Il progetto "Cooperazione 4.0" a Trento Smart City Lunedì, 16 Aprile 2018

Tra gli appuntamenti della giornata di chiusura della rassegna, la presentazione del progetto di smart community della Cooperazione Trentina, che coinvolgerà tutti i settori e i soci del movimento. L’iniziativa, sulla base di un modello economico di tipo generativo, mira a creare valore per il territorio.

La Cooperazione Trentina è stata tra i protagonisti della giornata conclusiva di Trento Smart City, in programma dal 12 al 15 aprile in piazza Duomo. Il progetto presentato dalla Federazione Trentina della Cooperazione, intitolato “Cooperazione Trentina 4.0”, è stato classificato al primo posto dalla commissione scientifica che ha valutato e selezionato le idee per l’edizione 2018.

Il progetto è stato presentato al pubblico di Trento Smart City da Raul Daoli, referente della Federazione per i progetti di sviluppo in ambito cooperativo. Ha come obiettivo lo sviluppo di una piattaforma collaborativa e rappresenterà l’evoluzione dell’attuale Carta in Cooperazione, che oggi si rivolge ai soci delle Famiglie Cooperative. Il progetto, che è in costruzione, coinvolgerà i soci di tutti i settori della cooperazione trentina e potenzialmente tutte le cooperative, sviluppando in chiave intercooperativa interazioni, collaborazioni, opportunità di beni e servizi. Il modello è quello della smart community, una rete fatta di nodi e di relazioni, che trova già importanti esempi in città come Londra e Barcellona.

Nei modelli di smart community è incoraggiata e favorita la crescita economica equa e sostenibile e sono supportate le imprese locali. Le persone e i soggetti economici sono portati a interagire, a creare intrecci, si genera valore per il territorio. È quello che succede con il progetto etika, che coinvolge Dolomiti Energia, le Casse Rurali, le Famiglie Cooperative, la cooperazione sociale. I contratti per le forniture di luce e gas si possono stipulare agli sportelli delle banche cooperative o nei punti vendita della cooperazione di consumo. Dolomiti Energia si impegna per ogni contratto sottoscritto a destinare una quota per il finanziamento di progetti sociali delle cooperative. Da questa concatenazione di interessi è la comunità che trae vantaggio, sono i cittadini. “È il contrario di quello che capita con la sharing economy - ha spiegato Daoli - che incarna un modello ‘estrattivo’ di economia, dove è assente lo spirito comunitario, prevale il lucro, l’interazione è individuale. Amazon, Uber, Airbnb distruggono le relazioni socio economiche locali che poggiano su delicati equilibri, saccheggiano le ricchezze territoriali e le portano via”.

Il modello di riferimento della piattaforma cooperativa sarà invece di tipo ‘generativo’: saprà generare valore sociale e senso del gruppo, avrà prevalenti scopi mutualistici, riconoscerà come prioritari i valori sociali e culturali, favorirà le relazioni con tutto il territorio. La redistribuzione di valore andrà a beneficio comune e del singolo soggetto in funzione di criteri condivisi. Ogni soggetto partecipante, sia esso individuo o organizzazione, corrisponderà a un nodo della rete con una propria identità e individualità. La costruzione di valore comune deriverà dalla contribuzione di ciascuno dei soggetti.

La Federazione Trentina della Cooperazione avrà il ruolo di cabina di regia della piattaforma. Tra i campi interessati dal progetto si pensa ai servizi, al welfare aziendale, ai prodotti a km zero, alla mobilità, al turismo esperienziale. Entro la fine dell’estate sarà messo a punto il prototipo di piattaforma cooperativa, che sarà perfezionato in funzione delle risposte.

Alla presentazione del progetto “Cooperazione Trentina 4.0”, oltre a Daoli, sono intervenuti Alberto Carli, presidente della cooperativa Computer Learning, e Gianni Lodi e Gianluca Cristoforetti, esperti di nuove tecnologie e autori del libro H2H Human revolution, i cui contenuti sono stati applicati come metodologia nella creazione della piattaforma.

Il progetto della cooperazione trentina - ha osservato Cristoforetti - ha un impatto straordinario perché parte dalla persona. È un esempio di come si possano utilizzare le tecnologie che il mondo contemporaneo mette a disposizione per dare risposte di tipo sociale.

“Abbiamo cercato di dare una risposta ai cambiamenti che ci stanno travolgendo”, ha spiegato Gianni Lodi. L’obiettivo è accrescere il benessere delle persone e per stare meglio occorre partire dalle relazioni.

Probabilmente troverai di tuo interesse anche

  • Esperienze di cooperazione - Cosa è un consorzio agricolo Lunedì, 04 Dicembre 2017

    In questa puntata intervengono: Luca Rigotti vicepresidente per il settore agricolo e Michele Girardi responsabile settore agricolo della Federazione, Andrea Merz, direttore Concast Trentingrana (formaggi), Enrico Zanoni, direttore Cavit (vino) e Paolo Gerevini, direttore Melinda (frutta).

  • Etika, l'energia che cresce - il video Giovedì, 30 Novembre 2017

    La video animazione di presentazione del progetto Etika, l'energia che cresce: economica, ecologica, solidale."Possibile e insieme, il futuro che stiamo immaginando".

  • CFS - Cooperative Formative Scolastiche Venerdì, 20 Ottobre 2017

    Con il progetto delle Cooperative Formative Scolastiche, l'impresa cooperativa entra in classe. Secondo le nuove direttive della legge 107/2015 sull'alternanza scuola lavoro, la Cooperazione Trentina ha ideato uno strumento che risponde alle nuove necessità della scuola e allo stesso tempo offre una soluzione innovativa alle imprese cooperative che ospitano tirocini. Si tratta delle cooperative formative scolastiche, veri e propri laboratori di competenze, un ponte tra...

  • etikaplus: con etika il risparmio è (anche) a led Mercoledì, 18 Ottobre 2017

    Lampadine led a prezzi scontati per gli aderenti a etika, l'offerta luce e gas economica, ecologica e solidale. Un'iniziativa creata da Federazione Trentina della Cooperazione, Cassa Centrale Banca, Consolida, Sait, cooperativa sociale La Rete insieme a Dolomiti Energia. 

  • ScuoLAvoro Coop - puntata 10 Venerdì, 29 Settembre 2017

    Puntata conclusiva di questo primo ciclo di trasmissioni dedicato alle esperienze di CFS nelle scuole trentine. Egidio Formilan, responsabile dell'Ufficio di educazione e cultura cooperativa della Federazione, e Laura Pedron, responsabile del Servizio istruzione e formazione di secondo grado della Provincia Autonoma di Trento, tracciano un bilancio del primo anno di attività.

  • La proposta di revisione dello statuto della Federazione Sabato, 09 Settembre 2017

    Il consiglio di amministrazione della Federazione ha approvato ieri all'unanimità la proposta della speciale Commissione per la revisione dello statuto varata il 5 settembre scorso. Tra le novità principali il rafforzamento del ruolo della Federazione Trentina della Cooperazione, la collaborazione tra i settori cooperativi, la trasparenza dei compensi degli organi sociali, una nuova composizione del consiglio di amministrazione. Fissati limiti ai mandati, agli...

  • Prima edizione di Coop Campus con gli studenti di Norcia Mercoledì, 19 Luglio 2017

    Cinte Tesino ha ospitato la prima edizione di Coop Campus Young, la scuola estiva di formazione cooperativa della Federazione Trentina della Cooperazione, promossa con il patrocinio della Provincia. All'iniziativa hanno partecipato 11 studenti delle scuole superiori di Norcia, uno dei centri maggiormente colpiti dal terremoto dello scorso anno.Intervenendo all'inaugurazione del Campus, il direttore generale della Federazione, Alessandro Ceschi, e Livia Ferrario, responsabile del...

  • ScuoLAvoro Coop - puntata 3 Martedì, 27 Giugno 2017

    La Cfs "Giovani cooperatori uniti" dell'Istituto Degasperi di Borgo Valsugana

  • ScuoLAvoro Coop - puntata 2 Venerdì, 23 Giugno 2017

    La III OG del liceo Rosmini di Trento ha costituito quest'anno la CFS "Applicando". Primo impegno di questa nuova impresa, la gestione del punto informativo di Educa.

  • Assemblea Federcoop 2017: luci, ombre e opportunità Venerdì, 09 Giugno 2017

    In occasione dell'assemblea 2017 della Federazione Trentina della Cooperazione, il presidente Mauro Fezzi e il direttore Alessandro Ceschi fanno un quadro dello stato di salute del movimento e delle sfide che lo attendono