In 300 raccontano la cooperazione a scuola Giovedì, 18 Maggio 2017

Oltre 300 ragazze e ragazzi hanno partecipato a “ACS Reporter – Storie di cooperazione a scuola”, iniziativa di educazione cooperativa proposta dalla Federazione, raccontando la propria esperienza di cooperazione a scuola. Oggi le premiazioni. I migliori lavori quelli delle cooperative scolastiche della scuola primaria di Roverè della Luna e della scuola secondaria di primo grado di Lavis. Premio speciale all’Acs della scuola primaria di Zivignago

> guarda alcuni dei lavori realizzati dalle Acs  

Hanno raccontato la propria esperienza di cooperazione a scuola editando un giornale scolastico, cartaceo o on line, oppure documentando la loro attività con foto o videoreportage. Sono gli oltre 300 giovani soci e socie delle associazioni cooperative scolastiche iscritte alla prima edizione di “ACS Reporter - Storie di cooperazione a scuola”, l’iniziativa proposta per l’anno scolastico 2016/17 dall’Ufficio educazione e cultura cooperativa della Federazione.

Ai giovani reporter è stato chiesto di impegnarsi nella narrazione in stile giornalistico dell’esperienza nella loro associazione cooperativa scolastica (Acs), prestando particolare attenzione al processo democratico, alla solidarietà, ai valori e principi cooperativi nel loro complesso, al coinvolgimento delle realtà cooperative e delle comunità locali. “L’obiettivo – spiega Egidio Formilan, responsabile dell’ufficio – è quello di far emergere le bellissime esperienze, le emozioni e i profondi valori espressi da ogni Acs, laboratorio di cooperazione e patrimonio formidabile di conoscenze, relazioni, progetti, idee ed energie”.

All’iniziativa, aperta a tutte le Acs attive nelle scuole di ogni ordine e grado della Provincia Autonoma di Trento, hanno aderito 15 cooperative scolastiche per un totale di circa 300 alunni. A valutare i lavori presentati un’apposita commissione, che ha analizzato ogni aspetto, prestando particolare attenzione all’efficacia del racconto dal punto di vista della comunicazione.

Oggi le premiazioni in sala della cooperazione, aperte dal saluto del presidente della Cooperazione Trentina Mauro Fezzi. “Avete seguito un importante percorso – ha detto Fezzi – che vi ha permesso di comprendere e sperimentare il lavoro in cooperativa, iniziando così a conoscere un sistema molto radicato in Trentino”. Soddisfazione condivisa da Nicoletta Zanetti, del Dipartimento della conoscenza della Provincia Autonoma di Trento, che ha sottolineato in particolare l’importanza dei valori cooperativi e del saper lavorare insieme che hanno caratterizzato il lavoro delle cooperative scolastiche.

Primo classificato della categoria scuola primaria è stato giudicato il lavoro dell’Acs “Amici del melo” della scuola elementare di Roverè della Luna. Al secondo posto l’Acs “Sogno Smarrito” della scuola primaria Focherini-Marchesi di Rumo e al terzo l’Acs “Borgo” della scuola elementare di Borgo.

Per la categoria scuola secondaria di primo e secondo grado, primo posto assegnato alla “CCSR” della scuola media di Lavis, secondo all’Acs “Si, C siamo” della scuola media Pascoli di Povo e terzo all’Acs “Joined hands” del Liceo Filzi di Rovereto.

Il premio speciale, assegnato da una giuria di giornalisti, è andato all’“Acs del cuore” della scuola primaria di Zivignago.

I premi assegnati sono buoni da spendere nell’ambito dell’attività scolastica: i primi classificati potranno utilizzarlo per un viaggio di istruzione, i secondi per acquistare materiale scolastico e i terzi potranno spenderlo in libreria, mentre i vincitori del premio speciale avranno un buono per stampare il proprio giornalino scolastico.

A consegnare ai premiati il loro riconoscimento si sono alternati sul palco Stefano Plotegheri, consigliere di Mandacarù che ha presentato il commercio equo e solidale, Walter Liber, responsabile dell’ufficio stampa della Federazione che ha consegnato il premio speciale, Cristina Galassi, coordinatrice del mensile Cooperazione tra consumatori che ha esortato i ragazzi a continuare lungo il percorso intrapreso, e Arianna Giuliani, dell’ufficio di educazione cooperativa della Federazione che ha colto l’occasione anche per ringraziare i docenti che hanno collaborato all’attività delle Acs.