E' nata la Cassa Rurale Val di Fiemme Lunedì, 13 Novembre 2017

La “magnifica” Cassa Rurale Val di Fiemme è realtà. Centovent’anni dopo la nascita della prima Cassa Rurale della valle (nel 1897) a Panchià, i soci hanno votato per la fusione: la valle si riunisce sotto un unico istituto bancario, che ora rappresenta un’unica comunità, un unico territorio, un’unica economia, un unico sguardo verso il futuro.

I soci della Cassa Rurale di Fiemme sono stati convocati in assemblea sabato allo Sporting Center di Predazzo: 709 presenti, con 198 deleghe. 870 i voti a favore dell’incorporazione, 11 quelli contrari, e 26 gli astenuti. Per i soci della Cassa Rurale Centrofiemme-Cavalese, assemblea domenica mattina al PalaFiemme: 486 presenti, con 193 deleghe. 672 i voti a favore della fusione, 5 contrari e 2 gli astenuti.

“Una scelta storica”, l’ha definita il presidente Goffredo Zanon, visibilmente commosso per il traguardo raggiunto. Il direttore generale Paolo Defrancesco ha messo in evidenza, come già fatto nel corso delle pre-assemblee, i vantaggi della nuova Cassa Rurale, più grande, più efficiente, più competitiva e ancora più solida.

In occasione delle due assemblee, è stato presentato ai soci il nuovo logo: nel simbolo, Val di Fiemme appare prima di Cassa Rurale, così da evidenziare che il territorio è centrale, proprio come lo è stato finora per i due istituti di credito che hanno deciso di unirsi.

La fusione sarà operativa dal 1° dicembre. Il Consiglio d’Amministrazione della Cassa Rurale di Fiemme resterà in carica fino all’indizione, entro fine gennaio, della prima assemblea elettiva, quando i soci saranno chiamati a eleggere il Cda per la fase transitoria, composto da 12 consiglieri (8 rappresentanti del territorio ex Fiemme, suddiviso in area alta, centro e bassa, 4 rappresentanti del territorio ex Centrofiemme), con il presidente eletto tra i consiglieri. Questo Cda resterà in carica fino al 2020, quando verrà eletto il nuovo consiglio, con il presidente scelto dall’assemblea e 8 consiglieri senza vincoli territoriali. Il Consiglio resterà in vigore tre anni, con 1/3 degli amministratori in scadenza ogni anno, come previsto dalle modifiche allo Statuto approvate sabato dai soci.

Fonte: Cassa Rurale Val di Fiemme

Probabilmente troverai di tuo interesse anche

  • Storie di cooperazione: Patrizia Viola Lunedì, 05 Maggio 2014

    Si parte dalle persone, dalla loro storia privata e professionale, per scoprire le sfumature, le emozioni, i dettagli che caratterizzano il sistema cooperativo trentino. In ogni puntata della trasmissione "Tutti per uno", realizzata da Rttr con il contributo della Cooperazione Trentina e della Provincia autonoma di Trento, un cooperatore o una cooperatrice racconta la propria esperienza di vita e in che modo l'impegno in cooperazione abbia fatto la differenza. In questa puntata la storia di...

  • TUTTI PER UNO | Patrizia Viola Venerdì, 25 Ottobre 2013

    Storia - storia di Patrizia Viola, dipendente della Cassa Rurale di Fiemme, che ha trovato grazie alla cooperazione un valido strumento per conciliare nel migliore dei modi la propria vita professionale e familiare. Vademecum cooperativo - Vincenzo Visetti, della Federazione Trentina della Cooperazione, spiega:- cosa significa il concetto della "porta aperta"- come vengono ripartiti gli utili in cooperativa