Cassa Rurale di Trento: banca sempre più solida e competitiva Giovedì, 16 Maggio 2019

Il presidente Giorgio Fracalossi nella sua relazione ha affermato che l’appartenenza al Gruppo permette miglioramenti in efficienza, in innovazione tecnologica e nell’offerta commerciale.

“Siamo in un periodo di cambiamento, al quale dobbiamo guardare con serenità, fiducia ed entusiasmo, per guidarlo anziché subirlo”: Giorgio Fracalossi, presidente della Cassa Rurale di Trento, ha concluso con questo invito la sua relazione ai 1.965 soci che ieri sera erano presenti (oltre a 75 deleghe per un totale di 2.040 soci) all’assemblea che si è svolta presso il BLM Group Arena a Trento.

Era la prima assemblea dopo la nascita del Gruppo bancario e per questo Fracalossi ha parlato di “giorno storico”. La costituzione del Gruppo Cassa Centrale Banca, con mezzo milione di soci, 84 banche affiliate, 1.518 filiali, un patrimonio netto di 6,8 miliardi di Euro, è stata una conseguenza della riforma del credito cooperativo, che si è abbattuta sul sistema come un ciclone, ha affermato Fracalossi.

Tra l’altro in un periodo nel quale la crisi macroeconomica ha messo a dura prova il tessuto economico, finanziario e sociale, a livello europeo è stata definita una disciplina bancaria più rigida, la rivoluzione digitale ha portato sulla scena nuovi competitori e sta modificando il rapporto tra cliente a banca: basti pensare che 70 italiani under 35 su 100 utilizzano esclusivamente internet banking, 54 italiani su 100 hanno una stazione di internet banking attiva.

Ma dal cambiamento imposto da quella riforma e dal nuovo contesto economico e sociale, è nata una nuova realtà che rende ancora più solida, più sicura e più competitiva la Cassa Rurale, perché l’appartenenza al Gruppo permette miglioramenti in efficienza, in innovazione tecnologica e nell’offerta commerciale.

L’appartenenza al Gruppo non ha intaccato il ruolo di banca del territorio e di motore economico e sociale della Cassa Rurale di Trento, la sua attenzione alle famiglie, alle piccole e medie imprese locali, alle start-up, ai giovani. “La nostra Cassa ha rafforzato la sua vocazione tipica, cioè essere la banca della comunità locale, e continuerà il nostro impegno nella costruzione di una comunità socialmente responsabile”, ha affermato Fracalossi.

Con riferimento al tavolo aperto con la Cassa Rurale di Lavis, Fracalossi ha chiarito che si sta ragionando sull’ipotesi di ridisegnare una Cassa rurale ancora più importante che non perda la sua vicinanza ai territori.

Il direttore generale Giorgio Bagozzi ha poi illustrato i principali dati del bilancio al 31 dicembre 2018, che registra un totale di masse amministrate pari a quasi 3 miliardi e 600 milioni di euro e che si è chiuso con un utile di esercizio netto di 4.717.893 euro.

Il bilancio e la destinazione dell’utile (4.076.356 euro alle riserve indivisibili, euro 141.536 ai fondi mutualistici ed Euro 500.000 ai fini di beneficenza e mutualità) sono stati approvati all’unanimità.

Soddisfazione e apprezzamento per i risultati di gestione ma anche qualche timore che l’introduzione delle postazioni self possa affievolire il rapporto fra soci e personale e qualche critica per l’esiguità dei tassi attivi, sono stati espressi negli interventi dei soci (hanno preso la parola Lia Mattivi, Alessandra Mosna, Felice Zambaldi e Agostino Toffoli).

I tre amministratori uscenti Debora Cont, Giulia Degasperi e Paolo Frizzi, che si erano ricandidati, sono stati confermati nel consiglio di amministrazione per acclamazione.

L’assemblea era iniziata con la premiazione dei soci con cinquant’anni di iscrizione alla Cassa Rurale di Trento (Bruno Cagol, Maria Teresa Camin, Mario Cappelletti, Renzo Fogarolli, Alberto Lorandi, Franco Maistri, Giacomina Piffer, Giulio Segata, Renato Zanella, Livio Zanetti, Vito Zortea) e con l’intervento delle autorità.

La vicesindaco di Trento, Maria Chiara Franzoia, ha portato un saluto a nome anche dei sindaci Aldeno, Cimone e Garniga Terme, i comuni nei quali opera la Cassa Rurale di Trento.

Nel suo intervento ha definito “forte, solida e robusta” la Cassa Rurale di Trento e ha ringraziato per il sostegno che la Cassa garantisce ai molti progetti di carattere sociale, culturale e sportivo promossi dalle associazioni del territorio: “un ruolo importante che non deve perdersi” ha auspicato la vicesindaco.

Fonte: Cassa Rurale di Trento

Probabilmente troverai di tuo interesse anche

  • Cassa Rurale di Trento: nuova area self Banch’io in via Belenzani Lunedì, 17 Settembre 2018

    “Più spazio alla tecnologia, più tempo alla consulenza”. Nasce da questo concetto il progetto “Banch'io” della Cassa Rurale di Trento, avviato cinque anni fa e, oggi, attivo in nove filiali dell'istituto di credito cooperativo.L' ultima attivazione a inizio settembre negli spazi rinnovati della filiale di via Belenzani a Trento.

  • ScuoLAvoro Coop - puntata 9 Mercoledì, 20 Settembre 2017

    La Cfs "CIFS - Cooperativa Informatici Senza Frontiere" costituita dalle ragazze e dai ragazzi della 3 C Informatica dell'Istituto tecnico Buonarroti-Pozzo, che hanno approfondito la conoscenza della cooperazione con Cassa Rurale di Trento e avviato un progetto in collaborazione con Ibt

  • Vincere la sfida della sostenibilità Martedì, 10 Gennaio 2017

    I giovani con le loro scelte possono vincere le sfide del futuro e realizzare un mondo dove temi quali sostenibilità ambientale e dignità sociale del lavoro siano delle priorità. E' quanto emerge dalle interviste all'economista Leonardo Becchetti e a Rainer Atzwanger di Cassa Centrale Banca, ospiti del primo appuntamento di EticaMente, il percorso formativo organizzato dall'associazione Giovani Cooperatori per avvicinare le giovani generazioni al mondo dell'economia e della finanza con...

  • Una giornata con Silvio Stefani (CR Bassa Valsugana) Lunedì, 03 Ottobre 2016

    Il racconto di Silvio Stefani, ex presidente della Cassa Rurale Bassa Valsugana. In chiusura Francesco Crepaz, della Cassa Rurale di Trento, risponde alla domanda: "Quali strumenti di accesso al credito sono previsti per una nuova cooperativa?"

  • Mondo cooperativo 2015 - puntata 8 Lunedì, 16 Maggio 2016

    In questa puntata:  - la "Filiera del riuso" delle cooperative Ge@, CS4 e Aurora - le borse di studio della Fondazione Cassa Rurale di Trento - i prossimi appuntamenti in agenda

  • Mondo cooperativo 2015 - puntata 11 Lunedì, 16 Maggio 2016

    In questa puntata: 

  • Fondazione Cassa Rurale di Trento: le borse di studio “volano” in Europa Lunedì, 28 Dicembre 2015

    La Fondazione Cassa Rurale di Trento ha premiato tre progetti di ricerca transnazionali di altrettanti giovani “cervelli” trentini. Le borse di studio assegnate spalancano le porte a progetti di studio europei e di ricerca nei campi umanistico, giuridico e scientifico.  Nel servizio l'intervista alla presidente della Fondazione Rossana Gramegna e ai tre premiati: Davide Maggipinto, Eleonora Garzia e Davide Giampiccolo.

  • Fondazione Cassa Rurale di Trento: le borse di studio “volano” in Europa Lunedì, 28 Dicembre 2015

    La Fondazione Cassa Rurale di Trento ha premiato tre progetti di ricerca transnazionali di altrettanti giovani “cervelli” trentini. Le borse di studio assegnate spalancano le porte a progetti di studio europei e di ricerca nei campi umanistico, giuridico e scientifico.  Nel servizio l'intervista alla presidente della Fondazione Rossana Gramegna e ai tre premiati: Davide Maggipinto, Eleonora Garzia e Davide Giampiccolo.

  • Caffè cooperativo 2014 - I finanziamenti alle cooperative Martedì, 08 Settembre 2015

    Gli aiuti ai giovani, i fondi mutualistici, le garanzie e fideiussioni offerte alle cooperative agricole e non solo. Il tema di questa puntata sono i finanziamenti possibili per le cooperative. Ospiti della conduttrice Elisa Dossi sono Roberto Simoni (Promocoop), Claudio Grassi (Cooperfidi) e Francesco Crepaz (Cassa Rurale di Trento).

  • Caffè cooperativo 2014 - I finanziamenti alle cooperative Martedì, 08 Settembre 2015

    Gli aiuti ai giovani, i fondi mutualistici, le garanzie e fideiussioni offerte alle cooperative agricole e non solo. Il tema di questa puntata sono i finanziamenti possibili per le cooperative. Ospiti della conduttrice Elisa Dossi sono Roberto Simoni (Promocoop), Claudio Grassi (Cooperfidi) e Francesco Crepaz (Cassa Rurale di Trento).