Donne in cooperazione: un premio di laurea per festeggiare 10 anni Venerdì, 27 Novembre 2015

L’associazione Donne in cooperazione, riunita ieri in assemblea, ha deciso di celebrare i 10 anni di attività con un bando per due premi di laurea e realizzando un censimento delle iniziative realizzate dalle cooperative trentine per favorire la conciliazione dei tempi di vita e lavoro di collaboratrici e collaboratori

L’associazione Donne in cooperazione compie 10 anni e festeggia con due progetti. La prima iniziativa, presentata ieri sera nel corso dell’assemblea annuale, si rivolge agli studenti e alle studentesse universitarie che negli anni accademici 2014/2015 e 2015/2016 hanno realizzato una tesi di laurea sul ruolo delle donne nello sviluppo della cooperazione, dell’economia e società civile, da discutere entro l’ultima sessione di laurea valida per l’a.a. 2015/2016. Il premio, del valore complessivo di 1.500 euro, sarà assegnato a una tesi di laurea triennale e una di laurea specialistica ritenute maggiormente meritevoli. Il bando scadrà il 12 maggio 2017.

“Con questa iniziativa – ha commentato la presidente Nadia Martinelli – intendiamo favorire la ricerca e l’approfondimento sui temi che l’associazione sviluppa e creare sinergie con il mondo accademico”.

La seconda iniziativa presentata ieri riguarda la rilevazione dei modelli organizzati delle cooperative trentine orientati alla conciliazione dei tempi di vita e lavoro e alla valorizzazione delle differenze di genere. Una ricerca che prosegue il percorso iniziato nel 2008 con il progetto Pari (Politiche di Armonizzazione Responsabile dei tempi di vita e lavoro nelle Imprese cooperative) e che ha permesso di mettere a punto uno strumento di rilevazione che consentirà in futuro di avere un quadro della situazione sempre aggiornato.

Il monitoraggio, realizzato in collaborazione con la cooperativa Computer Learning e il Centro Studi Interdisciplinari di Genere dell’Università di Trento, ha coinvolto un campione di 68 cooperative. In particolare, spiccano i vantaggi derivanti dall’adozione di un modello organizzativo innovativo, ovvero di strumenti di conciliazione che vanno dall’orario flessibile all’offerta di servizi dedicati, dalla formazione allargata a tutto il personale all’utilizzo di strumenti di valutazione delle misure adottate. “Queste cooperative – ha spiegato Simonetta Fedrizzi, coordinatrice dell’attività dell’associazione della Federazione Trentina della Cooperazione – sono caratterizzate da un elevato numero di dipendenti, per lo più donne (71%), hanno un maggior numero di vicepresidenti donna (40%), e un fatturato elevato. Inoltre, nell’80% dei casi hanno adottato strumenti di rendicontazione in grado di raccontare la complessità del loro impegno, come il bilancio sociale, e hanno ottenuto la certificazione Family Audit”. I risultati completi del monitoraggio saranno pubblicati nei prossimi mesi a cura dell’associazione.

Le donne nel sistema cooperativo trentino

L’assemblea di quest’anno è stata anche l’occasione per rendere omaggio alle fondatrici dell’associazione: Chiara Andreatta, Cristiana Angeli, Norma Benoni, Angiola Brida, Maria Chiara Costa, Sandra Dodi, Mariangela Franch, Clara Mazzucchi e Dirce Pradella. “Nel 2005 – ha ricordato la prima presidente Sandra Dodi – la presenza femminile ai vertici delle cooperative trentine era molto bassa, con solo l’1% di direttrici, il 12% di consigliere di amministrazione e l’8% di presidenti donna”. Numeri che hanno rappresentato uno stimolo importante per le socie del direttivo nel proporre progetti e iniziative volte a valorizzare la presenza femminile nel sistema cooperativo trentino, come ha sottolineato Barbara Grassi, seconda presidente dell’associazione.

E’ stato ricordato, inoltre, il sostegno dato all’associazione dall’allora presidente della Cooperazione Trentina Diego Schelfi.

Nel corso di questi dieci anni l’associazione, che oggi riunisce 248 persone, di cui 22 uomini, ha dato vita a numerosi progetti e proposto diversi percorsi formativi per fornire ulteriori strumenti culturali utili a raggiungere una reale parità di genere all’interno del movimento cooperativo, ma non solo. E i numeri dimostrano che il viaggio intrapreso sta andando nella giusta direzione, con un aumento della componente femminile nella governance delle cooperative che è passata dal 13% del 2005 al quasi 22% di oggi.

Analizzando i dati più in profondità emerge come anche all’interno dei singoli settori le donne iniziano ad essere più presenti anche ai vertici. Dal il 2008 al 2015, ad esempio, la componente femminile nel settore delle cooperative di lavoro, servizio, sociali e abitazione è passata dal 23% al 30%, nel consumo dal 16% al 31%, nel credito dal 10% al 16% e nel settore agricolo dal 1,9% al 3,5%.

All’assemblea hanno portato il loro saluto anche la vicepresidente della Federazione Trentina della Cooperazione Marina Castaldo, l’assessora provinciale alle pari opportunità Sara Ferrari che ha messo in luce l’importanza del lavoro dell’associazione nell’aumentare la consapevolezza di donne e uomini dell’importanza del pluralismo di genere. Opinione condivisa da Chiara Avanzo, presidente del Consiglio regionale del Trentino Alto Adige, che ha inviato un messaggio per congratularsi con l’associazione per il traguardo raggiunto.

Probabilmente troverai di tuo interesse anche

  • Donne in cooperazione: premiate due tesi sul ruolo delle donne Lunedì, 13 Novembre 2017

    Sono Martina Dallafior e Martina Ricca le vincitrici dei due premi di tesi di laurea che l'Associazione Donne in Cooperazione ha deciso di conferire alle tesi maggiormente meritevoli partecipanti al bando lanciato in occasione del decennale di costituzione dell'Associazione.Le tesi dovevano avere per tema “il ruolo delle donne nello sviluppo della cooperazione, dell'economia e società civile”.Nel video, le interviste a: Nadia Martinelli, presidente Donne in Cooperazione, le...

  • I risultati raggiunti dalle Donne in cooperazione Martedì, 09 Maggio 2017

    Presentati i dati aggiornati sulla presenza femminile nel sistema cooperativo: +10% negli ultimi 10 anni. Intervista alla presidente dell'Associazione Donne in cooperazione Nadia Martinelli, al presidente e al direttore della Federazione Trentina della Cooperazione, Mauro Fezzi e Alessandro Ceschi. 

  • A scuola di felicità Mercoledì, 08 Febbraio 2017

    Intervista a Roberta Bortolucci, autrice del libro "IMPARARE LA FELICITA' - Abbiamo molte risorse per riuscire a rispondere alle difficoltà della vita e del lavoro", che ha condotto un workshop sul tema organizzato dall'associazione Donne in cooperazione.

  • Cosa fare per essere felici Mercoledì, 08 Febbraio 2017

    Tre consigli pratici per imparare a essere felici tutti i giorni. Perchè imparare la felicità si può, come spiega Roberta Bortolucci, autrice del libro "IMPARARE LA FELICITA': "Abbiamo molte risorse per riuscire a rispondere alle difficoltà della vita e del lavoro". Bortolucci ha condotto un workshop sul tema organizzato dall'associazione Donne in cooperazione.

  • Come trovare la propria mission Mercoledì, 08 Febbraio 2017

    Cosa ci rende felici? Quando possiamo dire di stare veramente bene? La risposta è soggettiva e cambia per ognuno di noi, ma ha sempre alla base la propria mission di vita, il proprio sogno nel cassetto. Roberta Bortolucci, autrice del libro IMPARARE LA FELICITA': "Abbiamo molte risorse per riuscire a rispondere alle difficoltà della vita e del lavoro", e spiega come trovarlo.

  • La direzione della felicità Mercoledì, 08 Febbraio 2017

    Cosa ci rende felici? Quando possiamo dire di stare veramente bene? La risposta è soggettiva e cambia per ognuno di noi, ma ha sempre alla base la propria mission di vita, il proprio sogno nel cassetto. Roberta Bortolucci, autrice del libro "IMPARARE LA FELICITA' - Abbiamo molte risorse per riuscire a rispondere alle difficoltà della vita e del lavoro", spiega come trovarlo.

  • Genitori al lavoro. L’arte di integrare figli, lavoro, vita Venerdì, 30 Dicembre 2016

    Genitori al lavoro. L'arte di integrare figli, lavoro, vita. Titolo di un libro dedicato a un tema attuale. Libro curato da Laura Girelli e Adele Mapelli e arricchito dai contributi di Stefania Baucè e Lucilla Bottecchia. Della conciliazione dei tempi di vita e di lavoro se ne è parlato a Trento in occasione della due giorni organizzata dalla Commissione Nazionale Dirigenti Cooperatrici di Confcooperative. L'evento, ospitato all'aula magna della Federazione Trentina della Cooperazione, è...

  • Il ruolo femminile Venerdì, 07 Ottobre 2016

    La forza del ruolo femminile in campo cooperativo si traduce in un impegno da parte di tutti nello sviluppare una coscienza inclusiva, una coscienza capace di volgere lo sguardo ai valori che stanno alla base della cooperazione stessa.Intervista a Nadia Martinelli e a Simonetta Fedrizzi, rispettivamente presidente e coordinatrice dell'attività dell'associazione Donne in cooperazione.

  • Spazio alle donne Martedì, 04 Ottobre 2016