La certificazione Family Audit: benefici sociali e benefici economici Venerdì, 07 Marzo 2014

Martedì 18 marzo, dalle 9.00 alle 13.00 presso la Sala Wolf del Palazzo delle Provincia (in piazza Dante 15 a Trento), si terrà la presentazione dell’impatto della certificazione aziendale familiare nelle organizzazioni e sulla vita privata dei lavoratori e la consegna del certificato base Family Audit a 13 organizzazioni, tra cui sei cooperative trentine

Fra le grandi sfide del nostro tempo, caratterizzato dal difficile momento economico che condiziona pesantemente anche ogni bilancio familiare, segnato frequentemente da servizi di cura sempre più impegnativi dal punto di vista dei costi, la conciliazione fra i tempi lavorativi e i tempi famigliari è sicuramente quella che oggi, assieme alla sicurezza del lavoro, tocca più da vicino le famiglie, mettendo alla prova benessere, equilibrio e capacità reddituale dei suoi membri.

L’obiettivo dello standard Family Audit è di rendere compatibile la presenza del lavoratore sul lavoro e in famiglia con l’intento di favorire l’equilibrio nella vita dei singoli soggetti del sistema, in particolare delle donne. I cambiamenti organizzativi che si vogliono introdurre nel management aziendale riguardano, pertanto, il mondo del lavoro nel suo insieme, ma toccano a cascata, oltre le donne, la famiglia, le relazioni tra i suoi membri e tutta la società.

Dalla sperimentazione del Family Audit, che concentra l’attenzione sulla conciliazione vitalavoro, un concetto emerge con chiarezza: migliori condizioni di lavoro e un supporto diretto alle famiglie favoriscono un miglior clima aziendale con un vantaggio anche sulla produttività e possono accrescere i livelli occupazionali, soprattutto sul fronte femminile. In Italia sono oggi più di cento le organizzazioni che hanno avviato un percorso di certificazione familiare.

Il Dipartimento per le politiche della Famiglia della Presidenza del Consiglio dei Ministri ha avviato con la Provincia Autonoma di Trento una sperimentazione nazionale sullo standard che ad oggi ha coinvolto 42 organizzazioni e sono in fase di definizione ulteriori strumenti per diffondere lo standard.

 

 

Probabilmente troverai di tuo interesse anche

  • Vincere la sfida della sostenibilità Martedì, 10 Gennaio 2017

    I giovani con le loro scelte possono vincere le sfide del futuro e realizzare un mondo dove temi quali sostenibilità ambientale e dignità sociale del lavoro siano delle priorità. E' quanto emerge dalle interviste all'economista Leonardo Becchetti e a Rainer Atzwanger di Cassa Centrale Banca, ospiti del primo appuntamento di EticaMente, il percorso formativo organizzato dall'associazione Giovani Cooperatori per avvicinare le giovani generazioni al mondo dell'economia e della finanza con...

  • Il progetto Tirigiro Giovedì, 06 Ottobre 2016

    Il kit scuola materna Tirigiro raccontato dalla presidente della cooperativa Amica, Giada Gaia Cigala, designer kit Tirigiro, Nicoletta Molinari, presidente cooperativa CS4.

  • Bail in e credito Mercoledì, 05 Ottobre 2016

  • Corretta alimentazione Mercoledì, 05 Ottobre 2016

  • Una giornata con Stefano Raffaelli (Risto3) Martedì, 04 Ottobre 2016

    Il raconto di Stefano Raffaelli, direttore generale Risto 3.In chiusura Arianna Giuliani, della Federazione Trentina della Cooperazione, risponde alla domanda: "Quali incentivi ci sono a sostegno di una nuova cooperativa?"

  • Assistenza anziani Martedì, 04 Ottobre 2016

  • Mondo cooperativo 2015 - puntata 13 Lunedì, 16 Maggio 2016

  • “Trentino Cura”, la risposta coop ai bisogni degli anziani Mercoledì, 09 Marzo 2016

    Oggi gli ultrasessantacinquenni in Trentino sono centomila, ma saranno 150 mila nel 2030. Mentre cresce il numero degli anziani non più autosufficienti o in condizioni di fragilità, i tagli alla spesa pubblica interessano anche le risorse per la loro cura e assistenza. Per offrire risposte ai bisogni di questa fascia debole di cittadini e alle loro famiglie, nasce in provincia di Trento, “Trentino Cura”, la risposta cooperativa ai bisogni degli anziani. Le cooperative sociali coinvolte...

  • “Trentino Cura”, la risposta coop ai bisogni degli anziani Mercoledì, 09 Marzo 2016

    Oggi gli ultrasessantacinquenni in Trentino sono centomila, ma saranno 150 mila nel 2030. Mentre cresce il numero degli anziani non più autosufficienti o in condizioni di fragilità, i tagli alla spesa pubblica interessano anche le risorse per la loro cura e assistenza. Per offrire risposte ai bisogni di questa fascia debole di cittadini e alle loro famiglie, nasce in provincia di Trento, “Trentino Cura”, la risposta cooperativa ai bisogni degli anziani. Le cooperative sociali coinvolte...

  • Storie di cooperazione: Massimo Occello Lunedì, 18 Maggio 2015

    Si parte dalle persone, dalla loro storia privata e professionale, per scoprire le sfumature, le emozioni, i dettagli che caratterizzano il sistema cooperativo trentino. In ogni puntata della trasmissione "Tutti per uno", realizzata da Rttr con il contributo della Cooperazione Trentina e della Provincia autonoma di Trento, un cooperatore o una cooperatrice racconta la propria esperienza di vita e in che modo l'impegno in cooperazione abbia fatto la differenza. In questa puntata Massimo...