"Il Mondo Agricolo ha chiesto responsabilita". La Giunta provinciale intende riconoscerla" Venerdì, 26 Giugno 2020

Diversi sono stati gli incontri tra l'Assessore Giulia Zanotelli e il Tavolo Verde rispetto alla proposta di modifica del Consiglio d'Amministrazione della Fondazione Mach. In tali sedi l'Assessore ha sempre evidenziato l'obiettivo che ci si pone: rafforzare le competenze manageriali e scientifiche dei membri per raggiungere gli obiettivi e realizzare le strategie che la Provincia e il mondo agricolo intendono perseguire per il bene di tutta l'agricoltura trentina, tra cui la sostenibilità ambientale, la qualità delle produzioni, l’utilizzo equilibrato della risorsa idrica, il ricambio generazionale connesso alla formazione e l'innovazione, per citare alcune delle aree di intervento.

Si ritiene, infatti, che il Cda della Fondazione non debba essere luogo di rappresentanza in senso stretto, ma che in esso confluiscano figure che possano fornire un contributo importante per la valorizzazione delle produzioni locali, assicurando linee di ricerca e trasferimento tecnologico per dare risposte concrete al territorio. Ciò non significa escludere soggetti o rinnegare il grande lavoro svolto in questi anni dai vari membri che hanno fatto parte del Cda, ma rafforzare ulteriormente quest'ultimo mantenendo al centro delle strategie lo sviluppo dell’agricoltura ed assicurando un forte raccordo con il mondo agricolo trentino. Come richiesto dagli stessi interlocutori, si riconosce anche al mondo agricolo la responsabilità nell'individuazione di figure atte a perseguire questo obiettivo. Questa attribuzione di responsabilità implica che le organizzazioni professionali agricole - che rappresentano tutti i settori agricoli e le aziende del territorio (cooperazione e non) – siano chiamate ad interloquire fra loro e con l'intero mondo agricolo per arrivare all'individuazione delle figure che ritengono qualificate rispetto al ruolo. Un aspetto sollevato, trattato e discusso anche durante l'ultimo Tavolo Verde, svoltosi nelle scorse settimane, riguarda la rappresentanza dei vari portatori di interesse che non deve confondersi con il ruolo della Fondazione, così come va evidenziato che le porte della Fem sono state, sono e saranno sempre aperte a tutte le componenti del mondo agricolo per progetti e strategie di sviluppo dei vari comparti.

Fonte: Ufficio Stampa Provincia Autonoma di Trento