Cooperative agricole: settore da oltre 1 miliardo di euro di fatturato Lunedì, 06 Luglio 2020

Ottantotto società con 17.977 soci conferitori, 3.266 collaboratrici e collaboratori, 1 miliardo e 168 milioni di euro di fatturato (+12,6%), 430 milioni di euro di liquidato ai produttori, con una forte vocazione all’export: le cooperative agricole rappresentano un pilastro dell’economia trentina e sono uno dei motori degli investimenti e dello sviluppo del territorio.

Stamani la Sala della Cooperazione a Trento ha ospitato il convegno.

Sempre più marcata l’attenzione ai temi della sostenibilità ambientale, della tutela dell’agricoltura di montagna e della tipicità, come dimostra anche il recente ottenimento della certificazione IGP “Mele del Trentino”.

Il convegno ha indicato i propri candidati per il consiglio della Federazione.

La “prima volta” davanti ai soci del candidato alla presidenza Roberto Simoni

A distanza, ma presenti. Ha preso il via, stamani alla Sala della Cooperazione a Trento, il ciclo di convegni di settore della Cooperazione Trentina in previsione dell’assemblea annuale della Federazione in calendario a fine luglio.

Il primo dei cinque appuntamenti calendarizzati da oggi a venerdì prossimo ha visto protagonista il settore delle cooperative agricole. L’appuntamento ha presentato il quadro economico del comparto e ha eletto i candidati (rappresentanti del mondo agricolo cooperativo) per il Consiglio di amministrazione della Federazione.

“In un clima di grande cambiamento e di difficoltà, con il Pil del Trentino che secondo la Banca d’Italia rischia di crollare a meno 10% - ha detto in apertura la presidente del Collegio sindacale Patrizia Gentil – serve una nuova visione di prospettiva, il rafforzamento del patto associativo con codice etico condiviso, un potenziamento dei rapporti con l’Europa.

Quindi bisogna chiedersi qual è il ruolo della Federazione in un contesto così mutato ed incerto. Sarà una bella sfida per il prossimo Consiglio di Amministrazione”.

La presidente del Collegio sindacale ha evidenziato che il Collegio ha sempre operato in stretta  collaborazione con la Direzione Generale e con l’intera struttura operativa della Federazione, ed ha espresso apprezzamento per la professionalità, motivazione e senso del dovere di tutto il personale dell’azienda in questo momento così particolare.

I numeri generali della Cooperazione agricola

Complessivamente la cooperazione agricola che, in Trentino vanta la leadership in tutti e tre i comparti (vitivinicolo, ortofrutticolo, lattiero-caseario e allevamento) conta 88 società. Nel dettaglio: 17 in quello vitivinicolo, 32 nell’ortofrutta, 18 nel lattiero.caseario, 2 nel comparto zootecnico, 19 sono le cooperative di servizio.

I soci conferitori sono 17.977. Le collaboratrici e i collaboratori sono 3266. Gli ettari coltivati totali sono 19.033 con 8,2 milioni di quintali prodotti sommando ortofrutta, vitivinicolo e lattiero caseario.

Nello scorso esercizio, il 2018/2019, il fatturato consolidato (cooperative agricole e società controllate) ha raggiunto 1 miliardo 168 milioni di euro, in crescita del 12,6% nel confronto con lo stesso dato del 2018.  Patrimonio complessivo: 438 milioni di euro, in crescita del 3,54% (corrispondente a un incremento di 15 milioni di euro). Il liquidato ai soci ha toccato la cifra di 430 milioni di euro.

I settori agricoli

La presentazione è stata curata da Michele Girardi, responsabile del Settore Cooperative Agricoledella Federazione Trentina della Cooperazione.

Il comparto vitivinicolo e, quindi, le Cantine sociali possono contare su 6421 viticoltori soci, con 882 collaboratrici e collaboratori. Il fatturato consolidato dell’intero settore (comprese le società controllate) è stato di 532 milioni di euro (+4% rispetto al 2018). L’uva conferita nella vendemmia 2018 ha raggiunto 1 milione 300 mila quintali.

Liquidato ai soci: euro 108,04 a quintale per l’uva conferita. La resa a ettaro è in aumento del 17,8% e ha raggiunto il valore medio di 16 mila 420 euro rispetto ai 13 mila 935 euro dell’esercizio precedente.

Le cooperative dell’ortofrutticolo (6313 soci e 1856 collaboratrici e collaboratori) hanno fatturato 464 milioni di euro, in aumento del 27% rispetto all’esercizio precedente che, va segnalato, era stato pesantemente colpito dalle gelate.

La quantità conferita di frutta è stata di 5,6 milioni di quintali con una resa ettaro media di euro 20.334.

A caratterizzare e arricchire l’ortofrutticolo sono anche i piccoli frutti (592 ettari coltivati con 77.000 quintali di prodotto), patate (115 ettari coltivati, con 30.000 quintali prodotti), ortaggi (90 ettari coltivati, con 17.000 quintali prodotti), mais di Storo (343 ettari coltivati, 15.000 quintali prodotti), olio di oliva del Garda (200 ettari coltivati, 11.000 quintali di prodotto lavorato).

Il lattiero caseario conta 812 soci e 360 collaboratrici e collaboratori. Fatturato: 125 milioni di euro (+6,8% nel confronto con lo stesso dato dell’esercizio precedente). Liquidato soci (media provinciale): il prezzo medio del latte a grana riconosciuto ai soci ha raggiunto euro 0,615 a litro (rispetto a euro 0,600 del 2018).

Meritevole di una sottolineatura l’allevamento di bovini (se ne contano 24.123). A questi si aggiungono ovini, caprini, equini, conigli. I soci di questo settore sono 1128 e aderiscono alla Federazione Provinciale Allevatori.

Il settore ittico (trota e salmerino) esprime 31 milioni di fatturato del settore, 50 mila quintali di trote da carne, 40 imprese, 70 impianti, 450 addetti.

I candidati per il cda indicati dal settore agricolo

La parte conclusiva del convegno è stata dedicata all’elezione dei rappresentanti del settore agricolo che saranno indicati quali candidati per il consiglio di amministrazione della Federazione.

Essi sono Lorenzo Libera (presidente di Cavit) in rappresentanza del comparto vitivinicolo, Renzo Marchesi (Contast – Trentingrana) per il zootecnico e lattiero-caseario, Michele Odorizzi (Melinda) e Rodolfo Brochetti (La Trentina) per quello frutticolo.

Il convegno ha anche indicato il candidato in consiglio per la parte riservata ai cosiddetti membri “trasversali”: è Luca Rigotti (Gruppo Mezzacorona), che completa così la rappresentanza del comparto vitivinicolo. In realtà – ha spiegato l’ex vicepresidente Michele Odorizzi – servirebbe una modifica statutaria per dare adeguata rappresentanza al mondo agricolo che è la somma di molte specificità. Nel frattempo, il settore ha assicurato ampio appoggio al candidato Rigotti, ringraziandolo per la disponibilità alla candidatura trasversale, in funzione dell’unità di tutto il settore.

La presentazione del candidato alla presidenza Roberto Simoni

Attualmente per la presidenza della Federazione c’è un unico candidato che ha formalizzato la proposta, Roberto Simoni, presidente di Sait.

Simoni ha potuto quindi presentarsi da solo ai soci (unica occasione in presenza in questo anno particolare), parlando di sé ed esponendo le linee principali del suo pensiero.

“Se sarò eletto mi spenderò per gli altri – ha detto Simoni – soprattutto in questo momento serve coesione e unità. Insieme al prossimo consiglio sarà opportuno trovare i punti in comune e costruire insieme un programma. No ai personalismi e alle acredini.

I consorzi sono anelli importante nel sistema cooperativo, sia per le politiche commerciali delle cooperative sia per la loro capacità di promuovere innovazione. Occorre valorizzarli.

La Federazione – ha proseguito Simoni - dovrà riappropriarsi del proprio ruolo anche nei confronti della politica. Negli ultimi tempi forse c’è stata qualche sottovalutazione.

Uno slogan? Innovazione e sostenibilità. Se una impresa non investe è destinata a fallire. E per farlo occorre una classe dirigente preparata. Ecco perché sarà sempre più importante la formazione: anche per garantire continuità per le generazioni che verranno.

Non sono un rivoluzionario – ha concluso Simoni – e non ho la bacchetta magica. La mia porta sarà sempre aperta per tutti”.

Probabilmente troverai di tuo interesse anche

  • La Cooperazione Trentina agli Stati generali della montagna Martedì, 02 Luglio 2019

    La Cooperazione Trentina e l'associazione Giovani cooperatori trentini hanno partecipato all'evento di chiusura degli Stati generali della montagna, portando il loro contributo per l'elaborazione di un piano di proposte strategiche per la valorizzazione del territorio montano.

  • Riscoperti i giochi di una volta per gli ospiti della Casa di riposo Martedì, 25 Giugno 2019

    Le studentesse della quarta A dell' Istituto di Istruzione Marie Curie di Pergine, indirizzo in scienze umane, hanno ricreato in classe, sotto la guida degli ospiti del Centro diurno della Casa di riposo di Povo, alcuni giochi di una volta, che hanno adattato alle capacità fisiche attuali degli anziani. Il lavoro è stato presentato dalle studentesse all'interno dell'Alzheimer Fest di Povo. Una valida psicomotricità - hanno appreso le studentesse - consente agli...

  • Cooperazione Trentina, un sistema per fare la differenza Venerdì, 07 Giugno 2019

    In apertura della parte pubblica della 124^ assemblea della Federazione Trentina della Cooperazione (2019) è stato proiettato un filmato con i dati dei diversi settori del movimento cooperativo trentino e le brevi testimonianze dei cooperatori in risposta alla domanda: "E per te, qual è la prima cosa su cui lavorare?"

  • Premiate le classi del concorso scolastico “Custodi di parole” Giovedì, 30 Maggio 2019

    All'iniziativa hanno aderito 30 classi della scuola primaria e della scuola secondaria di primo e secondo grado, per un totale di oltre 520 studenti, che si sono impegnati nella realizzazione di vari materiali: video, dvd, lapbook, blog, cartelloni, dispense, powerpoint.Gli allievi della II C delle medie di Coredo hanno realizzato uno “scrigno della libertà”. Nel video il loro racconto, nelle parole di Martina e Manuel, e la testimonianza di Alessia Dobre della III LEB del Liceo "Fabio...

  • Con etika un risparmio di 1 milione 750 mila euro in bolletta Giovedì, 04 Aprile 2019

    Le 42 mila famiglie trentine che hanno scelto etika, l'offerta luce e gas della Cooperazione Trentina e Dolomiti Energia, hanno risparmiato complessivamente 1 milione e 750 mila euro in bolletta. Di più: hanno aiutato circa 40 persone con disabilità a sperimentare soluzioni abitative autonome e hanno inoltre salvaguardato l'ambiente trentino, con 14.700 tonnellate di anidride carbonica risparmiate, grazie all'utilizzo di energia green certificata.Questi alcuni dei dati dal...

  • L'ufficio a Bruxelles della Federazione Trentina della Cooperazione Martedì, 02 Aprile 2019

    La Federazione Trentina della Cooperazione è presente a Bruxelles con un ufficio per sostenere e promuovere il punto di vista delle cooperative trentine a livello europeo

  • Il video dell'udienza Lunedì, 25 Marzo 2019

    Hanno partecipato all'incontro con Francesco, sabato 16 marzo, in Aula Paolo VI, 252 cooperatori in rappresentanza di oltre 50 cooperative trentine.

  • L'esterometro Venerdì, 22 Febbraio 2019

  • Uscito il bando della prima edizione della borsa di studio Katia Tenni Mercoledì, 30 Gennaio 2019

    La Federazione Trentina della Cooperazione ha istituito una borsa di studio, del valore complessivo di 15 mila euro, da destinare a “Un progetto di intercooperazione territoriale che stimoli l'innovazione e veda protagonisti giovani cooperatori e cooperatrici”. L'iniziativa è intitolata alla memoria della dott.ssa Katia Tenni, stimata professionista impegnata negli organi di controllo di numerose cooperative trentine e nel collegio sindacale della...