"Invisibili generazioni": al teatro Zandonai di Rovereto la prima dello spettacolo sulle nuove migrazioni giovanili Mercoledì, 08 Novembre 2017

Il 16 novembre debutta lo spettacolo di Elementare Teatro coprodotto dall’Ufficio Emigrazione della Provincia Autonoma di Trento.

Dalla Vallarsa arriva uno spettacolo teatrale che affronta un tema di strettissima attualità: parliamo di "Invisibili generazioni", sul tema della mobilità dei giovani all’estero, realizzato dalla compagnia Elementare Teatro, con testo e regia di Carolina De La Calle Casanova.

Coprodotto dall’Ufficio Emigrazione della Provincia autonoma di Trento, in collaborazione con il Coordinamento, Teatrale Trentino, andrà in scena in prima nazionale al teatro Zandonai di Rovereto il prossimo giovedì 16 novembre alle 20.30. Si tratta del vero debutto sulle scene dello spettacolo, che ha avuto una sola anticipazione, lo scorso 8 luglio a Vigolo Vattaro, nell'ambito della festa annuale dell'emigrazione.

Basato su dati ed esperienze reali, che interessano ormai un numero crescente di famiglie, "Invisibili generazioni" racconta l'emigrazione - perlopiù giovanile - dei giorni nostri, fenomeno complesso e molto diverso dall'emigrazione "storica" che ha interessato, a più riprese, l'Italia e il Trentino (come pure tanti altri paesi europei). Commedia giocata su più registri, a tratti ironica e punk, a tratti capace di toccare corde di autentica commozione, il lavoro di Elementare Teatro racconta i cambiamenti in atto. Protagonisti sono alcuni giovani, alcuni "ex-pat", come si dice oggi, "espatriati", ma anche i loro familiari, quelli che sono rimasti. A dare corpo e voce alle loro storie gli attori Marco Ottolini, Paola Tintinelli, Valentina Scuderi e Federico Vivaldi, ma anche le scenografie di Ilaria Bassoli e Davide Vivaldi, accompagnate dalle musiche originali di Marcello Gori e dai costumi Sara Gazzini. 

Fonte: Ufficio Stampa della Provincia autonoma di Trento