Cooperfidi diventa l’unico confidi agricolo vigilato in Italia Martedì, 09 Giugno 2020

L’assemblea straordinaria ha approvato oggi il cambio di Statuto della cooperativa. Due le modifiche principali: la possibilità di operare nel settore agricolo nazionale come consorzio di secondo grado e l’avvio di un sistema a rotazione delle scadenze dei componenti del Cda.

Il presidente Renzo Cescato: “È una grande opportunità per Cooperfidi, che può attivare la garanzia statale del Fondo Centrale di Garanzia per le imprese agricole”.

Il direttore Michele Sartori: “allargando il perimetro di operatività aumenta la redditività, che in definitiva si traduce in sostegno alle imprese provinciali”.

Cooperfidi diventa un consorzio di garanzia di secondo grado. Ciò significa che il consorzio di garanzia delle cooperative e delle imprese agricole trentine può operare anche con le PMI agricole di tutta Italia, in via indiretta.

L’assemblea straordinaria e ordinaria della cooperativa - che a causa dell’emergenza sanitaria si è tenuta stamane non direttamente con i soci ma con il Rappresentante Designato nominato dal Cda Patrizia Gentil, presidente del Collegio sindacale della Federazione, il presidente Renzo Cescato, il direttore Michele Sartori, il caposindaco Mario de Zordo e alla presenza del notaio Armando Romano - ha infatti approvato il cambio dello statuto sociale, che prevede, in particolare, due importanti modifiche.

La prima riguarda appunto la possibilità per l’ente di operare come confidi di secondo grado per il settore agricolo nazionale. “Nello specifico – spiega il presidente Renzo Cescato - la modifica consente a Cooperfidi di accettare come soci cooperatori anche altri confidi. Questo è particolarmente importante perché come Confidi Agricolo autorizzato, unico confidi vigilato in Italia, Cooperfidi può attivare la garanzia statale del Fondo Centrale di Garanzia per le imprese agricole. Una grande opportunità che ora occorre realizzare creando opportuni strumenti”.

“L’operatività in secondo grado – aggiunge il direttore Michele Sartori – rappresenta una possibilità di ampliare il giro d’affari della nostra cooperativa su operazioni controgarantite dallo Stato, e quindi di aprire un nuovo canale di redditività che aiuti a sostenere i costi operativi, a tutto vantaggio del sostegno alle nostre imprese provinciali”.

La seconda modifica statutaria riguarda invece il meccanismo di elezione del Consiglio d’Amministrazione che resta composto dal presidente eletto dall’assemblea e da 9 consiglieri (3 agricoltura, 2 consumo, 3 produzione lavoro e sociali e 1 designato dalla Provincia autonoma di Trento). Il nuovo Statuto ha introdotto un sistema a rotazione di scadenza ed elezione dei Consiglieri e delle Consigliere, una gradualità ritenuta importante per garantire continuità amministrativa pur assicurando la possibilità di ricambio.

L’assemblea per l’approvazione del bilancio sarà convocata più avanti, nella speranza di poter tornare a modalità di conduzione tradizionali grazie all’auspicato allentamento delle misure dettate dall’emergenza sanitaria.

Probabilmente troverai di tuo interesse anche

  • Cooperfidi: primo bilancio del 2019 Giovedì, 21 Novembre 2019

    Nell'intervista a Michele Sartori, direttore di Cooperfidi: i nuovi prodotti di garanzia a costi ribassati, le ultime convenzioni sottoscritte con le banche e le associazioni di categoria, le altre iniziative che incidono concretamente sulle condizioni praticate ai soci.

  • Nuova linea grafica per l'immagine di Cooperfidi Lunedì, 13 Maggio 2019

    Il nuovo logo aziendale ma anche un chiaro ed esauriente video promozionale.Cooperfidi si rinnova adottando una nuova linea grafica: logo, video promozionale, e a breve anche il nuovo sito internet.Tutto questo per un'azione di maggior conoscenza dei servizi proposti, non sempre noti alla vasta platea dei possibili clienti.

  • "I nostri progetti per rafforzare il ruolo di Cooperfidi" Mercoledì, 20 Febbraio 2019

    Intervista a Michele Sartori, da inizio 2019 nuovo direttore.

  • Cooperfidi – Provincia: mutui agevolati contro i danni da grandine Giovedì, 08 Febbraio 2018

    Cooperfidi e la Provincia di Trento mettono a disposizione delle aziende agricole colpite dalle grandinate di luglio e agosto un plafond di 2 milioni di euro per l'erogazione di finanziamenti a copertura delle spese di ripristino di impianti e colture. Durata massima di 5 anni e ammortamento in rate semestrali. L'importo del prestito non potrà essere inferiore ai 10 mila euro o superiore ai 100 mila euro. Nel video, le interviste a Claudio Grassi, direttore di Cooperfidi, e...

  • Cooperfidi, crescono soci e garanzie Mercoledì, 17 Maggio 2017

    La prestazione di garanzia collettiva dei fidi ha costituito nel 2016, come di consueto, l'attività principale di Cooperfidi. Nel corso dell'anno le garanzie effettivamente perfezionate su finanziamenti concessi dal sistema bancario sono ammontate a 19,8 milioni a fronte di finanziamenti concessi per 32,1 milioni. Il bilancio di Cooperfidi chiuso al 31 dicembre è stato discusso e approvato nel corso dell'assemblea annuale.

  • Mondo cooperativo 2015 - puntata 10 Lunedì, 16 Maggio 2016

  • Caffè cooperativo 2014 - I finanziamenti alle cooperative Martedì, 08 Settembre 2015

    Gli aiuti ai giovani, i fondi mutualistici, le garanzie e fideiussioni offerte alle cooperative agricole e non solo. Il tema di questa puntata sono i finanziamenti possibili per le cooperative. Ospiti della conduttrice Elisa Dossi sono Roberto Simoni (Promocoop), Claudio Grassi (Cooperfidi) e Francesco Crepaz (Cassa Rurale di Trento).

  • Caffè cooperativo 2014 - I finanziamenti alle cooperative Martedì, 08 Settembre 2015

    Gli aiuti ai giovani, i fondi mutualistici, le garanzie e fideiussioni offerte alle cooperative agricole e non solo. Il tema di questa puntata sono i finanziamenti possibili per le cooperative. Ospiti della conduttrice Elisa Dossi sono Roberto Simoni (Promocoop), Claudio Grassi (Cooperfidi) e Francesco Crepaz (Cassa Rurale di Trento).

  • Assemblea Cooperfidi Giovedì, 30 Aprile 2015

  • Assemblea Cooperfidi Giovedì, 30 Aprile 2015