Cooperazione Salute, l'assistenza integrativa che piace: oltre 100 mila assistiti in tutta Italia Martedì, 24 Maggio 2016

Trento "esporta" una esperienza di welfare cooperativo diventata modello nazionale. Le cooperative che hanno aderito alla mutua della Cooperazione Trentina sono presenti in tutta Italia e sono quasi duemila. Nel 2015 sono stati liquidati rimborsi per un importo di 4,4 milioni.

Il presidente Michele Odorizzi: “abbiamo la possibilità di crescere significativamente nei numeri”. Marina Castaldo: "strumento per sviluppare welfare aziendale"

All’assemblea è intervenuto il presidente nazionale di Confcooperative Maurizio Gardini: “sulla sanità integrativa ci giochiamo la credibilità. Vogliamo valorizzare l’esperienza del Trentino per crescere insieme. Non sono per il centralismo romano ma per la centralità dell’impegno”.

Il 2015 ha consolidato, con dati che attestano una crescita straordinaria, la dimensione nazionale di Cooperazione Salute, società nata nel 1997 come mutua della cooperazione trentina originariamente per assicurare servizi di sanità integrativa ai dipendenti delle Casse Rurali.

Nel 2013 gli iscritti a Cooperazione Salute erano 12.298 dipendenti di 256 cooperative trentine, di vari settori. Nel 2014, a conclusione di un percorso evolutivo che ha comportato l’adozione di una serie di modifiche statutarie e di un nuovo sistema di governance, la società ha accettato la sfida di diventare servizio nazionale divenendo mutua di riferimento per tutte le cooperative italiane associate a Confcooperative.

Considerato l’obbligo di iscrizione dei dipendenti ad una copertura sanitaria integrativa previsto nei contratti applicati nei vari settori cooperativi, in poco più di un anno Cooperazione Salute ha visto entrare nella propria compagine sociale più di 80.000 nuovi lavoratori di tutta Italia.

La proposta di Cooperazione Salute ha allargato sensibilmente i suoi consensi nel 2015, chiuso con 1.905 cooperative iscritte e 107.213 assistiti (71% donne, 29% uomini), che hanno potuto usufruire di oltre 30 coperture sanitarie. Le prestazioni erogate sono state circa 50 mila, per un totale di rimborsi liquidati di 4,4 milioni, per la metà relativi a cure odontoiatriche (28%) e visite specialistiche (21%).

I rimborsi hanno assorbito il 45% dei contributi raccolti e gestiti da Cooperazione Salute, che sono ammontati nel 2015 a 9,8 milioni. Il 15% è stato impiegato per coprire i costi di gestione, mentre il rimanente 40% è stato accantonato a patrimonio per future prestazioni e per migliorare i piani di assistenza offerti.

L’obiettivo per il prossimo biennio è di raggiungere quota 180.000 assistiti e 3.650 cooperative iscritte, ha riferito Michele Odorizzi, presidente di Cooperazione Salute, all’assemblea dei soci che si è svolta stamani a Trento. “Non si tratta di ambizione commerciale - ha affermato Odorizzi - ma della volontà di permettere ad un numero sempre più ampio di famiglie di lavoratori e soci delle nostre cooperative di affrontare con più serenità i bisogni di salute e di assistenza tramite una proposta che si caratterizza per i valori della mutualità, della prossimità e della intergenerazionalità”.

“E’ un risultato importante per il Trentino – ha commentato la vicepresidente vicaria della Federazione Marina Castaldo -. Tutti devono capire l’importanza di questa mutua, che deve diventare anche strumento per sviluppare welfare aziendale”.

I tagli alla spesa sanitaria pubblica

La spesa sanitaria pubblica, cresciuta dal 2007 al 2010 da 101,9 miliardi di euro a 112,8 miliardi, negli ultimi anni ha registrato una inversione di tendenza, con una riduzione tra il 2010 e il 2014, attestandosi nell’ultimo anno a 110,3 miliardi. La spesa sanitaria privata delle famiglie, invece, dal 2007 al 2014 è passata da 29,6 a 32,7 miliardi, raggiungendo il 22,8% della spesa sanitaria.

Per motivi economici una persona su 10 deve rinunciare alla cura dei denti e sono quasi 8 milioni i cittadini che si indebitano per pagarsi le cure sanitarie.

Per effetto della spending review e in nome di un sistema sanitario più sostenibile, sono diminuiti anche i posti letto per l’assistenza a lungo termine, che risultano ben al di sotto della media europea. Gli italiani vivono a lungo, anche rispetto ad altri Paesi occidentali, ma spesso la loro salute in età avanzata non è buona. Questo perché l’assistenza alla

popolazione che sta invecchiando non è allo stesso livello di quella di altri Paesi. Insomma si vive a lungo, sempre più rinunciando a prevenire e curarsi e si invecchia male.

L’intervento di Maurizio Gardini

All’assemblea di Cooperazione Salute è intervenuto anche Maurizio Gardini, presidente nazionale di Confcooperative, che è la principale centrale cooperativa italiana, cui aderiscono 20 mila cooperative, con oltre 3,2 milioni di soci.

Gardini si è compiaciuto dei risultati di bilancio: “Sulla sanità integrativa ci stiamo giocando una buona parte della nostra credibilità. Adesso comincia la parte più impegnativa – ha affermato – perché a livello nazionale abbiamo deciso di partire dall’esperienza consolidata in Trentino per crescere insieme. Non sono per il centralismo romano ma per la centralità dell’impegno e della professionalità. Importante è creare strumenti forti riducendo la parcellizzazione e i campanili. Il grande tema della sanità integrativa ha bisogno di efficienza”.

“Il welfare state non tiene più - ha aggiunto - c’è bisogno di un profondo ripensamento e la cooperazione può collaborare in complementarietà al sistema pubblico, non in concorrenza. Sulla sanità non può essere tollerata una logica di profitto perché riduce la persona a un numero e la sua esigenza ad un interesse commerciale. Il benessere psicofisico e la serenità che derivano dalla consapevolezza di poter accedere a cure adeguate, sono la chiave di volta per una società più produttiva ma anche più felice”.

Probabilmente troverai di tuo interesse anche

  • La Cooperazione Trentina agli Stati generali della montagna Martedì, 02 Luglio 2019

    La Cooperazione Trentina e l'associazione Giovani cooperatori trentini hanno partecipato all'evento di chiusura degli Stati generali della montagna, portando il loro contributo per l'elaborazione di un piano di proposte strategiche per la valorizzazione del territorio montano.

  • Riscoperti i giochi di una volta per gli ospiti della Casa di riposo Martedì, 25 Giugno 2019

    Le studentesse della quarta A dell' Istituto di Istruzione Marie Curie di Pergine, indirizzo in scienze umane, hanno ricreato in classe, sotto la guida degli ospiti del Centro diurno della Casa di riposo di Povo, alcuni giochi di una volta, che hanno adattato alle capacità fisiche attuali degli anziani. Il lavoro è stato presentato dalle studentesse all'interno dell'Alzheimer Fest di Povo. Una valida psicomotricità - hanno appreso le studentesse - consente agli...

  • Cooperazione Trentina, un sistema per fare la differenza Venerdì, 07 Giugno 2019

    In apertura della parte pubblica della 124^ assemblea della Federazione Trentina della Cooperazione (2019) è stato proiettato un filmato con i dati dei diversi settori del movimento cooperativo trentino e le brevi testimonianze dei cooperatori in risposta alla domanda: "E per te, qual è la prima cosa su cui lavorare?"

  • Premiate le classi del concorso scolastico “Custodi di parole” Giovedì, 30 Maggio 2019

    All'iniziativa hanno aderito 30 classi della scuola primaria e della scuola secondaria di primo e secondo grado, per un totale di oltre 520 studenti, che si sono impegnati nella realizzazione di vari materiali: video, dvd, lapbook, blog, cartelloni, dispense, powerpoint.Gli allievi della II C delle medie di Coredo hanno realizzato uno “scrigno della libertà”. Nel video il loro racconto, nelle parole di Martina e Manuel, e la testimonianza di Alessia Dobre della III LEB del Liceo "Fabio...

  • Con etika un risparmio di 1 milione 750 mila euro in bolletta Giovedì, 04 Aprile 2019

    Le 42 mila famiglie trentine che hanno scelto etika, l'offerta luce e gas della Cooperazione Trentina e Dolomiti Energia, hanno risparmiato complessivamente 1 milione e 750 mila euro in bolletta. Di più: hanno aiutato circa 40 persone con disabilità a sperimentare soluzioni abitative autonome e hanno inoltre salvaguardato l'ambiente trentino, con 14.700 tonnellate di anidride carbonica risparmiate, grazie all'utilizzo di energia green certificata.Questi alcuni dei dati dal...

  • L'ufficio a Bruxelles della Federazione Trentina della Cooperazione Martedì, 02 Aprile 2019

    La Federazione Trentina della Cooperazione è presente a Bruxelles con un ufficio per sostenere e promuovere il punto di vista delle cooperative trentine a livello europeo

  • Il video dell'udienza Lunedì, 25 Marzo 2019

    Hanno partecipato all'incontro con Francesco, sabato 16 marzo, in Aula Paolo VI, 252 cooperatori in rappresentanza di oltre 50 cooperative trentine.

  • L'esterometro Venerdì, 22 Febbraio 2019

  • Uscito il bando della prima edizione della borsa di studio Katia Tenni Mercoledì, 30 Gennaio 2019

    La Federazione Trentina della Cooperazione ha istituito una borsa di studio, del valore complessivo di 15 mila euro, da destinare a “Un progetto di intercooperazione territoriale che stimoli l'innovazione e veda protagonisti giovani cooperatori e cooperatrici”. L'iniziativa è intitolata alla memoria della dott.ssa Katia Tenni, stimata professionista impegnata negli organi di controllo di numerose cooperative trentine e nel collegio sindacale della...