A Ravina mele bio e agricampeggio Mercoledì, 12 Febbraio 2020

Sui terreni di Fondazione Crosina Sartori Cloch anche asparagi, pere e progetti di inclusione sociale. L’Ati con Sft, Cantina Trento, Con.Solida e Tuttoverde si è aggiudicata il bando di gestione per i prossimi 15 anni

A coltivare i 56 ettari di terreno agricolo della Fondazione Crosina Sartori Cloch sarà un’associazione temporanea di imprese che unisce la Società frutticoltori Trento, Con.Solida, la Società agricola Tuttoverde e la Cantina sociale di Trento.

«Sarà una gestione – spiega la presidente della Fondazione Debora Vichi – che consentirà di valorizzare al meglio questa vasta area: migliorerà e differenzierà la produzione di uve e mele così strettamente connessa all’identità del Trentino; punterà verso il biologico, prevedendo anche una parziale reintroduzione della pera; consentirà di attivare progetti sociali finalizzati all’inserimento lavorativo e alla formazione di persone svantaggiate. Ci saranno altre due interessanti novità: l’Ati che ha vinto il bando si è impegnata a dar vita a un agricampeggio e a introdurre anche la produzione di asparagi. Insomma: il progetto è davvero convincente, puntando non solo sull’offerta economica ma anche sulla mutualità cooperativa, sull’ambiente, la solidarietà, l’inclusione e la tipicità. Insomma: un progetto decisamente in linea con gli scopi della Fondazione Crosina Sartori Cloch».

L’area comprende fondi rustici e immobili siti a Trento, nei comuni catastali di Mattarello e Ravina. L’azienda agricola – di fatto una delle più vaste del Trentino – è composta da due corpi: uno in località Nogarole con meleti, l'altro in località Maso Giuliani, Belvedere, Zanchetta e Maso Bianchi con viti.

Gli aggiudicatari potranno suddividere la coltivazione dei terreni affidandola a soci o associati: questo significa che saranno gli stessi contadini affiliati a Cantina sociale di Trento  e Sft a lavorare sul territorio. Sft si è impegnata anche a “garantire che almeno il 50% dell’area frutticola messa a bando sarà a conduzione biologica” e il 100% delle aree destinate all’asparago e agli orti sociali (parliamo di circa 2 ettari) sarà coltivata con tecniche di agricoltura biologica o biodinamica. Per il resto della produzione, si punterà comunque alla coltivazione integrata.

Saranno Con.Solida e Tuttoverde a realizzare il progetto sociale di inserimento lavorativo e formazione, socializzazione al lavoro, tirocini formativi e inclusione sociale, confrontandosi costantemente con Fondazione Crosina Sartori Cloch. Lavoreranno sui 2 ettari dedicati a orto e a prodotti di nicchia e sul progetto di agricampeggio. Potranno essere coinvolte le scuole e saranno attivati percorsi di coinvolgimento rivolti ai consumatori – clienti. Ci saranno anche le collaborazioni del Biodistretto di Trento e di Nutrire Trento.

Fonte: Uffucio stampa Comune di Trento

Probabilmente troverai di tuo interesse anche

  • Un Manifesto per comunicare la disabilità Mercoledì, 13 Novembre 2019

    Studi internazionali dimostrano che spesso l'emarginazione delle persone con disabilità non è determinata dalla menomazione, ma dallo sguardo che posiamo su di loro, a livello individuale e collettivo. Uno sguardo alimentato dalla narrazione mediatica che oscilla ancora tra l'occultamento e il pietismo, ma anche dalla rappresentazione di chi con la disabilità convive quotidianamente, come le famiglie e gli operatori.Sul tema Consolida, con l'Ordine dei giornalisti del Trentino Alto –...

  • Il progetto INNO-WISEs Mercoledì, 26 Giugno 2019

    L'attività di alcune cooperative sociali trentine, che nei prossimi mesi parteciperanno alla fase di test della piattaforma ICT per le WISEs (Work Integration Social Enterprises – Cooperative di inserimento lavorativo) progettata dai partner del progetto INNO-WISEs, nel video realizzato dalla cooperativa sociale Relè.Il progetto è finanziato dal programma INTERREG Central Europe e la Federazione Trentina della Cooperazione ne...

  • Abitare inclusivo: l'esperienza di Pordenone Sabato, 27 Ottobre 2018

    Al convegno organizzato da Consolida su "L'abitare inclusivo delle persone con disabilità in Trentino: modelli ed esperienza", Luisa Montico, della Fondazione Down Friuli Venezia Giulia, ha portato l'esperienza avviata nel 2001 a Pordenone che ha già permesso a molte persone di costruirsi una vita autonoma.

  • Cos'è l'abitare inclusivo Sabato, 27 Ottobre 2018

    Quando si parla di abitare inclusivo cosa si intende? Perchè è un tema fondamentale nella creazione di condizioni di vita autonoma per persone con disabilità? Lo spiega Piergiorgio Reggio, presidente della Fondazione Demarchi, intervenuto al convegno organizzato da Consolida su "L'abitare inclusivo delle persone con disabilità in Trentino: modelli ed esperienze"

  • L'esperienza dell'abitare inclusivo della cooperazione sociale trentina Sabato, 27 Ottobre 2018

    In occasione del convegno organizzato da Consolida sul tema dell'abitare inclusivo delle persone con disabilità, la vicepresidente Francesca Gennai fa il punto sui risultati e sull'esperienza raggiunta in questo ambito

  • Elezioni: i candidati presidente rispondono alle proposte della cooperazione sociale Giovedì, 18 Ottobre 2018

    Condensate in cinque punti, il Consolida ha illustrato ai candidati alle elezioni del 21 ottobre le proprie proposte su welfare e lavoro per il futuro del Trentino. Nel video, le impressioni e gli impegni dei candidati presidente che hanno partecipato all'incontro: Ugo Rossi (Patt), Giorgio Tonini (Alleanza democratica e popolare), Antonella Valer (Sinistra per il Trentino), Paolo Primon (Popoli Liberi), Roberto De Laurentis (Tre).

  • Le proposte alla politica della cooperazione sociale Lunedì, 15 Ottobre 2018

    Condensate in cinque punti, il Consolida ha illustrato ai candidati alle elezioni del 21 ottobre le proprie priorità su welfare e lavoro per il futuro del Trentino. Nel video, le interviste a Serenella Cipriani, presidente di Consolida, e alla vicepresidente Francesca Gennai.

  • I progetti finanziati con il fondo sociale di etika Martedì, 04 Settembre 2018

    Sono 36.300 i trentini che hanno aderito a etika, l'offerta della Cooperazione Trentina (Federazione, Cassa Centrale Banca, Sait – Famiglie Cooperative, Consolida e la cooperativa sociale La Rete) e di Dolomiti Energia per l'acquisto di luce e gas.Oltre a beneficiare di uno sconto in bolletta e di numerose altre agevolazioni, i sottoscrittori hanno anche generato un vantaggio sociale, poiché per ogni contratto firmato Dolomiti Energia si è impegnata a versare ogni anno 10 euro al...

  • Il Luogo del Dono: bilancio dei primi due anni di attività Martedì, 21 Agosto 2018

    A settembre 2016 cinque organizzazioni no profit hanno lanciato in Trentino la campagna Il Luogo del Dono con l'obiettivo di promuovere la cultura del lascito testamentario a favore di realtà che operano senza fini di lucro.  I promotori dell'iniziativa sono: la cooperativa Progetto 92, Mandacarù, La Rete . l'associazione Amministratori di Sostegno di Trento e la cooperativa Monteverde di Verona. Ecco in cosa consiste il progetto e come sta andando

  • Il luogo del dono Martedì, 19 Giugno 2018

    Il Luogo del Dono nasce dall'incontro di cinque realtà del privato sociale trentino e veneto, che hanno deciso di intraprenderei un percorso comune di crescita e sensibilizzazione sul tema del dono, in particolare attraverso la forma dei lasciti testamentari.Il Luogo del Dono nasce da una condivisione, tra le realtà aderenti, di approcci valoriali, di legame ai territori di appartenenza e di trasparenza nella gestione delle risorse.Per saperne di più: www.luogodeldono.it