Aggiornamento mercato mele Italia e previsioni produzioni ed export Emisfero Sud Venerdì, 14 Febbraio 2020

L’11 febbraio scorso il Comitato Marketing di Assomela ha esaminato le giacenze italiane e la situazione di mercato, nonché le previsioni di produzione e di export dell’Emisfero Sud, comunicate durante l’ultimo incontro di Wapa a Berlino.

Si parla di:

In linea con quanto già accaduto in dicembre, anche le vendite del mese di gennaio sono state piuttosto vivaci, con vendite che hanno sfiorato le 196.000 tons. superando così la media dello stesso periodo delle passate quattro stagioni.  

Per tutte le varietà si registra un perfetto allineamento tra de-stoccaggio e produzione.  Per la Golden, la giacenza è la più bassa delle ultime dieci stagioni (escluso il gennaio del 2018) e del 15% inferiore alla media, con vendite sostenute nel mese di gennaio. Stessa situazione per la Red Delicious con uno stock di 100.000 tons, del 24% inferiore rispetto alla scorsa stagione. Le vendite di Gala in gennaio sono procedute come previsto dai piani di decumulo, esattamente come per la Granny Smith con giacenze tra le più basse degli ultimi anni e inferiori alle 54.000 tons. Buona prestazione anche per la varietà Fuji, con stocks al di sotto della media delle ultime stagioni. Per tutte le altre varietà, tra cui in modo particolare le varietà club, i piani di vendita procedono regolarmente così come inizialmente impostati.

Per comprendere le dinamiche del mercato nei prossimi mesi è utile anche osservare le previsioni di produzione dei paesi dell’emisfero sud, ma soprattutto le loro previsioni di esportazione, in modo particolare, ovviamente, verso l’Europa.

A livello produttivo, secondo i dati Wapa, la produzione dei paesi dell’emisfero sud dovrebbe essere in linea con quella degli anni precedenti, superando di poco le 5 milioni di tons. La Gala rimane la varietà principale con un raccolto che dovrebbe avvicinarsi a 2 milioni di tons, seguita da Fuji e da Red Delicious.

In generale, si prevede che le esportazioni rimarranno stabili, vicine a 1,7 milioni di tons. La grande differenza rispetto al passato sta però nel fatto che la quota di prodotto destinata all’Europa, come accade da qualche anno a questa parte si prevede ulteriormente a ribasso.

Allegato: testo con tabelle dati. 

Fonte: Assomela

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Elaborazione WAPA fonte Eurostat

 

Valutando dunque le condizioni attuali del mercato nazionale e considerate altresì le previsioni di export da parte dei paesi dell’Emisfero Sud, per le mele italiane si confermano buone prospettive sia in Italia che all’export.

 

 

 

 

Assomela s.c. è il Consorzio delle Organizzazioni di Produttori di mele italiani che rappresenta l’80% della produzione melicola nazionale, a cui si associano le OP VOG (Marlene), VIP, VOG Products e il Consorzio FROM della Provincia di Bolzano, Melinda, “la Trentina” e Mezzacorona della Provincia di Trento, Nord Est della Regione Veneto, Melapiù della Regione Emilia Romagna, Rivoira e Lagnasco della Regione Piemonte, Friulfruct del Friuli Venezia Giulia e Melavì della Regione Lombardia.

Probabilmente troverai di tuo interesse anche

  • Mele sostenibili sui banchi d'università Lunedì, 24 Novembre 2014

    Sono uno dei frutti che, dalla raccolta alla vendita, producono meno anidride carbonica. Parliamo delle mele, la cui impronta carbonica, vale a dire la quantità di emissioni, è comunque ancora migliorabile. Lo dice lo studio realizzato in collaborazione con Assomela e presentato oggi alla Libera Università di Bolzano. Magnani e Dalpiaz: “Risultati che applicheremo alla pratica per migliorarci”. Il prof Tagliavini: “I produttori dovranno usare energie rinnovabili, ma servirà anche...

  • 6000 mele alla conquista di Bruxelles e di nuovi mercati Lunedì, 24 Novembre 2014

    6000 mele Dop e Igp, dal Trentino e dall'Alto Adige, alla conquista di Bruxelles, sui banchi del Consiglio Agri. E in cerca di nuovi mercati. Interviste a: Maurizio Martina, ministro Agricoltura Alessia Mosca, europarlamentare

  • Bruxelles, le mele e i nuovi mercati Giovedì, 13 Novembre 2014

    Oltre al Nord Africa dove sono già protagoniste, Oriente e Nordamerica sono tra le prossime mete per le mele regionali. Ma dai negoziati in corso nell'Unione europea si aprono buone prospettive per Canada, Giappone, Vietnam e Singapore. Da "aggredire" puntando su qualità e territorio.Tra le priorità, salvaguardare Dop e Igp negli accordi con gli Stati Uniti.L'europarlamentare Alessia Mosca (Commissione commercio internazionale) ai produttori trentini e altoatesini: "il Canada...

  • Bruxelles, Varesco: "Insieme si vince" Giovedì, 13 Novembre 2014

    "L'unione fa la forza". Parola di Franz Varesco, presidente della Cooperativa Vog, a Bruxelles con le 6mila mele trentine e altoatesine per il Consiglio dei Ministri Agri. Impressioni sull'incontro con il Ministro Martina e con Alessia Mosca della Commissione Commercio Internazionale del Parlamento Europeo

  • Bruxelles, Odorizzi: "Innovazione per il futuro" Giovedì, 13 Novembre 2014

    Per Michele Odorizzi, presidente di Melinda, a Bruxelles con le 6mila mele trentine e altoatesine per il Consiglio dei Ministri Agri, la sfida del futuro è quella dell'innovazione. Sui mercati, ma anche nel prodotto per quel che riguarda le varietà.

  • Bruxelles, Magnani: "Il governo ci supporti" Giovedì, 13 Novembre 2014

    "Un aiuto nell'internazionalizzazione sarebbe stato utile. In ogni caso, dobbiamo salvare Dop e Igp, garanzia di qualità". Ennio Magnani, presidente di Apot e Assomela, a Bruxelles con le 6mila mele trentine e altoatesine per il Consiglio dei Ministri Agri.

  • Bruxelles, Dorfmann: "Salviamo Dop e Igp sul mercato globale" Giovedì, 13 Novembre 2014

    "Difendere Dop e Igp a livello globale è fondamentale" ha detto Herbert Dorfmann, europarlamentare e membro della Commissione per l'Agricoltura e lo Sviluppo Rurale, a Bruxelles con le 6mila mele trentine e altoatesine per il Consiglio dei Ministri Agri.

  • Bruxelles, Koessler: "Le nostre mele sono andate a ruba" Giovedì, 13 Novembre 2014

    "Abbiamo fatto bene...oltre a fare bella figura. Le mele sono andate a ruba ed è stata un'ottima occasione". Lo ha detto Gorg Koessler, presidente di Marlene, a Bruxelles con le 6mila mele trentine e altoatesine per il Consiglio dei Ministri Agri.

  • Bruxelles, Dietl: "Scopriamo nuovi mercati" Giovedì, 13 Novembre 2014

    "Un'ottima occasione per comprendere quali siano i nuovi mercati. Oltre agli Stati Uniti, l'India". Così Karl Dietl di Assomela, a Bruxelles con le 6mila mele trentine e altoatesine per il Consiglio dei Ministri Agri.

  • Bruxelles, le mele e il ministro Martina Mercoledì, 12 Novembre 2014

    Seimila confezioni di mele sui banchi del consiglio europeo agricoltura, durante il vertice dei ministri comunitari che si tiene oggi e domani nella capitale europea. Una iniziativa che mette in mostra l'eccellenza della produzione frutticola regionale e il valore di un territorio e una economia cooperativa. I complimenti del presidente di turno, il ministro italiano Maurizio Martina: “una iniziativa che ha fatto fare bella figura all'Italia”.