Casse Rurali dell’Alta Valsugana. Partito il percorso di fusione Lunedì, 25 Gennaio 2016

Via libera dai rispettivi consigli di amministrazione, a maggio le assemblee dei soci. Obiettivo: arrivare all’operatività dal primo luglio.

La nuova “Cassa Rurale Alta Valsugana” sarà tra le prime in Trentino per dimensioni, con una raccolta di 1,68 miliardi e impieghi per 1,15. E sarà molto solida, con un patrimonio di oltre 180 milioni e un indice di solidità (CET1 Ratio) superiore al 17%. Saranno garantiti l’occupazione e il presidio sul territorio.

Il nome c’è, si chiamerà Cassa Rurale Alta Valsugana, e sarà un istituto di credito formato dalle attuali quattro Casse Rurali di Pergine, Caldonazzo, Levico Terme e Pinetana Fornace e Seregnano. Il percorso che potrebbe portare alla fusione (l’ultima parola spetta sempre ai soci) è stato definito oggi in una riunione operativa tra i presidenti e direttori dei quattro istituti, dopo che i rispettivi consigli di amministrazione avevano approvato nei giorni scorsi il piano complessivo.

Il progetto di fusione è stato consegnato in Banca d’Italia lo scorso 22 gennaio per l’approvazione. Nel mese di maggio sono previste le assemblee straordinarie dei soci che dovranno dare il via libera. L’obiettivo è di rendere operativa la nuova Rurale già dal primo luglio. Nel corso dello stesso mese dovrebbe svolgersi la prima assemblea con l’elezione degli organi sociali.

Secondo il progetto di fusione, per un periodo iniziale (il primo mandato triennale) saranno rispettate le rappresentanze territoriali: il consiglio di amministrazione sarà composto da otto membri, due consiglieri a testa provenienti dai quattro territori di competenza più il presidente che sarà espressione della Rurale di Pergine, in quanto incorporante. Le altre Rurali saranno comunque rappresentate in organismi istituzionali del nuovo istituto bancario. La direzione sarà affidata a Paolo Carazzai, da pochi mesi direttore della Rurale di Pergine.

Una realtà molto solida

La nuova Rurale - dopo una impegnativa operazione di accantonamenti prudenziali a fronte di possibili svalutazioni del credito e garanzie ad esso collegate, che porterà alla copertura media dei crediti deteriorati attorno al 45% (attualmente il totale di sofferenze e inadempienze probabili, ex incagli, ammonta a circa il 30%) - partirà con una solida dotazione patrimoniale: 180 milioni di euro.

L’indice di patrimonializzazione (Core Tier1) raggiungerà il 17,8%, una soglia molto più elevata rispetto a quanto richiesto dalle autorità di vigilanza (10,5%) ma anche al di sopra della media del sistema bancario nazionale e locale.

La raccolta totale di partenza (bilanci 2014) ammonta a 1,68 miliardi di euro, i crediti a 1,15 miliardi, per un totale di 2,8 miliardi di masse amministrate. I soci della nuova Rurale saranno 10.098, i dipendenti oltre duecento, distribuiti in 27 filiali.

Sarà compito dei nuovi amministratori attuare, sulla base di quanto già presentato in Banca d’Italia, un piano industriale che disegni la presenza sul territorio e l’organizzazione dell’istituto, mantenendo invariate le esigenze di solidarietà, relazione con la comunità e presidio territoriale che sono proprie di ogni impresa cooperativa. Occorrerà molto probabilmente ridefinire la funzione degli sportelli, che non avranno più una funzione generalista ma saranno convertiti alla consulenza e al servizio personalizzato.

Una riorganizzazione che non prevede esuberi di personale, a fronte di nuovi servizi alla clientela.

Perché la fusione

La motivazione principale può apparire perfino banale: è cambiato il mondo, è cambiato il modo di fare banca. La tecnologia è destinata a modificare radicalmente il nostro rapporto con un istituto di credito. Che deve reagire e riorganizzarsi. Inoltre la crisi del 2008 ha lasciato sul terreno scorie velenose - che nel gergo bancario si chiamano “crediti deteriorati” - che vanno gestite.

Le Casse Rurali, al pari di ogni altro istituto bancario e con qualche responsabilità sociale in più, hanno l’obbligo di interrogarsi sul proprio futuro e individuare le migliori strategie per evolvere verso un domani che garantisca le nuove generazioni. Lo spirito stesso della cooperazione, che è solidarietà e collaborazione, impone di trovare soluzioni in nome di un ideale che va ben oltre le persone e i campanili.

Non una fusione per necessità quindi, ma per opportunità.  La nuova Cassa saprà interpretare al meglio le esigenze delle famiglie e delle imprese e contribuire a trainare una ripresa che nell’area fatica ancora a manifestarsi. Una Rurale solida, ben patrimonializzata e adeguatamente organizzata rappresenta la migliore premessa per garantire il sostegno all’economia locale.  

Probabilmente troverai di tuo interesse anche

  • E' nata la Cassa Rurale Alta Valsugana - Firmata la fusione Mercoledì, 29 Giugno 2016

    Firmato l'atto di fusione tra le Casse Rurali di Pergine, Caldonazzo, Levico e Pinetana Fornace e Seregnano. Il 20 luglio l'assemblea elettiva della Cassa Rurale Alta Valsugana

  • Mondo cooperativo 2015 - puntata 11 Lunedì, 16 Maggio 2016

    In questa puntata: 

  • Casse Rurali dell’Alta Valsugana. Parte il percorso di fusione Martedì, 26 Gennaio 2016

    Il nome c'è, si chiamerà Cassa Rurale Alta Valsugana, e sarà un istituto di credito formato dalle attuali quattro Casse Rurali di Pergine, Caldonazzo, Levico Terme e Pinetana Fornace e Seregnano. Il percorso verso la fusione è stato definito in una riunione operativa tra i presidenti e direttori dei quattro istituti, dopo che i rispettivi consigli di amministrazione avevano approvato il piano complessivo. Nel servizio, le interviste ai presidenti: Franco Senesi della CR Pergine,...

  • Casse Rurali dell’Alta Valsugana. Parte il percorso di fusione Martedì, 26 Gennaio 2016

    Il nome c'è, si chiamerà Cassa Rurale Alta Valsugana, e sarà un istituto di credito formato dalle attuali quattro Casse Rurali di Pergine, Caldonazzo, Levico Terme e Pinetana Fornace e Seregnano. Il percorso verso la fusione è stato definito in una riunione operativa tra i presidenti e direttori dei quattro istituti, dopo che i rispettivi consigli di amministrazione avevano approvato il piano complessivo. Nel servizio, le interviste ai presidenti: Franco Senesi della CR Pergine,...

  • Storie di cooperazione: Patrizia Montermini Martedì, 19 Maggio 2015

    Si parte dalle persone, dalla loro storia privata e professionale, per scoprire le sfumature, le emozioni, i dettagli che caratterizzano il sistema cooperativo trentino. In ogni puntata della trasmissione "Tutti per uno", realizzata da Rttr con il contributo della Cooperazione Trentina e della Provincia autonoma di Trento, un cooperatore o una cooperatrice racconta la propria esperienza di vita e in che modo l'impegno in cooperazione abbia fatto la differenza. In questa puntata Patrizia...

  • Storie di cooperazione: Patrizia Montermini Martedì, 19 Maggio 2015

    Si parte dalle persone, dalla loro storia privata e professionale, per scoprire le sfumature, le emozioni, i dettagli che caratterizzano il sistema cooperativo trentino. In ogni puntata della trasmissione "Tutti per uno", realizzata da Rttr con il contributo della Cooperazione Trentina e della Provincia autonoma di Trento, un cooperatore o una cooperatrice racconta la propria esperienza di vita e in che modo l'impegno in cooperazione abbia fatto la differenza. In questa puntata Patrizia...

  • Cassa Rurale di Pergine: il bilancio sociale Lunedì, 03 Novembre 2014

    Talk-show al nuovo teatro per la presentazione del bilancio sociale. Oltre 400 persone ad ascoltare. Sartori: “L'Italia è in piena crisi, questa banca tiene”. Il direttore de Manincor: “Qualche difficoltà nei crediti; buona, a sorpresa, la raccolta”. Senesi: “700 mila euro spesi sul territorio nel 2013”. Il suo slogan: “Sempre insieme con fiducia”. Premiati 74 giovani meritevoli. Franco Senesi, presidente Cassa Rurale di Pergine Mauro de Manincor, direttore Cassa Rurale di Pergine...

  • Mondo cooperativo 2014 - puntata 9 Giovedì, 30 Ottobre 2014

    In questa puntata: - la cooperativa sociale Fidente presenta il progetto “Sorriso amico” offrendo anche a chi è escluso dal sistema sanitario una assistenza odontoiatrica di qualità; - la cooperativa La Sfera festeggia i 20 anni con un concorso di idee; - il bilancio sociale della Cassa Rurale di Pergine; - la nona puntata del vademecum sulla cooperazione (Quale altre forme di finanziamento ci sono a disposizione per le nuove imprese cooperative?). In chiusura la ricetta per preparare...