Apot: Progetto Trentino Frutticolo Sostenibile. Il percorso continua Mercoledì, 10 Gennaio 2018

Prosegue l’impegno verso una visione della frutticoltura trentina sempre più sostenibile, coerente e condivisa. Annunciato per il prossimo 25 gennaio alla Cooperativa Cocea di Taio il secondo appuntamento di dialogo e confronto con il territorio

Presentati questa mattina in Conferenza Stampa presso la sede della Federazione Trentina della Cooperazione i dati di sintesi e aggiornamento dell’importante percorso messo in atto da APOT – Associazione Produttori Ortofrutticoli Trentini – nell’ambito del progetto Trentino Frutticolo Sostenibile, avviato nella primavera del 2016  e concretizzatosi lo scorso luglio nella pubblicazione del primo bilancio di Sostenibilità.

Continua sempre con intensità e organizzazione l’attività formativa che ha contato nel 2017 oltre 1.200 ore di docenza sul tema della Sicurezza e Tutela dell’Ambiente, con 8.996 presenze e 31.432 ore di formazione.

Da segnalare il progetto di informatizzazione dei Quaderni di Campagna, per una gestione moderna e funzionale, giunto ormai a due terzi del totale delle aziende e che si prevede completato entro il prossimo febbraio.

Cardine del progetto rimangono i controlli analitici della frutta, dove si è riscontrato che il 99,4% dei campioni risulta conforme.

Oltre alla consueta attività di revisione delle irroratrici, degno di nota il dato che emerge dalla raccolta di imballaggi fitosanitari ed altri rifiuti agricoli, organizzata da Apot, che evidenzia un  deciso calo nei conferimenti dal 2012 al 2017, sintomo di una maggiore consapevolezza e attenzione nell’utilizzo e smaltimento.

Particolare soddisfazione è stata espressa per il progetto Meleto Pedonabile Sostenibile, frutto della collaborazione tra APOT, FEM e CIF, in cordata ATI, che sulla base di un campionamento delle aree frutticole del Trentino ha messo in luce un livello di biodiversità del suolo e decisamente soddisfacente che ha permesso alla società CCPB che ha realizzato il lavoro di  rilasciare la prima “certificazione”  sulla base dello standard DTP 17 “Biodiversity Alliance”.  

Questo progetto, annunciato nel 2016, è entrato nella sua piena fase operativa, ma già un nuovo progetto per una “Frutticoltura alternativa sostenibile” è stato presentato per favorire il rilancio della DOP Susina di DRO e valutare l’efficacia del controllo biologico della “mosca mediterranea” con il rilascio di nemici naturali.

Prosegue poi il progetto di ricerca tra ASSOMELA e la LIBERA UNIVERSITA’ DI BOLZANO, impegnati in un percorso triennale (2017/2019) verso il miglioramento delle condizioni di uso ed efficienza dell’acqua e predisposizione di un “indice di qualità“ ambientale e produttivo per il sistema “frutteto”.

Sul tema caldo e sensibile del biologico si conferma la previsione di arrivare a 800 ha dedicati entro il 2022, con un netto incremento delle quota delle varietà “resistenti” che arriverà a circa  il  4% del totale.

"E’ passato meno di un anno dall’inizio delle attività di informazione e comunicazione che Apot ed i Consorzi associati hanno deciso di attivare per dare trasparenza e maggiore valore alle tante iniziative realizzate nel campo della sostenibilità - ha dichiarato Ennio Magnani, presidente APOT –

E già i primi risultati si sono visti, frutto del costante dialogo e confronto tra enti pubblici e privati, organismi di categoria e rappresentanze, libere associazioni e centri di ricerca. Un intenso lavoro di ricerca ed innovazione, fatto oggi anche di relazione e di condivisione, dove ognuno ha operato con la massima serietà, professionalità e concretezza, consapevole di sostenere e realizzare progetti finalizzati a garantire un futuro al nostro territorio e alle nuove generazioni”.

"Il bilancio di sostenibilità della frutticoltura trentina è la dimostrazione concreta dell'applicazione della strategia del sistema frutticolo trentino per garantire uno sviluppo sostenibile delle proprie attività – ha sottolineato Mauro Fezzi, presidente della Federazione–. Raccoglie quanto fatto finora sui diversi aspetti della sostenibilità e i risultati raggiunti gettando le basi per gli obiettivi futuri, nella logica di sviluppare un percorso il più possibile condiviso con tutti i portatori d'interesse.”

“Dobbiamo liberarci dalla chimera del biologico, – ha affermato l’assessore provinciale all’agricoltura Michele Dallapiccola – non è la panacea di tutti i mali. Inondare i campi di zolfo e di verderame non è detto che faccia bene, piuttosto, il biologico va declinato in maniera diversa rispetto ai luoghi. Il futuro invece è nella sostenibilità. La ricerca e la sostenibilità sono il vero valore riconosciuto e pagato dai consumatori”.

Il Progetto Trentino Frutticolo Sostenibile continua quindi il suo percorso nella ferma volontà di mantenere le promesse e con altrettanti ambiziosi obiettivi per il prossimo 2018, a cominciare dal secondo incontro annuale di dialogo e confronto con il territorio che avrà luogo il prossimo 25  gennaio presso la sala congressi della Cooperativa COCEA di Taio, che vedrà la partecipazione di rappresentanti di prestigio della politica, delle istituzioni e della società civile,  a cui saranno invitata la cittadinanza e rappresentanti dei diversi organismi pubblici e privati,   con la finalità di rendere tangibile l’impegno profuso dai frutticoltori nel perseguire il benessere dell’ambiente e dell’intera collettività.

Apot rappresenta i consorzi “Melinda”, "La Trentina", SFT – Società Frutticoltori Trento, Società Frutticoltori Aldeno e la Cooperativa Copag, con 6.294 soci produttori con 8.961 ettari di meleti, attraverso un sistema che occupa negli stabilimenti 1.400 lavoratori. 

Probabilmente troverai di tuo interesse anche