Famiglie cooperative, le sfide si giocano sulla funzione sociale Venerdì, 07 Novembre 2014

All’assemblea della cooperazione di consumo non numeri ma relazioni di esperti – Luigino Bruni, Carlo Borzaga, Luigi Padovese – per delineare le sfide per il futuro. Che non si giocherà (solo) sulla concorrenza di mercato, ma sulla capacità di offrire servizi nuovi e diversi dagli altri. La ricerca di Euricse. Borzaga: le “famiglie” potrebbero sperimentare nuovi servizi, dall’energia alla gestione dell’assistenza familiare.

Il tema della funzione sociale è da alcuni anni al centro del dibattito in atto sul futuro della cooperazione di consumo trentina. Molte riflessioni sono state proposte, in diversi eventi pubblici, da esperti e studiosi della cooperazione, sul senso e sul sentiment  di questo aspetto, che caratterizza in maniera importante le società cooperative.

Per ridefinire il concetto di socialità o, meglio, di funzione sociale della cooperativa, la Federazione Trentina della Cooperazione ha incaricato Euricse, istituto di ricerca sulla cooperazione e l’impresa sociale, di condurre una ricerca nell’ambito delle Famiglie Cooperative.  I risultati dello studio, raccolti in un report dal titolo “Sfaccettature di partecipazione e di socialità”, sono stati al centro nel pomeriggio del convegno autunnale della cooperazione di consumo.

“La socialità è un aspetto originale delle nostre cooperative di consumo - ha detto Carlo Dellasega, direttore generale della Federazione, aprendo i lavori -. Solo nelle cooperative gli utenti non sono solo clienti, ma anche soci. I negozi concorrenti possono parlare di prezzo o di qualità, ma solo le cooperative possono fare riferimento al rapporto con la base sociale”.

I risultati dell’indagine

Al questionario somministrato da Euricse hanno risposto 58 cooperative di consumo. I dati sono stati presentati al convegno da Carlo Borzaga, presidente di Euricse, e Sara Depedri, coordinatrice della ricerca.

La crisi ha modificato radicalmente lo scenario: è cambiato il modello di consumi, c’è meno domanda di beni e più bisogno di servizi. L'idea che si stia bene consumando molto, non tornerà più. Aumenta di pari passo la domanda di relazioni e la disponibilità ad affrontare insieme la crisi.

Sta emergendo una tendenza a cooperare di più. Si parla di “economia del noi”. 

Nonostante il peso della crisi economico-finanziaria, le cooperative investono in modo crescente sulla propria funzione sociale, muovendosi per aumentare la partecipazione dei soci e la conoscenza del ruolo sociale della cooperativa da parte dell’intera collettività, in modo che dalla stessa arrivino  nuove risorse e nuovo coinvolgimento.

Un maggior impatto sociale della cooperativa e un concomitante aumento delle proprie economie può essere prodotto dall’attivazione di nuovi servizi di cui la comunità ha bisogno. Ne sono stati esempi in passato l’esperimento di fornire attraverso la cooperativa il servizio postale o quello di farmacia. Ne è un esempio recente l’apertura di punti informativi sui servizi sociali territoriali e per la fornitura della modulistica per accedere ad agevolazioni pubbliche.

Accanto a questi molti altri possono essere i prodotti e i servizi di interesse della comunità da fornirsi attraverso la rete della cooperazione di consumo, articolata in Trentino in quasi 400 punti di vendita. Il 46% delle cooperative che hanno partecipato alla ricerca manifestano l’intenzione in futuro di offrire nuovi servizi. Nel caso di cooperative di piccole dimensioni, nuovi servizi potranno essere ideati e avviati anche in forma associata.

In Trentino, ha ipotizzato il professor Borzaga, le cooperative di consumo potrebbero occuparsi anche dell'assistenza domiciliare o della commercializzazione di energia. “Non è una evoluzione nè scontata né semplice, ma l'unica possibile, anche perché l'offerta di servizi pubblici sarà sempre più bassa in futuro”.

In tempo di crisi

Riferendosi alla funzione sociale delle cooperative, il presidente del Sait Renato Dalpalù ha affermato: “Non vendiamo solo cibo, ma lavoriamo per una idea di comunità, solidale e sana. Soprattutto nei momenti di crisi, manteniamo ferma la nostra presenza nelle realtà periferiche e marginali”.

Le crisi - ha rilanciato Luigino Bruni, economista - sono gestite meglio dalle realtà legate al territorio. Le cooperative hanno maggiori capacità di adattarsi, la loro dimensione di partecipazione e condivisione rafforzata in tempi “normali” diventa un investimento. Senza valori non c'è valore.
In uno scambio economico, occorre convincere i clienti che sono loro ad avere un vantaggio. Il prezzo è uno dei vantaggi, ma non solo. Il socio deve trovare qualcosa che non trova negli altri negozi. La cooperativa deve riuscire a far capire che c’è differenza tra una fidelity card e una tessera socio, altrimenti chiude.

Per essere fedele alla sua missione, ha concluso Bruni, la cooperativa deve includere i poveri e crescere insieme a loro. Occorre catturare le nuove forme di povertà, gli immigrati, i giovani che non hanno sicurezze. La cooperativa vive e si sviluppa se porta dentro chi è fuori.

Probabilmente troverai di tuo interesse anche

  • La Cooperazione Trentina agli Stati generali della montagna Martedì, 02 Luglio 2019

    La Cooperazione Trentina e l'associazione Giovani cooperatori trentini hanno partecipato all'evento di chiusura degli Stati generali della montagna, portando il loro contributo per l'elaborazione di un piano di proposte strategiche per la valorizzazione del territorio montano.

  • Riscoperti i giochi di una volta per gli ospiti della Casa di riposo Martedì, 25 Giugno 2019

    Le studentesse della quarta A dell' Istituto di Istruzione Marie Curie di Pergine, indirizzo in scienze umane, hanno ricreato in classe, sotto la guida degli ospiti del Centro diurno della Casa di riposo di Povo, alcuni giochi di una volta, che hanno adattato alle capacità fisiche attuali degli anziani. Il lavoro è stato presentato dalle studentesse all'interno dell'Alzheimer Fest di Povo. Una valida psicomotricità - hanno appreso le studentesse - consente agli...

  • Cooperazione Trentina, un sistema per fare la differenza Venerdì, 07 Giugno 2019

    In apertura della parte pubblica della 124^ assemblea della Federazione Trentina della Cooperazione (2019) è stato proiettato un filmato con i dati dei diversi settori del movimento cooperativo trentino e le brevi testimonianze dei cooperatori in risposta alla domanda: "E per te, qual è la prima cosa su cui lavorare?"

  • Premiate le classi del concorso scolastico “Custodi di parole” Giovedì, 30 Maggio 2019

    All'iniziativa hanno aderito 30 classi della scuola primaria e della scuola secondaria di primo e secondo grado, per un totale di oltre 520 studenti, che si sono impegnati nella realizzazione di vari materiali: video, dvd, lapbook, blog, cartelloni, dispense, powerpoint.Gli allievi della II C delle medie di Coredo hanno realizzato uno “scrigno della libertà”. Nel video il loro racconto, nelle parole di Martina e Manuel, e la testimonianza di Alessia Dobre della III LEB del Liceo "Fabio...

  • Con etika un risparmio di 1 milione 750 mila euro in bolletta Giovedì, 04 Aprile 2019

    Le 42 mila famiglie trentine che hanno scelto etika, l'offerta luce e gas della Cooperazione Trentina e Dolomiti Energia, hanno risparmiato complessivamente 1 milione e 750 mila euro in bolletta. Di più: hanno aiutato circa 40 persone con disabilità a sperimentare soluzioni abitative autonome e hanno inoltre salvaguardato l'ambiente trentino, con 14.700 tonnellate di anidride carbonica risparmiate, grazie all'utilizzo di energia green certificata.Questi alcuni dei dati dal...

  • L'ufficio a Bruxelles della Federazione Trentina della Cooperazione Martedì, 02 Aprile 2019

    La Federazione Trentina della Cooperazione è presente a Bruxelles con un ufficio per sostenere e promuovere il punto di vista delle cooperative trentine a livello europeo

  • Il video dell'udienza Lunedì, 25 Marzo 2019

    Hanno partecipato all'incontro con Francesco, sabato 16 marzo, in Aula Paolo VI, 252 cooperatori in rappresentanza di oltre 50 cooperative trentine.

  • SocioSì, la spesa che fa bene Lunedì, 11 Marzo 2019

    Generosità  e sensibilità  sono due valori distintivi di “SocioSì" che, dal 2014, vede protagonisti i soci di Famiglia Cooperativa e Coop Trentino. Lo scorso 31 gennaio si è conclusa l'edizione 2018 di questa iniziativa che, attraverso la raccolta punti, garantisce vantaggi ai soci e una possibilità  in più. Infatti, ogni cinquecento punti raccolti sulla “Carta In Cooperazione”, si possono devolvere cinque euro a una realtà  impegnata nel sociale: la cooperativa La Rete, Admo...

  • L'esterometro Venerdì, 22 Febbraio 2019