Il Trentino “cooperativo” diventa modello di riferimento per l’economia civile Mercoledì, 13 Marzo 2013

Festeggiati oggi in città i 70 anni dell’economista Stefano Zamagni, con una giornata di convegno e approfondimento. “Usciremo dalla crisi se sapremo cambiare sguardo sulla realtà. L’incertezza genera paura e poi odio: servono una nuova cultura e nuovi paradigmi per costruire una società migliore, e una economia civile. La cooperazione rende il mercato plurale”.

I primi interventi sono già disponibili sulla web tv cooperazione.tv Nei prossimi giorni saranno pubblicati anche le altre relazioni presentate oggi.

Per le tv: immagini video su broadcaster.it  

L’occasione del 70° compleanno del professor Stefano Zamagni, economista esperto di cooperazione e da tanti anni ‘teorico e consigliere’ della Cooperazione Trentina, ha richiamato a Trento una dozzina di docenti universitari da tutta Italia, impegnandoli a relazionare sul tema dell’economia come vocazione.

Il risultato è stata una giornata di riflessione e di approfondimento alla quale hanno partecipato anche numerosi presidenti e direttori delle cooperative trentine. Per tutti loro l’ha ringraziato il presidente Diego Schelfi, che ha ricordato come Zamagni sia stato sempre disponibile con la Cooperazione Trentina, nei momenti di grande impegno, come l’anno scorso a Riva del Garda, con la lezione di cooperazione fatta davanti a 400 studenti, ma anche nelle piccole cose, disponibile ad incontrare consigli di amministrazione di singole cooperative. “Con noi hai saputo essere insieme grande e piccolo – ha detto Schelfi – ci hai fatto apprezzare la passione e la capacità di sintesi. Alcuni anni fa ci hai detto di provare a diventare una comunità cooperativa. E il messaggio di quella giornata di lavoro è ancora oggi per noi un riferimento”.

Il professor Zamagni ha svolto un’intensa attività di studio e di ricerca, in particolare nel campo degli studi cooperativi e dell’economia civile. Ha istituito, presso l’Università di Bologna, di cui è stato Preside della Facoltà di Economia, il primo Master in Italia dedicato all’Economia delle imprese cooperative e delle organizzazioni non profit, giunto oggi alla sedicesima edizione.

Ha pubblicato, in Italia e all’estero, 50 libri e oltre 100 saggi, senza contare articoli, voci enciclopediche e pareri. Ha avuto come ‘maestri’ quattro premi Nobel, tra i quali Amartya Sen e John Hicks.

Messaggi di augurio sono arrivati anche dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano (apprezzamento per l’iniziativa che approfondisce il movimento cooperativo alla sfida di questi tempi, la lotta alla disoccupazione), di Maria Voce, Presidente dei Focolarini, dal Premio Nobel e amico Amartya Sen, e da numerose personalità ecclesiastiche, che hanno applaudito il suo impegno di laico e il suo contribuito alla stesura della Dottrina sociale della Chiesa.

“Per uscire da questa crisi occorre cambiare lo sguardo sulla realtà – ha detto Zamagni – rivolgersi alla maggioranza che si comporta bene ed ha a cuore il bene comune. Con la cultura si può combattere l’odio generato dalla paura e dall’incertezza. Il mercato ha bisogno di pluralità, e per fare questo c’è bisogno delle cooperative, che sono un baluardo di libertà. Inizialmente libertà economica, ma in seguito anche politica. Ecco perché occuparsi di cooperazione significa operare per la civiltà”.

Al microfono si sono alternati dodici docenti tra economisti, filosofi, storici provenienti dalle principali Università italiane. Pier Luigi Porta (Università di Milano Bicocca), che ha tessuto la ‘laudatio’ alla sua carriera, ha ricordato gli impegni accademici e gli interessi di ricerca ed approfondimento del docente. E poi Francesco Viola (Università di Palermo), che da filosofo del diritto ha messo in luce come la stessa definizione di cooperazione contenga una forte eticità: “l’intenzione di fare una stessa cosa con posizioni di uguaglianza ma ruoli diversi e senza asservimento”.

Benedetto Gui (Università di Padova), “I beni relazionali sono importanti nell’economia. A chi vive in miseria bisognerebbe non dare soldi, ma un paniere di beni relazionali”.

Luigino Bruni (Università Sophia), allievo di Zamagni, ha ripercorso la nascita dell’economia civile nella storia italiana, il suo fondamento etico e valoriale. “Zamagni ci ha insegnato che la cooperazione non è l’eccezione nella storia della società italiana, ma la regola. Non rappresenta una percentuale del Pil, ma tutto il mercato è cooperativo”. Secondo Bruni la cooperazione ha messo in discussione la separatezza tra business e sociale, tra mercato e dono. Se per le altre imprese gli aspetti sociali possono rappresentare al più una fetta della torta dell’utile, per le cooperative essi sono presi in considerazione fin nel concetto stesso di proprietà.

Leonardo Becchetti (Università di Roma): l'economia civile nasce dal basso, è la risposta all'egemonia di un modlelo capitalistico che ha mostrato molti limiti

suor Alessandra Smerilli (Università Cattolica): le organizzazioni a movente ideale umanizzano l'economia, e fanno emergere un punto di vista plurale in un sistema economico da sempre vocato alla soddisfazione di interessi individuali. 

Vittorio Pelligra (Università di Cagliari): la fiducia è un bene comune. Nell'ultimo anno in Italia (dati Eurispes) il 68,5% dei cittadini ha dichiarato di aver perso la fiducia nelle istituzioni. La fiducia è un vero bene pubblico da tutelare e far crescere, attraverso l'etica individuale e collettiva.

Pier Luigi Sacco (Università di Milano IULM), allievo di Zamagni: la cultura salverà anche l'economia. Non a caso i Paesi europei con la più scarsa partecipazione culturale della popolazione sono la Grecia, l'Italia, la Spagna, il Portogallo e l'Irlanda. Quelli con le economie più in crisi.

Marco Mazzoli (Università di Genova), ha parlato del rapporto tra cooperazione e finanza: il mondo cooperativo ha molte risposte da offrire sia dal punto di vista etico che economico alla soluzione della crisi di oggi. E' una economia fatta di cose reali, dove esiste un controllo sociale da parte dei soci in grado di prevenire le storture della finanza che hanno provocato la crisi.

Il direttore della Federazione Carlo Dellasega ha concluso i lavori citando la testimonianza che ha lasciato una anziana socia, Bianca Speranza, discendente del maestro Daniele Speranza, tra i fondatori con don Lorenzo Guetti della prima Famiglia Cooperativa: "La cooperazione aiuta ad aiutarsi, a progredire, e a pensare".

Probabilmente troverai di tuo interesse anche

  • La Cooperazione Trentina agli Stati generali della montagna Martedì, 02 Luglio 2019

    La Cooperazione Trentina e l'associazione Giovani cooperatori trentini hanno partecipato all'evento di chiusura degli Stati generali della montagna, portando il loro contributo per l'elaborazione di un piano di proposte strategiche per la valorizzazione del territorio montano.

  • Riscoperti i giochi di una volta per gli ospiti della Casa di riposo Martedì, 25 Giugno 2019

    Le studentesse della quarta A dell' Istituto di Istruzione Marie Curie di Pergine, indirizzo in scienze umane, hanno ricreato in classe, sotto la guida degli ospiti del Centro diurno della Casa di riposo di Povo, alcuni giochi di una volta, che hanno adattato alle capacità fisiche attuali degli anziani. Il lavoro è stato presentato dalle studentesse all'interno dell'Alzheimer Fest di Povo. Una valida psicomotricità - hanno appreso le studentesse - consente agli...

  • Cooperazione Trentina, un sistema per fare la differenza Venerdì, 07 Giugno 2019

    In apertura della parte pubblica della 124^ assemblea della Federazione Trentina della Cooperazione (2019) è stato proiettato un filmato con i dati dei diversi settori del movimento cooperativo trentino e le brevi testimonianze dei cooperatori in risposta alla domanda: "E per te, qual è la prima cosa su cui lavorare?"

  • Premiate le classi del concorso scolastico “Custodi di parole” Giovedì, 30 Maggio 2019

    All'iniziativa hanno aderito 30 classi della scuola primaria e della scuola secondaria di primo e secondo grado, per un totale di oltre 520 studenti, che si sono impegnati nella realizzazione di vari materiali: video, dvd, lapbook, blog, cartelloni, dispense, powerpoint.Gli allievi della II C delle medie di Coredo hanno realizzato uno “scrigno della libertà”. Nel video il loro racconto, nelle parole di Martina e Manuel, e la testimonianza di Alessia Dobre della III LEB del Liceo "Fabio...

  • Con etika un risparmio di 1 milione 750 mila euro in bolletta Giovedì, 04 Aprile 2019

    Le 42 mila famiglie trentine che hanno scelto etika, l'offerta luce e gas della Cooperazione Trentina e Dolomiti Energia, hanno risparmiato complessivamente 1 milione e 750 mila euro in bolletta. Di più: hanno aiutato circa 40 persone con disabilità a sperimentare soluzioni abitative autonome e hanno inoltre salvaguardato l'ambiente trentino, con 14.700 tonnellate di anidride carbonica risparmiate, grazie all'utilizzo di energia green certificata.Questi alcuni dei dati dal...

  • L'ufficio a Bruxelles della Federazione Trentina della Cooperazione Martedì, 02 Aprile 2019

    La Federazione Trentina della Cooperazione è presente a Bruxelles con un ufficio per sostenere e promuovere il punto di vista delle cooperative trentine a livello europeo

  • Il video dell'udienza Lunedì, 25 Marzo 2019

    Hanno partecipato all'incontro con Francesco, sabato 16 marzo, in Aula Paolo VI, 252 cooperatori in rappresentanza di oltre 50 cooperative trentine.

  • L'esterometro Venerdì, 22 Febbraio 2019

  • Uscito il bando della prima edizione della borsa di studio Katia Tenni Mercoledì, 30 Gennaio 2019

    La Federazione Trentina della Cooperazione ha istituito una borsa di studio, del valore complessivo di 15 mila euro, da destinare a “Un progetto di intercooperazione territoriale che stimoli l'innovazione e veda protagonisti giovani cooperatori e cooperatrici”. L'iniziativa è intitolata alla memoria della dott.ssa Katia Tenni, stimata professionista impegnata negli organi di controllo di numerose cooperative trentine e nel collegio sindacale della...