a Dolomiti Energia. 

  • etika Martedì, 06 Dicembre 2016

    Si chiama etika l'offerta dedicata ai soci e ai clienti delle Casse Rurali trentine e ai soci delle Famiglie Cooperative aderenti al consorzio Sait che potranno risparmiare sulle bollette di casa, tutelare l'ambiente e aiutare le persone con disabilità  e le loro famiglie.

  • Con etika l'energia diventa economica ecologica solidale Venerdì, 25 Novembre 2016

    Risparmiare aiutando l'ambiente e le persone fragili. In modo facile e a condizioni trasparenti. Etika è la sintesi di un grande progetto di collaborazione tra Dolomiti Energia e il mondo della cooperazione trentina: credito, consumo e sociale. Con la bolletta della luce e quella del gas si risparmia e si contribuisce ad alimentare un Fondo solidale per progetti sociali, centrati sul “dopo di noi”. Nasce così il più grande gruppo di acquisto eco-solidale del Trentino.

  • Valore lavoro 2014 - Rifugio Erterle Venerdì, 09 Gennaio 2015

    Il Rifugio Erterle è il primo rifugio sociale del Trentino, nato con l'obiettivo di ospitare persone appassionate di montagna, e contemporaneamente offrire occasioni di lavoro a persone in condizione di fragilità. Si tratta di un progetto realizzato dall'Associazione Montagna Solidale, realtà costituita da cooperative e associazioni (A.M.A. Salute Mentale, Laboratorio Sociale, La Rete, Associazione La Panchina, Progetto92, Samuele, Villa S. Ignazio e Associazione A.M.A) e da una...

  • Mondo cooperativo 2014 - puntata 10 Giovedì, 13 Novembre 2014

    In questa puntata: - l'edizione 2014 di Tutti nello stesso piatto; - la bolletta del cuore della cooperativa La Rete; - l'autunno culturale della cooperazione sociale; - la decima puntata del vademecum sulla cooperazione (10. Quali incentivi ci sono alla nascita di nuove imprese cooperative?). In chiusura la ricetta, proposta dal cuoco del ristorante "Isotta" della cooperativa Risto3, per preparare canederlotti alla verza con crema al puzzone di Moena e canederlotti ai formaggi su crema di...