Primanaunia: preassemblee della “Famiglia” Lunedì, 09 Maggio 2016

Cinque incontri in sette giorni per la cooperativa di consumo in previsione dell’assemblea generale in calendario il 24 maggio.

Domani si chiudono a Campodenno le “assemblee separate” della Famiglia Cooperativa Primanaunia.

Cinque appuntamenti ospitati a Vigo di Ton, Sporminore, Tres, Denno oltre a Campodenno in previsione dell’assemblea generale in calendario il 24 maggio.

Durante le “assemblee separate” vengono presentati i dati del bilancio 2015 archiviato con un fatturato superiore ai 4 milioni di euro. I soci sono millecentotrentuno. Ventuno i nuovi ingressi in “Famiglia” registrati nel 2015. Lo staff conta venti collaboratori. Il direttore è Pietro Mengon.

Il documento contabile è stato redatto dal consiglio di amministrazione con la consulenza di Sandro Predelli del Settore consumo della Federazione Trentina della Cooperazione.

La cooperativa di consumo, presieduta da Ottorino Angeli, conta dieci punti vendita a servizio di altrettante località: Campodenno, Sporminore, Vigo di Ton, Denno, Priò, Segno, Termon, Toss di Ton, Tres e Vervò.

“Il nostro grazie deve essere rivolto ai consumatori, soci e clienti – viene osservato - per la fedeltà dimostrata alla nostra Famiglia Cooperativa e anche ai collaboratori che rappresentano il motore per far girare a pieno ritmo la cooperativa. Fondamentale è che i soci esprimano al meglio il senso di appartenenza alla Famiglia Cooperativa”.

A Sporminore è stata rimarcata l’attenzione alla solidarietà espressa dalla cooperativa di consumo in particolare con l’iniziativa programmata il 17 gennaio di ogni anno e dedicata alla benedizione del sale nella giornata di Sant’Antonio Abate. Quanto ricavato dalle offerte del pubblico sempre numeroso e generoso viene devoluto all’Associazione Amici del Madagascar (presidente Rita Cattani) per le sue iniziative di solidarietà in questo Paese.

Buone soddisfazioni sta raccogliendo l’ultimo investimento, in ordine di tempo, concretizzato a Vigo di Ton. L’edificio è collocato all’ingresso del paese. Accanto al negozio della cooperativa di consumo ci sono altri servizi (farmacia, bar, ecc.). Inoltre, nei piani superiori, è stata realizzata una dozzina di appartamenti per anziani e giovani coppie. Aspetto questo che conferma la funzione sociale della cooperazione di consumo trentina. “I punti vendita nei piccoli paesi qualificano la cooperazione che non guarda solamente all’utile ma – è stato ribadito - pensa alla comunità. La cooperazione insegna anche a mettersi insieme”.

La Famiglia Cooperativa Primanaunia è stata creata sul finire degli anni Novanta (dello scorso secolo) dalla fusione di tre cooperative di consumo nate nel 1895: Campodenno, Sporminore e Vigo di Ton.

Probabilmente troverai di tuo interesse anche