Casse Rurali, si insedia l’ente bilaterale. Eletto il comitato di gestione Martedì, 14 Febbraio 2017

Prima assemblea ed elezione del comitato di gestione e collegio sindacale per l’Ebicre, l’ente bilaterale delle Casse Rurali ed enti collegati che dovrà gestire il fondo per l'occupazione e progetti di riqualificazione del personale. Presidente Italo Stenico (Cr Trento), vice Domenico Mazzucchi (Fabi).

Primo appuntamento dell'assemblea dei delegati dell'Ente bilaterale delle Casse rurali trentine ed enti collegati, in sigla E.bi.c.r.e. L’organismo dovrà gestire il Fondo per l’occupazione (Focc), la formazione e la riqualificazione degli addetti del settore.

L’Ente era stato costituito davanti al notaio il 21 ottobre 2015, come concordato a luglio 2015 con il sindacato Fabi. L’accordo del dicembre corso con Fabi e Sinadi (il sindacato dei dirigenti) ha permesso di far partire operativamente l’Ente.

L'assemblea di insediamento, costituita da 24 componenti (12 per parte datoriale e 12 sindacale), ha eletto oggi il comitato di gestione e i componenti del collegio sindacale.

Il presidente del Comitato è Italo Stenico (vicepresidente Cassa Rurale di Trento), vice Domenico Mazzucchi (segretario del sindacato dei bancari Fabi), componenti per la parte datoriale Enrico Campregher (vice pres. Cr Alta Valsugana), Sandro Bolognesi e Stefano Uber (indicati dalla Cassa Centrale Banca), e per la parte sindacale Gianni Debiasi (Cr Bassa Vallagarina), Cristina Nicolussi (Cr Giudicarie Valsabbia Paganella) e Carlo Tonelli (Cr Alto Garda).

Presidente del collegio sindacale è la dott. Cristina Odorizzi (libera professionista, presidente del collegio sindacale Cr Tuenno Val di Non). I componenti sono: sindaci parte datoriale Michele Goller (direttore Cr Alta Vallagarina), supplente Paolo De Francesco (direttore Cr Fiemme); per parte sindacale Diego Delvai (Cr Centro Fiemme Cavalese), supplente Franco Antolini (Cr Adamello Brenta).

Per il vicepresidente della Federazione Cesare Cattani “ quello di oggi è un momento che sancisce l'inizio dei lavori di questo strumento innovativo, con la necessità di un certo tempo per costruire ampia adesione e modalità per intervenire con efficacia rispetto a soluzioni e necessità. Con l’insediamento entra in pieno nell'operatività affrontando da subito la costruzione dei regolamenti e lo sviluppo dei meccanismi che poi porteranno a gestire gli esuberi”.

“L’Ente bilaterale – afferma il segretario della Fabi Domenico Mazzucchi - rappresenta un ulteriore strumento di concertazione all'interno di un sistema di relazioni sindacali partecipato e avanzato, che continua nel solco della Cassa mutua e del Fondo pensione.

È una prova della capacità del sistema trentino di innovazione anche rispetto ad altre iniziative nazionali spesso annunciate ma finora non concretizzate.

Questo – prosegue Mazzucchi - è un momento cruciale per le Casse rurali, che chiude due anni di intenso lavoro per costruire uno strumento a disposizione delle Casse per favorire la ristrutturazione del sistema. La scommessa di tutte e due le parti è quella di farlo in maniera condivisa, salvaguardando sia le aziende sia i lavoratori”.

Il Fondo per l’occupazione (in sigla Focc) è una sezione speciale dell'Ente bilaterale, che si occuperà anche di formazione, riqualificazione professionale e ricollocazione.

L'assemblea si riunirà la prossima volta l'otto marzo per esaminare ed approvare la proposta del regolamento formulata dal comitato di gestione.

La modalità di contribuzione al Focc prevede il versamento al Fondo di duemila euro a dipendente per almeno due anni da parte dell'azienda. Attualmente i dipendenti del sistema sono 2047 nelle Casse Rurali e 595 degli enti centrali (equivalenti a numero di occupati a tempo pieno)

Lo strumento è a disposizione delle aziende del sistema per favorire il loro efficientamento. In particolare il meccanismo favorisce l’avvio al prepensionamento attraverso il sostegno delle aziende. Si prevede che a breve potranno uscire circa 140 persone.

Ma lo strumento può aiutare anche sotto altri profili: favorire il ricambio generazionale, l'assunzione di giovani e l’investimento sulla professionalità dei lavoratori che rimangono attraverso la formazione.

Probabilmente troverai di tuo interesse anche

  • Prima edizione di Coop Campus con gli studenti di Norcia Mercoledì, 19 Luglio 2017

    Cinte Tesino ha ospitato la prima edizione di Coop Campus Young, la scuola estiva di formazione cooperativa della Federazione Trentina della Cooperazione, promossa con il patrocinio della Provincia. All'iniziativa hanno partecipato 11 studenti delle scuole superiori di Norcia, uno dei centri maggiormente colpiti dal terremoto dello scorso anno.Intervenendo all'inaugurazione del Campus, il direttore generale della Federazione, Alessandro Ceschi, e Livia Ferrario, responsabile del...

  • ScuoLAvoro Coop - puntata 3 Martedì, 27 Giugno 2017

    La Cfs "Giovani cooperatori uniti" dell'Istituto Degasperi di Borgo Valsugana

  • ScuoLAvoro Coop - puntata 2 Venerdì, 23 Giugno 2017

    La III OG del liceo Rosmini di Trento ha costituito quest'anno la CFS "Applicando". Primo impegno di questa nuova impresa, la gestione del punto informativo di Educa.

  • Assemblea Federcoop 2017: luci, ombre e opportunità Venerdì, 09 Giugno 2017

    In occasione dell'assemblea 2017 della Federazione Trentina della Cooperazione, il presidente Mauro Fezzi e il direttore Alessandro Ceschi fanno un quadro dello stato di salute del movimento e delle sfide che lo attendono

  • Patto Federazione-Provincia per il rilancio del Trentino Venerdì, 09 Giugno 2017

    Federazione Trentina della Cooperazione e Provincia autonoma di Trento hanno individuato dieci specifici e reciproci impegni su altrettanti temi fondamentali: dai servizi decentrati sul territorio al lavoro, dalla vigilanza agli appalti, dalla formazione alle risorse a disposizione. Azioni concrete ad ampia ricaduta. A presentare l'accordo il direttore della Federazione Alessandro Ceschi e il presidente Pat Ugo Rossi

  • Convegno 2017 cooperative settore credito Mercoledì, 07 Giugno 2017

    Il sistema delle 36 Casse Rurali Trentine (340 sportelli e 2.212 dipendenti) si conferma solido e pronto alla realizzazione della fase centrale della riforma, attraverso il consolidamento patrimoniale, la razionalizzazione dei costi e la pulizia del portafoglio crediti. Cesare Cattani, vicepresidente della Federazione Trentina della Cooperazione per il settore del credito, fa il punto della situazione e parla del futuro ruolo della Federazione

  • ScuoLAvoro Coop - puntata 1 Lunedì, 05 Giugno 2017

    Egidio Formilan, responsabile dell'Ufficio di educazione e cultura cooperativa della Federazione, e Laura Pedron, responsabile del  Servizio istruzione e formazione di secondo grado della Provincia autonoma di Trento, spiegano cosa sono le Cfs e il loro ruolo all'interno della riforma della “buona scuola”.

  • La Cooperazione Trentina per lo sviluppo in Medio Oriente Giovedì, 01 Giugno 2017

    Firmato il protocollo tra Federazione Trentina della Cooperazione e Fondazione Giovanni Paolo II per la realizzazione di progetti di cooperazione internazionale in Medio Oriente. A giugno il via al primo progetto in Giordania

  • Convegno 2017 settore Famiglie Cooperative Mercoledì, 31 Maggio 2017

    Crescono dell'1,4% le vendite delle 73 Famiglie Cooperative trentine, raggiungendo i 333 milioni di euro. I presidenti, riuniti nell'annuale convegno di settore, si sono interrogati sull'adeguatezza di questo modello, basato su 363 punti vendita, dei quali 202 di prossimità, di piccole dimensioni, unici riferimenti commerciali di altrettante località.

  • Convegno 2017 cooperative settore Lssa Mercoledì, 31 Maggio 2017

    In Trentino le cooperative di lavoro, sociali, servizio e abitazione sono 273. Il valore della loro produzione è aumentato nel 2016 del 7,5% rispetto all'anno precedente. In espansione anche gli occupati, cresciuti di 747 unità. In flessione il numero delle coop che hanno chiuso in perdita. L'assemblea annuale del settore ha offerto anche l'occasione per una approfondita riflessione sul tema del lavoro.