All’ex caseificio di Villalagarina una nuova coop sociale per la produzione di detergenti Venerdì, 25 Novembre 2016

È un elemento di assoluta novità nel panorama trentino della cooperazione sociale. La Chindet scs è una cooperativa sociale di avviamento al lavoro (tipo B): progetta, produce e vende detergenti e cosmetici, una attività industriale rilanciata in una nuova modalità organizzativa.

Nata dall’esperienza di Kaleidoscopio con i laboratori formativi nel carcere di Trento, e delle ditte specializzate Chemitech e Ferruzzi, unisce le competenze di tutti per promuovere occupazione tra le persone svantaggiate.

Capitale sociale di 400mila euro, 25 persone occupate e tre milioni di giro d’affari. Con ottime prospettive di crescita.

 Inaugurata stamani a Villalagarina la nuova sede produttiva della cooperativa Chindet, nello stabilimento recuperato dal vecchio caseificio Sav-Latte Trento di 4000 metri quadri di superficie (più i piazzali esterni), ora di proprietà di Cooperfidi.

Costituita il primo ottobre 2015 come cooperativa sociale di inserimento lavorativo, occupa 25 persone ed è impegnata nella realizzazione di prodotti detergenti e cosmetici, dalla loro progettazione alla vendita diretta.

La sua è una storia esemplare, e rappresenta una assoluta novità nel panorama trentino. È la prima volta infatti che una cooperativa sociale è impegnata direttamente sull’intera filiera di creazione di un prodotto industriale, dalla sua progettazione alla vendita.

L’dea

L’iniziativa nasce dall’esperienza di tre cooperative sociali: Kaleidoscopio (coop sociale di tipo A) che si occupa di formazione di persone svantaggiate, e Le Coste e Venature, coop sociali di tipo B che invece sono impegnate in progetti di avviamento al lavoro.

Dall’altra parte c’è una impresa, la Chemitech srl, che da anni opera nel campo della progettazione e  produzione di detergenti, disinfettanti, cosmetici, naturali e biologici. A sua vota Chemitech è partecipata da Ferruzzi srl, una ditta che si occupa di commercializzazione di prodotti e macchinari servendo imprese di pulizia, lavanderie, alberghi e ristoranti, pubbliche amministrazioni.

Unendo le rispettive competenze, è nata così Chindet scs. Attraverso la formula dell’affitto di ramo d’azienda, ha rilevato l’attività di Chemitech, acquisendo i macchinari che ha installato nei locali fino ad ora dismessi lasciati liberi dall’ex caseificio.

Il progetto è sostenuto anche da Promocoop spa. Partnership anche con Gruppo 78.

Fondamentale per la nascita di questa impresa è stata l’esperienza di Kaleidoscopio presso la Casa Circondariale di Trento. In tale contesto, la commessa di confezionamento di prodotti detergenti affidata da Chemitech  ha consentito ai detenuti in formazione di vivere una dimensione produttiva reale. Ad oggi i detenuti coinvolti nel percorso formativo per l’acquisizione dei pre–requisiti lavorativi sono stati circa 950, passando dai circa 30 del primo anno ai circa 200 del 2014.

La Chindet dà lavoro a 4 persone operanti all’interno della Casa Circondariale di Trento

L’inaugurazione

L’elemento centrale nell’attività della cooperativa è la valorizzazione del lavoro – ha detto oggi all’inaugurazione il suo presidente Michele Odorizzi – ma ci poniamo ambizioni obiettivi produttivi per allargare la produzione e i nostri mercati. Questo è un progetto di recupero e di rilancio”.

“Questa è una vera impresa sociale di comunità – ha affermato la presidente di ConSolida Serenella Cipriani – di inclusione sociale, in cui possono essere espressi i vali talenti”.

“Questa è una bellissima storia di ricomposizione – ha detto l’assessore all’economia Alessandro Olivi- è un modo di fare inclusione sociale investendo su questa alleanza tra le risorse umane e i fattori della produzione. Credo che questa cooperativa sociale possa rappresentare oggi non solo un modello ma la punta più avanzata di una nuova stagione.

Nessuno può essere escluso da una stagione di rinascita dell’economia, più giusta e più solidale”.

La dimensione produttiva

Core business di Chindet coinciderà, per lo meno in una prima fase, con quello fin qui realizzato da Chemitech, ossia la progettazione, produzione e vendita diretta di prodotti chimici, detergenti, disinfettanti, cosmetici, naturali e biologici.

Alla linea tradizionale di prodotti riservati alle aziende per uso professionale, si affianca una produzione bio che è destinata alla Gdo.

L’attuale produzione è di 3 milioni di litri all’anno, ma lo stabilimento di Villalagarina è in grado di assorbirne il quadruplo.

La dimensione sociale

Obiettivo di Chindet è quello di offrire opportunità lavorative attraverso la definizione di percorsi individualizzati di inserimento lavorativo per persone svantaggiate, mediamente lunghi (contratti a tempo indeterminato), che consentiranno di sviluppare identità lavorativa, capacità di socializzazione in contesto lavorativo e competenze professionali generali e specifiche del settore.

I lavoratori assunti saranno individuati sia all’interno dei laboratori formativi gestiti dalla cooperativa Kaleidoscopio, sia nella relazione con i servizi sociali di zona o altre agenzie del territorio.

L’attività di inserimento lavorativo prevede l’affiancamento continuo da parte dei responsabili di produzione che svolgono al contempo il ruolo di tutor all’inserimento lavorativo. Essi supporteranno le persone nell’attività di produzione vera a propria e sosterranno il percorso di crescita personale e professionale. I tutor inoltre, svolgendo il necessario controllo della qualità sulle produzioni, valuteranno al contempo la performance lavorativa dei detenuti e l’adesione al progetto di inserimento lavorativo. 

Probabilmente troverai di tuo interesse anche

  • La vera storia dei bambini di strada di Nairobi Venerdì, 02 Marzo 2018

    Allo Smart Lab di Rovereto, martedì 6 marzo, alle 20.30, la presentazione in anteprima del film “Ten years later”, che racconta la vera storia di otto ragazzi della baraccopoli di Kibera che hanno scelto di lasciare la strada per entrare nella casa di accoglienza istituita da Koinonia Community. Alla serata interverrà il fondatore della Comunità, padre Kizito Sesana, da 40 anni missionario comboniano in Africa, scrittore.

  • Valore lavoro 2014 - Giralaruota Venerdì, 09 Gennaio 2015

    Gira la Ruota è un' officina in cui si recuperano, restaurano e riparano biciclette. Nell'officina lavorano educatori della cooperativa sociale Kaleidoscopio insieme a ragazzi che hanno voglia di sperimentarsi in questa attività. In questo spazio si impara l'arte della manutenzione della bicicletta e il lavorare insieme facendo qualcosa di utile per la comunità.

  • Nuovi bisogni, nuovo welfare: i servizi per gli anziani Lunedì, 20 Gennaio 2014

    In questa quarta puntata della rubrica vengono presentati alcuni dei servizi dedicati agli anziani e alla loro cura offerti dalle cooperative trentine. Si va dall'assistenza domiciliare offerta dalla cooperativa Fai, all'assistenza e animazione proposta dalla cooperativa Kaleidoscopio fino all'innovativo co-housing per anziani ideato dalla cooperativa Sad