Cassa Rurale Val di Non: vice presidenza “rosa” Lunedì, 30 Luglio 2018

Rinnovo cariche sociali e nuove nomine ai vertici.

Ha avuto luogo in questi giorni la prima riunione del Consiglio di Amministrazione della nuova Cassa Rurale Val di Non, realtà operativa dal 1 luglio 2018, nata dalla fusione tra le Casse Rurali d’Anaunia, Bassa Anaunia, Tassullo Nanno e Tuenno - Val di Non, in un clima di unione e condivisione, da sempre alla base dell’aggregazione delle quattro Casse.

Tra i punti all’ordine del giorno, vi è stata la nomina delle cariche sociali: gran orgoglio per la nuova Cassa Rurale la designazione di Manuela Prantil al ruolo di Vicepresidente Vicario. “Forte del consenso dei soci ma soprattutto proposta all’unanimità dai componenti degli organi di amministrazione della banca, la nomina di una donna ai vertici di una Cassa Rurale rappresenta un passo in avanti verso la realizzazione di un modello cooperativo compiutamente democratico che mira anche al raggiungimento di un equilibrio di genere a tutti i livelli”, dichiara Silvio Mucchi, presidente eletto dall’Assemblea Generale dei Soci il 7 luglio scorso.

“Poter essere affiancati nella presidenza di questa grande Cassa da una donna, qualificata e impegnata, è motivo di orgoglio per l’azienda e per i soci che rappresenta”, afferma Mucchi.

Ricordiamo che la nuova Cassa Rurale può contare su 26 Filiali, 22.000 clienti di cui 10.700 Soci, 140 dipendenti. Ed anche la direzione, assegnata a Massimo Pinamonti, è affiancata da una donna, Giuliana Cova, già direttrice della Cassa Rurale d’Anaunia.

“Nell’ottica di rispetto della rappresentatività territoriale”, prosegue Mucchi “è stato nominato un secondo vicepresidente, Stefano Conforti” espressione della base sociale della ex Cassa Rurale Bassa Anaunia. “Un ulteriore riconoscimento al valore della territorialità è la programmazione di un’alternanza e rotazione delle cariche”, prosegue Mucchi. E’ previsto infatti che da gennaio 2020 subentrino al ruolo di vicepresidente vicario Mirko Busetti (Taio di Predaia) e vicepresidente Antonio Pilati (Campo di Ville d’Anaunia - ex Cassa Rurale Tassullo e Nanno).

Nel corso della seduta è stata inoltre affidata a Ivo Zucal (Romeno)la presidenza del Comitato Esecutivo mentre Roberto Fondriest (Cles)è stato nominatoVicepresidente del comitato stesso.

La nuova Cassa Rurale Val di Non presenta oggi uno staff di governance il più possibile rappresentativo del territorio di appartenenza, disponibile soprattutto ad un coinvolgimento diretto per il prosieguo del progetto di aggregazione delle quattro Casse Rurali, nonché aperto alla collaborazione e alla presa in carico delle necessità di soci e clienti.

Fonte: Cassa Rurale Val di Non

Probabilmente troverai di tuo interesse anche

  • Vincere la sfida della sostenibilità Martedì, 10 Gennaio 2017

    I giovani con le loro scelte possono vincere le sfide del futuro e realizzare un mondo dove temi quali sostenibilità ambientale e dignità sociale del lavoro siano delle priorità. E' quanto emerge dalle interviste all'economista Leonardo Becchetti e a Rainer Atzwanger di Cassa Centrale Banca, ospiti del primo appuntamento di EticaMente, il percorso formativo organizzato dall'associazione Giovani Cooperatori per avvicinare le giovani generazioni al mondo dell'economia e della finanza con...

  • Mondo cooperativo - puntata 9 Giovedì, 14 Novembre 2013

    In questa puntata: Lo chef Achille Leonardelli propone una ricetta in cui utilizza un formaggio tipico trentino, il casolet

  • La straordinaria vita di don Lorenzo Guetti /1 Mercoledì, 31 Ottobre 2012

    Rumo, 26 ottobre 2012: serata organizzata dalla Cassa Rurale di Tuenno - Val di Non sulla figura e l'opera di don Lorenzo Guetti, fondatore della cooperazione trentina. L'intervento introduttivo di don Rodolfo Pizzolli, responsabile dell'ufficio diocesano per i problemi sociali, il lavoro, la giustizia.

  • La straordinaria vita di don Lorenzo Guetti /2 Mercoledì, 31 Ottobre 2012

    Rumo, 26 ottobre 2012: serata organizzata dalla Cassa Rurale di Tuenno - Val di Non sulla figura e l'opera di don Lorenzo Guetti, fondatore della cooperazione trentina. La riflessione di don Marcello Farina, filosofo e scrittore, autore del libro "E per un uomo la Terra. Vita di Lorenzo Guetti".