Cooperazione, l'impegno per un’agricoltura sempre più sostenibile Giovedì, 11 Febbraio 2016

Seconda edizione stamani a Trento del convegno “Coltivare la sostenibilità” organizzato dalla Federazione Trentina della Cooperazione in collaborazione con Trentino Green Network. Presentate le buone pratiche che le cooperative del settore agroalimentare stanno realizzando nell’ambito dello sviluppo sostenibile. 

Per guardare il servizio video sul convegno con le interviste clicca qui

Dare visibilità alle buone pratiche che le cooperative del settore agroalimentare stanno realizzando in Trentino nell’ambito delle tre dimensioni dello sviluppo sostenibile: ambientale, sociale e a sostegno dell’economia locale. Questo l’obiettivo del convegno ospitato oggi alla Sala della Cooperazione, organizzato dalla Federazione Trentina della Cooperazione in collaborazione con Trentino Green Network.

“Per il secondo anno consecutivo - ha osservato Luca Rigotti, vicepresidente della Cooperazione Trentina per il settore agricolo - abbiamo organizzato questo evento. La nostra volontà è definire una linea di futuro. Riteniamo sia il momento opportuno per farlo, vista l’aumentata sensibilità sociale ed economica rispetto alla questione green. E considerata anche la maggiore sensibilità del consumatore ai temi del cibo e dell’alimentazione sana e sostenibile. Infatti, la sostenibilità non è solo ambientale ma anche sociale ed economica”.

Per Carlo Dellasega, direttore generale della Cooperazione Trentina, che ha presentato la prima relazione, “essere cooperatori è un grande vantaggio se si torna a dare certezze in un mondo di incertezze. Oggi dobbiamo passare da una visione egologica a una visione ecologica. Una dimensione dove l’uomo è attento e presta particolare attenzione agli elementi della terra e dell’ambiente”.

Infatti sostenibilità, come ha precisato Laura Ricci presidente di Trentino Green Network, è la somma di economia, ambiente e benessere sociale.

La cooperazione è un patto fra generazioni e la sostenibilità deve utilizzare e conservare al meglio le risorse naturali nel tempo, ha evidenziato Andrea Segrè, presidente della Fondazione Edmund Mach.

Anche le scelte dei consumatori sembrano indirizzate alla sostenibilità. “Stiamo assistendo - ha detto Claudio Mazzini, responsabile commerciale settore ortofrutta di Coop Italia - a una leggere ripresa dei consumi. C’è un’attenzione importante verso il biologico. Si coglie, sostanzialmente, una nuova opportunità di consumo, specchio di una Italia che sta cambiando”.

Esperienze sul campo

Interessante la tavola rotonda sulle esperienze di sostenibilità animata dai rappresentanti dei settori ortofrutticolo, lattiero caseario e vitivinicolo della Cooperazione Trentina,  a cui è intervenuto l'assessore provinciale all'agricoltura Michele Dallapiccola

 Alessandro Dalpiaz, direttore di Apot, ha sottolineato come si realizzino più controlli sulle mele in Trentino che nel resto d’Italia. Prima in ordine di tempo, già nel 1990 la nostra Provincia si è dotata di un protocollo d’intesa per limitare i trattamenti in campagna. A partire dal 1998, anche se risulta obbligatoria solo dal 2014, è scattata la verifica funzionale e la taratura degli atomizzatori. “Ora è giunto il momento - ha concluso Dalpiaz - di accelerare gli investimenti nella componente sociale della sostenibilità”.

Mauro Fezzi, presidente della Federazione Provinciale Allevatori, ha parlato degli impianti a biogas per lo smaltimento dei reflui prodotti nel settore zootecnico. L’innovazione tecnologica ha consentito lo sviluppo di impianti di piccole dimensioni andando incontro alle esigenze degli allevatori con un numero limitato di capi di bestiame. È possibile abbattere fino all’80% degli odori.

Alessandro Bertagnoli, presidente del Consorzio Vini del Trentino, ha sottolineato come il Trentino sia all’avanguardia nella produzione biologica: nella nostra provincia la superficie vitata bio è cresciuta del 515% nel decennio 2004 - 2013. La media italiana di produzione di vini bio è del 22%, seconda solo alla Spagna.  

Franco Paoli, responsabile logistica di Melinda, ha condiviso con il pubblico del convegno  la straordinaria esperienza, “unica al mondo”, delle celle ipogee di Tassullo, dove la conservazione delle mele avviene con minore consumo di acqua (27.000 metri cubi all’anno), di suolo agricolo (250.000 metri cubi di edifici industriali risparmiati), di emissioni di anidride carbonica (40.000 kg in un anno). La sostenibilità qui si traduce anche in termini economici (minori costi di gestione) e di impatto sociale, misurabile sotto forma di occupazione e di valorizzazione del territorio.

Andrea Merz, direttore di Concast Trentingrana, ha descritto l’attività di smaltimento e recupero del siero, che risulta come scarto dalla lavorazione del latte. Il trattamento del siero, realizzato dal consorzio per conto dei 17 caseifici associati e di altri produttori, permette di ottenere 8.000 tonnellate di polvere di siero all’anno, impiegate come integratori nella dieta degli animali e in campagna come trattamento naturale delle piante. C’è anche un ritorno economico: 6 milioni di euro di cui possono beneficiare gli allevatori.   

Gianluca Savini, responsabile dei tecnici della Cooperativa Sant’Orsola, ha presentato il sistema innovativo di irrigazione, combinato a nuove tecniche di climatizzazione, introdotto nella coltivazione dei piccoli frutti, che ha accresciuto del 18% la produttività e ridotto al contempo del 25% il consumo di acqua e di concime. Grazie a questa innovazione, per la sola produzione di fragole Sant’Orsola risparmia circa 6.000 metri cubi di acqua all’anno, pari al consumo medio di 30 famiglie.

Probabilmente troverai di tuo interesse anche

  • La Cooperazione Trentina agli Stati generali della montagna Martedì, 02 Luglio 2019

    La Cooperazione Trentina e l'associazione Giovani cooperatori trentini hanno partecipato all'evento di chiusura degli Stati generali della montagna, portando il loro contributo per l'elaborazione di un piano di proposte strategiche per la valorizzazione del territorio montano.

  • Riscoperti i giochi di una volta per gli ospiti della Casa di riposo Martedì, 25 Giugno 2019

    Le studentesse della quarta A dell' Istituto di Istruzione Marie Curie di Pergine, indirizzo in scienze umane, hanno ricreato in classe, sotto la guida degli ospiti del Centro diurno della Casa di riposo di Povo, alcuni giochi di una volta, che hanno adattato alle capacità fisiche attuali degli anziani. Il lavoro è stato presentato dalle studentesse all'interno dell'Alzheimer Fest di Povo. Una valida psicomotricità - hanno appreso le studentesse - consente agli...

  • Cooperazione Trentina, un sistema per fare la differenza Venerdì, 07 Giugno 2019

    In apertura della parte pubblica della 124^ assemblea della Federazione Trentina della Cooperazione (2019) è stato proiettato un filmato con i dati dei diversi settori del movimento cooperativo trentino e le brevi testimonianze dei cooperatori in risposta alla domanda: "E per te, qual è la prima cosa su cui lavorare?"

  • Premiate le classi del concorso scolastico “Custodi di parole” Giovedì, 30 Maggio 2019

    All'iniziativa hanno aderito 30 classi della scuola primaria e della scuola secondaria di primo e secondo grado, per un totale di oltre 520 studenti, che si sono impegnati nella realizzazione di vari materiali: video, dvd, lapbook, blog, cartelloni, dispense, powerpoint.Gli allievi della II C delle medie di Coredo hanno realizzato uno “scrigno della libertà”. Nel video il loro racconto, nelle parole di Martina e Manuel, e la testimonianza di Alessia Dobre della III LEB del Liceo "Fabio...

  • Con etika un risparmio di 1 milione 750 mila euro in bolletta Giovedì, 04 Aprile 2019

    Le 42 mila famiglie trentine che hanno scelto etika, l'offerta luce e gas della Cooperazione Trentina e Dolomiti Energia, hanno risparmiato complessivamente 1 milione e 750 mila euro in bolletta. Di più: hanno aiutato circa 40 persone con disabilità a sperimentare soluzioni abitative autonome e hanno inoltre salvaguardato l'ambiente trentino, con 14.700 tonnellate di anidride carbonica risparmiate, grazie all'utilizzo di energia green certificata.Questi alcuni dei dati dal...

  • L'ufficio a Bruxelles della Federazione Trentina della Cooperazione Martedì, 02 Aprile 2019

    La Federazione Trentina della Cooperazione è presente a Bruxelles con un ufficio per sostenere e promuovere il punto di vista delle cooperative trentine a livello europeo

  • Il video dell'udienza Lunedì, 25 Marzo 2019

    Hanno partecipato all'incontro con Francesco, sabato 16 marzo, in Aula Paolo VI, 252 cooperatori in rappresentanza di oltre 50 cooperative trentine.

  • L'esterometro Venerdì, 22 Febbraio 2019

  • Uscito il bando della prima edizione della borsa di studio Katia Tenni Mercoledì, 30 Gennaio 2019

    La Federazione Trentina della Cooperazione ha istituito una borsa di studio, del valore complessivo di 15 mila euro, da destinare a “Un progetto di intercooperazione territoriale che stimoli l'innovazione e veda protagonisti giovani cooperatori e cooperatrici”. L'iniziativa è intitolata alla memoria della dott.ssa Katia Tenni, stimata professionista impegnata negli organi di controllo di numerose cooperative trentine e nel collegio sindacale della...