Contro le molestie al lavoro: parte la prima iniziativa concreta Martedì, 05 Giugno 2018

Una psicologa e un’avvocata insegneranno ai responsabili delle risorse umane delle cooperative a riconoscere i comportamenti scorretti, ad affrontarli con i giusti strumenti legali e ad aiutare nel modo giusto le vittime.

Il monitoraggio dell’Università di Trento sulle pratiche innovative preventive e di sensibilizzazione contro le molestie e violenze nei luoghi di lavoro non ha evidenziato iniziative rilevanti: nonostante il fenomeno delle molestie riguardi nella nostra provincia l’8,6% delle donne tra i 15 e i 65 anni ancora poco di concreto o quasi nulla, è stato fatto in Trentino e in Italia.

La prima iniziativa, con un mix di formazione e sensibilizzazione, arriva dunque dall’associazione Donne in cooperazione, che in collaborazione con Federazione, Centro Studi interdisciplinari di Genere dell’Università di Trento e con il contributo della Provincia, ha ideato e attivato un progetto che interviene sia dal punto di vista della gestione del problema – ove esistente – sia in ottica preventiva.

Il progetto, come ha spiegato Sara Villotti, vicepresidente dell’associazione Donne in cooperazione, è partito dopo la firma da parte della Federazione e di 24 cooperative associate di un Accordo quadro provinciale, insieme alle altre associazioni di categoria e alle organizzazioni sindacali locali. Nel testo veniva sottolineato l’impegno ad individuare i comportamenti scorretti e a sensibilizzare le organizzazioni di lavoro alla prevenzione. Da subito l’associazione Donne in cooperazione ha però affiancato all’impegno generico una progettazione concreta, per offrire una risposta decisa e coerente al problema.

“La Federazione e le cooperative – ha detto il presidente della Cooperazione Trentina Mauro Fezzi – hanno aderito con convinzione, dimostrando attenzione concreta ad un tema delicato e sensibile. Abbiamo il merito di crederci e di investirci”.

La prima parte del progetto riguarda l’organizzazione di un corso di formazione sugli strumenti giuridici, comportamentali e psicologici necessari per riconoscere, prevenire ed affrontare le molestie e le violenze sui luoghi di lavoro. Un momento formativo dedicato ai responsabili del personale delle cooperative, che vuole offrire loro una serie di strumenti e di informazioni per riuscire ad individuare quali sono i comportamenti che rientrano nelle molestie, come trattarli e come essere di supporto alla vittima, sia dal punto di vista legale che psicologico.

Il corso è stato fissato per il 14 giugno e verrà poi ripetuto il 25 settembre, con l’obiettivo di diventare presenza fissa in tutti i percorsi di gestione del personale organizzati all’interno del movimento cooperativo trentino. Saranno docenti  l’avvocata Barbara Giovanna Bello e la psicologa del lavoro Eleonora Gennarini, entrambe esperte di queste tematiche.

Alla formazione seguirà in autunno una campagna di sensibilizzazione che informerà lavoratori e lavoratrici su come riconoscere i comportamenti a rischio e su come fermarli.

L’obiettivo, come illustra Simonetta Fedrizzi, responsabile del progetto, è quello stimolare un dibattito ampio per favorire un clima aziendale diffuso di rispetto, dove le relazioni interpersonali siano basate su principi di eguaglianza e reciproca correttezza e condannare in modo chiaro ogni forma di molestie e violenza e favorire quindi l’emersione del fenomeno aiutando a dare voce alle persone che le hanno subite.

Con il termine ‘molestie’, infatti, si possono intendere diversi tipi di comportamenti, dalla battuta indesiderata fino alla violenza fisica, come ha spiegato Barbara Poggio, Prorettrice alle politiche di equità e diversità dell’Università di Trento: “Serve sviluppare una cultura aziendale positiva, formare e sensibilizzare su q  uesti temi, anche il management, introducendo nelle aziende delle procedure chiare di segnalazione dei comportamenti indesiderati e regole altrettanto chiare nelle risposte e nelle sanzioni”.

“La Federazione – ha commentato l’assessora alle pari opportunità Sara Ferrari – ha raccolto gli stimoli della Provincia autonoma e sta costruendo una buona prassi in un contesto dove non ce ne sono, acquisendo il ruolo molto importante di apripista rispetto a queste tematiche. Costruendo relazioni positive nelle aziende si incrementa il benessere dei lavoratori e con esso il benessere dell’intera comunità, creando valore per il territorio”.

Le cooperative che hanno firmato l’Accordo contro le molestie sono: Federazione, CR Adamello Brenta, CR Alta Vallagarina, CR Alta Valsugana, CR Bassa Anaunia, CR Fiemme, CR Tuenno Val di Non, CR Dolomiti di Fassa Primiero e Belluno, CR Novella e Alta Anaunia, CR Valsugana e Tesino, CLA, Coop Consumatori Alto Garda, Coop S.E.I., Villaggio del Fanciullo, FC Monte Baldo, Gsh, La Sfera, Pro.Ges, Progetto 92, Risto3, Scuola Musicale dei Quattro Vicariati, Scripta, Smart, Società Frutticoltori Campodenno, Trentingrana Concast. Un elenco che si irrobustisce giorno dopo giorno.

Probabilmente troverai di tuo interesse anche

  • La Cooperazione Trentina agli Stati generali della montagna Martedì, 02 Luglio 2019

    La Cooperazione Trentina e l'associazione Giovani cooperatori trentini hanno partecipato all'evento di chiusura degli Stati generali della montagna, portando il loro contributo per l'elaborazione di un piano di proposte strategiche per la valorizzazione del territorio montano.

  • Parole in cooperazione Martedì, 02 Luglio 2019

  • Riscoperti i giochi di una volta per gli ospiti della Casa di riposo Martedì, 25 Giugno 2019

    Le studentesse della quarta A dell' Istituto di Istruzione Marie Curie di Pergine, indirizzo in scienze umane, hanno ricreato in classe, sotto la guida degli ospiti del Centro diurno della Casa di riposo di Povo, alcuni giochi di una volta, che hanno adattato alle capacità fisiche attuali degli anziani. Il lavoro è stato presentato dalle studentesse all'interno dell'Alzheimer Fest di Povo. Una valida psicomotricità - hanno appreso le studentesse - consente agli...

  • Cooperazione Trentina, un sistema per fare la differenza Venerdì, 07 Giugno 2019

    In apertura della parte pubblica della 124^ assemblea della Federazione Trentina della Cooperazione (2019) è stato proiettato un filmato con i dati dei diversi settori del movimento cooperativo trentino e le brevi testimonianze dei cooperatori in risposta alla domanda: "E per te, qual è la prima cosa su cui lavorare?"

  • Premiate le classi del concorso scolastico “Custodi di parole” Giovedì, 30 Maggio 2019

    All'iniziativa hanno aderito 30 classi della scuola primaria e della scuola secondaria di primo e secondo grado, per un totale di oltre 520 studenti, che si sono impegnati nella realizzazione di vari materiali: video, dvd, lapbook, blog, cartelloni, dispense, powerpoint.Gli allievi della II C delle medie di Coredo hanno realizzato uno “scrigno della libertà”. Nel video il loro racconto, nelle parole di Martina e Manuel, e la testimonianza di Alessia Dobre della III LEB del Liceo "Fabio...

  • Donne in cooperazione per fare la differenza Giovedì, 23 Maggio 2019

    Al fare la differenza sono dedicate una serie di iniziative che l'associazione Donne in cooperazione ha realizzato nel corso del 2018 e ha in programma per il 2019.

  • Come vivere felici e connessi Giovedì, 23 Maggio 2019

    Oggi pensare di vivere felici e connessi sembra una missione impossibile. Polemiche, haters, commenti offensivi spesso prendono il sopravvento mostrando una comunicazione digitale caratterizzata da odio e situazioni di pericolo.  Vera Gheno, sociolinguista specializzata in comunicazione digitale che gestisce l'account Twitter dell'Accademia della Crusca, ha aperto l'assemblea dell'associazione Donne in cooperazione proponendo la sua ricetta per vivere felici e connessi.

  • Con etika un risparmio di 1 milione 750 mila euro in bolletta Giovedì, 04 Aprile 2019

    Le 42 mila famiglie trentine che hanno scelto etika, l'offerta luce e gas della Cooperazione Trentina e Dolomiti Energia, hanno risparmiato complessivamente 1 milione e 750 mila euro in bolletta. Di più: hanno aiutato circa 40 persone con disabilità a sperimentare soluzioni abitative autonome e hanno inoltre salvaguardato l'ambiente trentino, con 14.700 tonnellate di anidride carbonica risparmiate, grazie all'utilizzo di energia green certificata.Questi alcuni dei dati dal...

  • L'ufficio a Bruxelles della Federazione Trentina della Cooperazione Martedì, 02 Aprile 2019

    La Federazione Trentina della Cooperazione è presente a Bruxelles con un ufficio per sostenere e promuovere il punto di vista delle cooperative trentine a livello europeo