Raiffeisen, il riformatore visionario che fondò le Casse Rurali Venerdì, 30 Novembre 2018

Il convegno ha offerto l’occasione per riflettere sull’attualità del pensiero raiffeiseniano, a duecento anni dalla nascita, nel contesto del complesso cambiamento che sta coinvolgimento la cooperazione di credito sia a livello nazionale che locale.

Mattarei: Raiffeisen fu un grande innovatore. Noi abbiamo la responsabilità di mantenere viva la sua visione, anche oggi attualissima. Un nuovo protagonismo delle Casse Rurali è possibile.

La Federazione e la Fondazione don Guetti hanno promosso oggi pomeriggio un convegno che ha approfondito la conoscenza di uno dei padri fondatori del movimento cooperativo in Europa, in particolare nel settore delle cooperative di credito, Friedrich Wilhelm Raiffeisen, nel bicentenario della nascita.

Il “modello” raiffeiseniano ispirò direttamente l’azione di don Lorenzo Guetti e degli altri sostenitori dello sviluppo cooperativo trentino.

Egli ha dato vita ad un modello di cooperazione che è ancora vivo e presente nel tessuto sociale ed economico dei Paesi in cui è applicato. Oggi al mondo ci sono 2 milioni e mezzo di società cooperative, e 1 miliardo e 200 milioni di soci di cooperative.

“Oggi fare banca è molto complesso – ha detto la presidente della Federazione Marina Mattarei nel suo intervento introduttivo – tuttavia le Casse Rurali anche negli anni della crisi hanno fatto supplenza agli altri istituti che avevano chiuso i rubinetti del credito.

Il cambiamento in atto è molto sfidante per le Rurali. Sono convinta che se riusciremo a mantenere la barra dritta sui fondamentali, sapremo anche interpretare al meglio questa riforma, che, per quanto necessaria e condivisibile, lascia aperto il grande tema della mutualità, interna ed esterna.

Abbiamo davanti a noi una grande responsabilità: quella di mantenere viva una visione, che va oltre l’attività bancaria. Ce lo chiedono le nostre comunità, ce lo chiedono i nostri soci. Un nuovo protagonismo delle Casse Rurali è possibile”.

“La nostra Fondazione nei confronti di Raiffeisen – ha affermato Fabio Berasi, presidente della Fondazione don Guetti – ha un grande debito di riconoscenza. Senza la sua ‘invenzione’, la banca senza capitali fondata sulla responsabilità illimitata, la storia di tutto il Tirolo storico e dunque anche del Trentino, sarebbe certamente stata assai diversa.

Figure come Raiffeisen e don Guetti sono attuali e risulta necessario tenere vive le loro idee, a vantaggio sia del singolo che delle comunità”.

Al convegno ha partecipato anche il presidente della Federazione Raiffeisen di Bolzano Herbert von Leon, che ha portato un indirizzo di saluto.

Il prof. Pietro Cafaro, docente all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, dopo aver analizzato il contesto in cui ha operato Raiffeisen e la difficoltà nel promuovere il suo modello di banca come salvadanaio della comunità, ha affermato che “il tentativo di omologare tutto è sempre dietro l’angolo, ma anche in questo passaggio epocale si aprono nuovi spazi per un modo diverso di fare economia come quello cooperativo”.

Don Marcello Farina ha tracciato i profili di Raiffeisen e don Guetti, mettendone in luce anche le differenze.

Infine, lo storico Alberto Ianes del Museo storico del Trentino ha presentato due volumi biografici: “Friedrich W. Raiffeisen: cristiano, riformatore, visionario”, autore: Michael Klein dell’Università di Heidelberg (con traduzione italiana a cura della Fondazione e della Federazione), e “L’ideale cooperativo di Friedrich W. Raiffeisen e la sua prima diffusione”, presenti gli autori Marcello Farina e lo storico Renzo Tommasi.

Probabilmente troverai di tuo interesse anche

  • Con etika un risparmio di 1 milione 750 mila euro in bolletta Giovedì, 04 Aprile 2019

    Le 42 mila famiglie trentine che hanno scelto etika, l'offerta luce e gas della Cooperazione Trentina e Dolomiti Energia, hanno risparmiato complessivamente 1 milione e 750 mila euro in bolletta. Di più: hanno aiutato circa 40 persone con disabilità a sperimentare soluzioni abitative autonome e hanno inoltre salvaguardato l'ambiente trentino, con 14.700 tonnellate di anidride carbonica risparmiate, grazie all'utilizzo di energia green certificata.Questi alcuni dei dati dal...

  • L'ufficio a Bruxelles della Federazione Trentina della Cooperazione Martedì, 02 Aprile 2019

    La Federazione Trentina della Cooperazione è presente a Bruxelles con un ufficio per sostenere e promuovere il punto di vista delle cooperative trentine a livello europeo

  • Il video dell'udienza Lunedì, 25 Marzo 2019

    Hanno partecipato all'incontro con Francesco, sabato 16 marzo, in Aula Paolo VI, 252 cooperatori in rappresentanza di oltre 50 cooperative trentine.

  • L'esterometro Venerdì, 22 Febbraio 2019

  • Uscito il bando della prima edizione della borsa di studio Katia Tenni Mercoledì, 30 Gennaio 2019

    La Federazione Trentina della Cooperazione ha istituito una borsa di studio, del valore complessivo di 15 mila euro, da destinare a “Un progetto di intercooperazione territoriale che stimoli l'innovazione e veda protagonisti giovani cooperatori e cooperatrici”. L'iniziativa è intitolata alla memoria della dott.ssa Katia Tenni, stimata professionista impegnata negli organi di controllo di numerose cooperative trentine e nel collegio sindacale della...

  • L’innovazione nelle cooperative agricole del Trentino Lunedì, 21 Gennaio 2019

    Ad aver introdotto migliorie e innovazioni recenti sono perlopiù le cooperative vitivinicole e ortofrutticole. In cima all'elenco delle priorità di cambiamento c'è la volontà di convertire le prassi produttive nel rispetto di nuovi standard sostenibili, scegliendo il metodo biologico. Ancora: l'appartenenza alla forma cooperativa è fonte d'orgoglio nonché scelta ponderata. Sono solo alcuni dei risultati emersi dalla ricerca condotta da Euricse,...

  • Iscriviti al canale di Cooperazione Trentina! Venerdì, 11 Gennaio 2019

    Perché iscriversi al canale YouTube della Cooperazione Trentina? Le ragioni sono tante e puoi scoprirne alcune in questo breve video. E ricorda che puoi partecipare anche tu alla decisione di cosa pubblicare. Scrivici cosa vorresti vedere o cosa vorresti sapere del movimento cooperativo. Faremo il possibile per risponderti con un nuovo video!